Connect with us

Valsugana e Primiero

Pergine: ritrovato a Verona il detenuto evaso dall’ospedale psichiatrico

Pubblicato

-


Un 46enne, detenuto in un ospedale psichiatrico di Pergine Valsugana, è stato ritrovato a Verona dopo qualche giorno dalla fuga.

Il malato era evaso e se ne erano perse le tracce, ma la polizia di Verona lo ha intercettato nella notte del 10 luglio.

Dopo aver picchiato e perseguitato il suo datore di lavoro, i medici avevano diagnosticato un disturbo della personalità per la quale era stato internato e condannato a scontare la sua pena nella struttura della Valsugana.

PubblicitàPubblicità

Il detenuto è un 46enne di Brescia che deve scontare una pena che scadrà il prossimo 16 novembre.

A suo carico risultano anche altri due precedenti penali per danneggiamento e per guida in stato di ebbrezza.

La polizia di Verona ha riaccompagnato il detenuto nell’ospedale psichiatrico di Pergine.

Valsugana e Primiero

Levico, ondata di furti in casa. Madre con bimba mette in fuga i ladri

Pubblicato

-


All’interno di un’altra serie di furti avvenuti in una sola notte in Valsugana, a Levico, è capitata anche una madre con bimba piccola. (altro…)

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Ciclabile Valsugana, martedì l’inaugurazione del ponte sul torrente Grigno

Pubblicato

-


Da martedì i ciclisti ed i pedoni che percorreranno la ciclabile della Valsugana potranno attraversare il torre Grigno senza lasciare la pista. (altro…)

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Si infortuna mentre cerca funghi, salvato dal soccorso Alpino

Pubblicato

-


La chiamata di aiuto al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata verso le 7.30 di questa mattina dallo stesso signore, un settantenne di Ravenna che stava andando per funghi nella zona tra Ronco e Canal San Bovo, in Vanoi.

L’uomo stava percorrendo da solo la strada del Fen, quando è scivolato procurandosi un trauma all’arto inferiore.

Immediato l’intervento dell coordinatore dell’Area operativa Trentino Orientale del Soccorso Alpino che ha inviato sul posto le squadre di terra.

PubblicitàPubblicità

Le operazioni di recupero si sono rivelate particolarmente complesse poiché l’infortunato si trovava in un luogo impervio e scosceso.

I soccorritori hanno raggiunto il settantenne, lo hanno stabilizzato, imbarellato e trasportato a piedi prima lungo un traverso e poi facendo calare la barella per una sessantina di metri.

Una volta raggiunta una zona più aperta, è stato possibile far intervenire l’elicottero che ha caricato a bordo l’infortunato e lo ha trasportato all’ospedale Santa Chiara di Trento.

L’operazione si è conclusa intorno alle 10.

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it