Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

L’estate clesiana apre i battenti con ‘Fiori e colori’ e ‘Il bosco nelle sue forme’

Pubblicato

-

E’ stata inaugurata ufficialmente sabato 7 luglio la 7ma edizione di ‘Fiori e colori’ che quest’anno si intitola “Il bosco nelle sue forme” ed ha per tema la montagna.

Con ancora in sottofondo le note delle canzoni dei ‘Dibe Acoustic’ che educatamente si espandevano in Corso Dante, il Presidente della Pro Loco di Cles Lorenzo Paoli, ha espresso il suo compiacimento per le installazioni poste in tutto Cles per la stagione estiva, cedendo poi il microfono al Sindaco di Cles Ruggero Mucchi: “Come vedete quest’anno abbiamo chiuso il centro di Cles e sono stati allestiti i giardini, grazie soprattutto al grande lavoro di Lorenzo Adami della Fondazione Mach che ha ideato questo allestimento ottenendo un risultato davvero caratteristico ed originale.

Per Fiori e colori abbiamo adottato la scelta di chiudere le due piazze in modo completo; non sappiamo se questa decisione sarà apprezzata oppure no, ma crediamo che per un mese si potrà fare a meno della macchina, dobbiamo imparare ad andare a piedi (io per primo). Ringrazio i commercianti, gli artigiani, il Comune di Cles, la Pro Loco di Cles, il Consorzio Cles Iniziative, – e ringrazio il suo Presidende Marco Cattani – sosteniamo questi enti che sono sempre coesi nell’organizzazione delle manifestazioni. Intanto godiamoci questa estate, che promette bene!”.

Pubblicità
Pubblicità

“Cles riesce sempre a mettersi in luce, – ha osservato Il Vicepresidente del Consiglio Regionale Lorenzo Ossanna – : è un biglietto da visita per la Val di Non e di Sole. Penso che questa esposizione sia un’attrazione esportabile per cercare di creare un volano verso i centri cittadini e distinguersi dalla tradizione. Grazie a tutti gli operatori che con sforzo ed impegno sono riusciti a regalarci questa nuova iniziativa, specialmente la casetta in in legno centrale che è piaciuta molto”.

A questo proposito, Lorenzo Paoli ha spiegato che “Questa ‘casetta’ è indubbiamente al centro della curiosità generale, e va un immenso grazie all’azienda di Agostino Borghesi, un imprenditore sempre a fianco della comunità, che l’ha donata alla Pro Loco.

Pubblicità
Pubblicità

Anche l’Assessore Andrea Paternoster ha dichiarato il suo compiacimento per la riuscita delle installazioni e ringrazia tutti gli Enti, gli operai, i volontari, le Associazioni, i Gruppi Rionali, che hanno contribuito alla realizzazione dei giardini, con l’augurio che la gente partecipi alle iniziative proposte, con la preghiera di contribuire come sostegno a questa attrazione a 360°.

Pubblicità
Pubblicità

Il Sindaco Mucchi ha concluso ricordando che la mostra allestita a Palazzo Assessorile dell’artista Adolf Vallazza, ‘Una storia scritta nel Legno‘, bene si associa al tema della montagna che si espande nelle piazze e che vuole essere anche uno spunto per frequentare la nostra montagna, che diviene sempre più praticabile, come la Boiara, il Rifugio Peller, le malghe, ma da frequentare sempre in modo educato e consapevole. “D’altro canto, noi senza montagna cosa faremo?” – ha domandato alla fine al pubblico presente

Gradito l’intervento di Elda Zucal, personaggio storico della Pro Loco e non solo, da sempre impegnata per il proprio paese, che ha voluto ringraziare tutti quelli che hanno contribuito, e, da sempre innamorata di Cles, ha sottolineato l’importanza dei turisti, ma che il paese ha bisogno di tutti, dei giovani ma anche degli anziani,  ricordando l’anniversario dei 120 anni della Pro Loco e proponendo di contribuire individualmente nel corso dell’anno, donando 120 minuti del proprio tempo a disposizione della Pro Loco.

Innumerevoli gli eventi proposti, culturali, musicali, artistici, gastronomici, sportivi, sociali, ricreativi per bambini, tempo libero, divertimento, shopping; è difficile non trovare qualcosa da fare durante quest’estate, sia per turisti entusiasti che per residenti un po’ annoiati.

Ci saranno tre laboratori dove dar sfogo alla creatività: – Natura e arte -, – Bosco zen -, Mani in arte – questi i temi proposti. Via libera alla golosità con i “Martedì del gusto”, tutti i sabati il “Mercato contadino” dove acquistare prodotti genuini a Km. 0; momento happy hour con “Apericles” tutti i martedì; aperture serali i martedì di luglio e agosto con “Negozi aperti”; serate danzanti con il “Ballo liscio”; animazioni per i più piccoli; la popolarissima “Festa dello Sport Clesiano”; il mitico “Cantacles” (14ma edizione) come sempre ricco di ospiti famosi ed abbinato alla lotteria ‘Vincicles’; il divertente “Piccoli fans”; a Palazzo Assessorile la mostra dell’artista Adolf Vallazza “Una storia scritta nel legno”; le tradizionali feste rionali come la “Sagra di San Lorenzo” a Mechel, nel rione Lanza “Lanza Fest”, la “Sagra dell’Assunta” festa patronale in centro con fuochi d’artificio, “Caltron bot” nella frazione di Caltron.

Ma non è finita qui: ci saranno sfilate di moda, tornei di burraco, mercatini delle pulci, dei libri usati e mercatini degli hobbysti, balli con Zumba party, festa e cena con i ragazzi della cooperativa GSH, rappresentazioni teatrali, feste e balli con gli ospiti della Casa di riposo S. Maria, conceti jazz, gruppi di lettura in collaborazione con la Biblioteca di Cles, concerti con la Corale C. Eccher, serata di coralità e cori di montagna, serata per ammirare l’eclissi di luna con accompagnamento di musica classica, recital di pianoforte, spettacolo di cabaret, memorial di pattinaggio a rotelle, mostra di funghi, racconti e leggende, visite al frutteto storico, e tanto altro.

Da non dimenticare l’immancabile regata di dragonboat “Dragononesa” che si svolgerà al lago di S. Giustina località Plaze di Dermulo e alla sera lo scatanato party sulla spiaggia.

Non mancheranno le consuete feste in montagna: in Verdè sul Monte Cles la “Festa degli Alpini” con il pranzo tipico; in Malga Clesera sul Monte Peller la festa della “Madonna della Neve” con la S. Messa, il coro Monte Peller e pranzo; a Pian della Nana per Suoni delle Dolomiti concerto con Andrea Motis Quintet; a Malga Boiara festa sociale del Gruppo Anaune Micologico.

Il programma completo è scaricabile dal sito del Comune di Cles e disponibile in Pro Loco a Cles

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Rallo, teatro sold out per lo spettacolo di domani “Agenzia matrimoniale”. Ci sono ancora posti, invece, per la replica di domenica

Pubblicato

-

Dopodomani, domenica 19 gennaio alle 21, al teatro di Rallo va in scena “Agenzia matrimoniale”, commedia comico brillante in tre atti in dialetto trentino della filodrammatica “Ral” di Rallo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Campodenno, il rito della benedizione del sale è tornato alla “Famiglia d’origine”

Pubblicato

-

Un rito antichissimo, quello della benedizione del sale nella Giornata di Sant’Antonio Abate, è tornato alla “Famiglia di origine”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

A Cles grande attesa per la serata su “Radioamatori: i pionieri della comunicazione wi-fi”

Pubblicato

-

Sarà una serata insolita quella che si svolgerà presso la sala Borghesi-Bertolla della Biblioteca di Cles in piazza Navarino, martedì 21 gennaio ad ore 20,30 ed intitolata “Radioamatori – I pionieri della comunicazione wi-fi”.

Radioamatori: ma chi sono? Cosa fanno di preciso? C’è chi dice che lo fanno per passione, chi dice che è una mania; a chi sembra un’inutile perdita di tempo, chi non ci capisce un’acca.

Ma la realtà è che i radioamatori sono stati ‘pionieri’ nel campo delle telecomunicazioni, e questo è inequivocabile.

Pubblicità
Pubblicità

Negli anni ’70 e ’80 sembrava una moda, tutti volevano la radio, il baracchino, bramavano per entrare in contatto con persone all’altro capo del mondo, o in qualche luogo remoto: era un po’ il Facebook del momento.

Su macchine e tetti imperavano antenne di qualsiasi lunghezza e dimensione; in giro spiccavano certi antennoni ben più lunghi delle automobili sulle quali erano piazzati.

Pubblicità
Pubblicità

Ma non è stata solo una moda, e mai lo sarà: i radioamatori hanno svolto e svolgono tuttora un fondamentale servizio di utilità sociale, aiutando civili e forze dell’ordine, captando richieste di aiuto che esclusivamente loro sono in grado di recepire.

E non lo fanno solo per divertimento: ottenere l’attestato di radioamatore richiede impegno, studio, competenze tecniche e scientifiche. I radioamatori hanno fatto la radiocronaca durante gare sportive, allertato in caso di pericolo, sono sempre stati e sempre lo saranno a disposizione di chi richiede i loro servizi, come volontari, come persone coese alla società nella quale vivono, consapevoli di maneggiare strumenti altamente specializzati.

Pubblicità
Pubblicità

Senza i radioamatori forse oggi non esisterebbero nemmeno internet, il web e quantomeno i social.

L’evento, organizzato in collaborazione con il Comune di Cles e la Biblioteca di Cles, è improntato come incontro/dibattito tra appassionati radioamatori ed esperti in telecomunicazioni e comunicazione nel contesto generazionale, evidenziando i seguenti argomenti: passione e socializzazione, ma anche importante attività al servizio di protezione civile, enti locali e forze dell’ordine.

Questa iniziativa è stata presentata in conferenza stampa mercoledì 15 gennaio scorso, con l’introduzione dell’Assessore alla Cultura Avv. Vito Apuzzo e la partecipazione dell’Avv. Massimiliano Debiasi e di Walter Corradini, rispettivamente moderatore e coordinatore della serata.

Nel pomeriggio dello stesso mercoledì, l’incontro è stato anche presentato in diretta attraverso i microfoni di Radio Anaunia, durante il programma “Tempo reale” condotto da Giulia Stringari e Alessandra Demagri, al quale hanno partecipato i coordinatori Walter Corradini e Orietta Coletti, il moderatore dell’evento Massimiliano Debiasi, accompagnati da Gianni Marzari, ‘storico’ radioamatore fin dagli esordi.

Ricordiamo che Corradini è autore del libro ‘Luciano Debiasi – Il camoscio del Peller’, che presentò il 2 maggio scorso, proprio nella medesima sala (qui l’articolo) riscuotendo un notevole successo. Anche in quel frangente il moderatore è stato Max Debiasi, pure lui radioamatore. Chi meglio di Max per riscaldare la platea? Sicuramente ci sarà da divertirsi con gli aneddoti che riuscirà a scucire (in italiano o in noneso) ai vari personaggi intervistati.

Presenzieranno numerosi ospiti, tra i quali radioamatori ‘senior’ ed attuali, forze dell’ordine, giornalisti ed editori (tra i quali anche il nostro editore Roberto Conci), appassionati, esperti, e molti altri.

Anticipiamo una grande sorpresa: nel corso della serata i soci dell’A.R.I. Cles, per mezzo di un impianto installato appositamente per l’occasione, ci offriranno un collegamento in diretta con altri radioamatori d’oltreoceano.

Questo appuntamento sarà seguito da una seconda serata, dal titolo “Social-mente insicuri. Sms – sos”, facente parte del ciclo di 4 incontri intitolati “La tua sicurezza ci sta a cuore”, organizzati dalla Biblioteca di Cles, che avrà luogo sempre in sala Borghesi-Bertolla martedì 25 febbraio prossimo; come per il primo appuntamento, il moderatore sarà l’Avv. Massimiliano Debiasi – coordinatori: Walter Corradini e Orietta Coletti

Questo progetto vuole dare risalto anche alla beneficenza. Durante le due serate di gennaio e febbraio, verrà effettuata una raccolta fondi a favore di Padre Sebastian Muthirenthikal, per la sua Missione ‘Divine Providence Home for disabled boys’ in India.

L’ingresso è gratuito

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza