Connect with us
Pubblicità

Musica

Arriva «Voglia di te» il nuovo singolo dei Canton, il gruppo pop-rock elettronico di Riva del Garda

Pubblicato

-

Dopo un silenzio durato 15 anni, il gruppo di Riva del Garda esce con un nuovo singolo dove Funk, elettronica e rock si intersecano in un brano che svela il lato estremo dell’amore.

I Canton hanno raggiunto la popolarità con la hit “Sonnambulismo” (Sanremo ’84), scritta da Enrico Ruggeri, poi arrangiata e trasformata dai tre ragazzi – Marcello Semeraro, Francesco Marchetti e Stefano Valdo – in un pop rock iper elettronico: sequencers, sintetizzatori e ciuffi biondi come si usava negli anni ’80.

Ma, ciuffi biondi e borchie glitterate a parte, erano soprattutto i contenuti – interessanti e un certo senso di rottura per il mercato italiano – la qualità, innovazione ed eleganza a farli amare dal pubblico.

PubblicitàPubblicità

La particolarità del progetto Canton è stata proprio quella di essere stati uno dei rari esempi in cui il pop italiano è apparso in grado di confrontarsi a testa alta con la scena inglese e americana. Dopo “Sonnambulismo” arriva “Please don’t stay”, scritta e prodotta dai Canton stessi, che li ha portati a vincere “Azzurro” e a partecipare al Festivalbar ’85. “Please don’t Stay” fu pubblicata in tutta Europa, Inghilterra inclusa, cosa rarissima allora. Gli ingredienti erano perfetti insomma per una scalata – peraltro già ben avviata – verso le vette del filone pop new wave europeo…

Anche l’ossigeno può essere tossico a dosi eccessive così come l’amore, che può stregare, annullare, rendere – anche se felicemente – schiavi del fascino di una persona.

È questo l’incipit del nuovo disco del gruppo di Riva del Garda.

“Voglia di te” è musicalmente un pezzo che si è evoluto da solo: è partito da una base molto funk per poi mettere radici nell’elettronica durante la lavorazione in studio. Immancabile il colpo di coda rock sul finale.

Dopo il grande successo riscontrato dal precedente singolo “Ancora estate” (arrivato alla prima posizione della classifica Emergenti Web LINK) arriva quindi un pezzo che saprà prolungare la scia d’entusiasmo messa in moto dal ritorno della band cult anni ‘80.

“La musica dei Canton di oggi è la musica di Canton nel 2018. Non ci piace il revival né la nostalgia, non ci piace dire “Quelli erano bei tempi”, preferiamo continuare a evolverci e portare ai nostri tempi il nostro stile di sempre: l’elettronica rimane la grande nostra passione, ma oggi c’è molto più spazio per le ballate e per esperimenti e sconfinamenti più ampi in atmosfere rock o funky”.

Pubblicità
Pubblicità

Musica

Skibidi, il tormentone che arriva dall’est

Pubblicato

-

Skibidi è il nome del tormentone prodotto dalla rave band russa Little Big che in breve tempo ha superato i 161 milioni di visualizzazioni su YouTube. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Musica

Giorgio Moroder il 7 Aprile «live» a Cima Tognola in Primiero: e il mito della Disco Music continua

Pubblicato

-

Si attende solo l’approvazione della Provincia per ufficializzare l’evento musicale “Giorgio Moroder – His music, His life, His legend”, ideato e fortemente voluto da Cristian Marin che ha già ottenuto l’approvazione del Comune di Primiero, in programma per domenica 7 aprile alle 13.30 a 2.200 metri di quota a Cima Tognola.

I biglietti per assistere al djset organizzato da Pino Putignani di Piattaforma Spettacoli sono in effetti già disponibili da alcuni giorni: il prezzo varia, da 55 a 155 euro compresa la risalita in cabinovia.

Consenso anche da parte dell’Apt e dell’assessore provinciale al Turismo Roberto Failoni, ma l’ultima parola resta della Provincia, che non si è ancora espressa in merito.

PubblicitàPubblicità

La decisione dipenderà anche dal parere diretto dell’amministrazione del Parco Paneveggio Pale di San Martino, trattandosi di un’area protetta situata all’interno del parco.

In merito il presidente del Parco Silvio Grisotto esprime parere contrario: pur non trattandosi di un tipo di musica non classificabile come “rumore molesto”, è necessario considerare il fatto che adiacente all’area si trova “ l’arena” di canto dei galli cedroni e dei galli forcelli.

Il periodo coinciderebbe con l’inizio del momento riproduttivo e tale disturbo, seppur limitato ad un breve lasso di tempo, circa 2 ore, potrebbe incidere in maniera pesante sull’attività riproduttiva dei volatili.

Grisotto auspica che arrivi un parere negativo da parte della Provincia e specifica che quest’ultima potrà decidere solamente dopo aver interrogato in merito la direzione del parco.

L’artista, re della disco music degli anni 70 intanto si gode la vita tranquilla di Ortisei dove risiede.

«È tranquilla – afferma Moroder – ormai preferisco stare qui che a Los Angeles. Sono sempre tornato qui almeno una volta all’anno, solo che ora ci passo la maggior parte dell’anno. C’è anche un bel campo di golf qua vicino. Ma qui la vita notturna non va molto: una volta ho fatto un DJ set qua vicino e qualcuno si è lamentato del casino».

Ma chi pensa che Moroder sia un’artista che si gode la vecchiaia sbaglia di grosso.

Infatti per la prima volta in 78 anni di vita, Giorgio andrà in tour.

Si chiama A Celebration of the 80’s e, partendo da Birmingham il primo aprile 2019, attraverserà l’Europa passando anche da Milano, Firenze e Roma, rispettivamente il 17, 18 e 19 maggio. Sarà una specie di best of con (tanto di orchestra) delle hit che ha prodotto per Cher, Donna Summer, Bowie, Freddie Mercury e via così.

«Mi hanno chiamato in tanti modi, anche “il Padrino della disco music”. Non ci ho mai fatto troppo caso, basta solo non mi chiamino “il nonno” della disco, poi mi va bene tutto»ha dichiarato alla rivista Rolling Stone Moroder

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Musica

Conservatorio «Bonporti»: stasera il Concerto inaugurazione per l’ anno Accademico 2018-19

Pubblicato

-

Stasera, martedì 5 febbraio alle ore 20,30 presso l’Auditorium Santa Chiara di Trento, il Conservatorio “Bonporti” di Trento e Riva del Garda presenterà il Concerto d’inaugurazione dell’Anno Accademico 2018-19: i giovani musicisti dell’orchestra del conservatorio affiancheranno i propri compagni vincitori al Premio Nazionale delle Arti 2018.

In occasione della tredicesima sessione del Premio Nazionale delle Arti, la prestigiosa rassegna a premi dedicata al settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale, il Conservatorio “Bonporti” di Trento e Riva del Garda nel 2018 ha non solo ripetuto ma ampliato il successo del 2017: alla vittoria ottenuta due anni fa nella sezione “Pop-Rock” con il quartetto formato da Andrea Dionisi, Matteo Abatti, Matteo Valle e Manuel Castellini, è succeduto, nella rassegna del 2018, il conseguimento di tre premi: nella sezione “Strumenti a fiato-legni” – con il fagottista Augusto Palumbo, allievo del professor Alberto Santo –, ed in due sezioni dove sono emersi cinque sassofonisti allievi del prof. Marco Albonetti: i quattro componenti del Mestizo Saxophone Quartet Caroline Leigh Halleck, Vered Kreiman, Jaime Mora ed Ayala Rollia (vincitori nella sezione “Musica da camera”) e Filippo Corbolini, vincitore a pari merito del primo premio nel concorso dedicato al Sassofono solista, al quale è stata riconosciuta la “Menzione per merito artistico”.

Al fine di offrire pubblica attestazione dell’eccellenza di un’offerta didattica così ben riconosciuta dai premi ottenuti, il “Bonporti” ha deciso d’imperniare sui citati vincitori il concerto d’inaugurazione dell’Anno Accademico 2018-19, che avrà luogo alle ore 20,30 di martedì 5 febbraio presso l’Auditorium Santa Chiara di Trento.

PubblicitàPubblicità

Affiancati dall’Orchestra del Conservatorio, guidata dal maestro Juliàn Lombana, (foto) i due solisti, Palumbo e Corbolini, si cimenteranno rispettivamente con il Concerto per fagotto ed orchestra in Fa maggiore op. 75 del compositore tedesco ottocentesco Carl Maria von Webere con la Rapsodia per sassofono baritono e orchestra del compositore novecentesco statunitense Mark Watters.

Ancora a brani del Novecento si dedicheranno il Mestizo Saxophone Quartet – che eseguirà lavori del francese Eugène Bozza (Nuages) e del brasiliano Marcelo Zarvos (Memory) – e la stessa Orchestra del Conservatorio, alla quale sarà affidata la conclusione del concerto con la brillante ouverture dell’operetta Candide, tratta dall’omonima novella di Voltaire dal compositore, pianista e direttore d’orchestra statunitense Leonard Bernstein

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza