Connect with us
Pubblicità

Politica

ITEA, Robbi (AGIRE): «non solo calcoli sui numeri, bisogna analizzare lo “stato” pratico e situazionale della famiglia in questione.»

Pubblicato

-

“In questi giorni – spiega in questa nota Gian Piero Robbi di Agire per il Trentino – ho ricevuto una telefonata di una mamma disperata. Una donna divorziata con a carico tre figli molto giovani, di cui due ancora minorenni, che grazie a ITEA (Istituto Trentino Edilizia Abitativa) ha a disposizione una casa popolare “cablata” sul suo nucleo familiare. E che sempre grazie a ITEA sta vivendo un incubo, e ora vi spiego il perché.

Prima qualche informazione su ITEA: per entrare in graduatoria e avere un appartamento, va presentato l’ICEF (Indicatore della condizione economica familiare, quello che altrove è chiamato ISEE) e se la domanda viene accolta si pagherà un canone moderato, cioè si paga un affitto molto basso in base al reddito.

Sulla base dei componenti del nucleo famigliare, poi, vengono calcolati i metri quadri minimi di cui la famiglia ha bisogno: nel caso della nostra mamma con tre figli (quindi 4 membri nel nucleo familiare) poco più di 70.

PubblicitàPubblicità

Questo si tramuta in una casa con due camere da letto che la mamma, avendo tre figli, ha dato a loro. E lei? Lei dorme in cucina dove si è ritagliata un pezzo di camera (lei lo definisce un tugurio) per avere un minino di privacy perché sembra che per ITEA la privacy delle persone sia un privilegio che possono permettersi in pochi.

Si è “creata” un buco di pochissimi metri quadri (poco più di due) ricavando uno spazio nell’angolo della cucina, tirando su un piccolo muro in cartongesso. Non ha nemmeno porte, ma solo una tenda a dividere lo spazio della sua “camera” da quello della cucina. Un tugurio.

La mamma ha chiesto un cambio di alloggio all’ITEA, per avere una stanza in più o quantomeno un appartamento più spazioso anche fuori città (abitazioni meno “appetibili” e comode dal punto di vista della posizione), ma da ITEA c’è stato parere negativo. Il nucleo familiare parla chiaro: la famiglia è composta da quattro persone, e quelli sono i metri quadri cui hanno diritto, non uno di più.

Pubblicità
Pubblicità

Sì, peccato che all’ITEA usino due pesi e due misure. Tutto dipende da chi presenta la domanda, pare.
Ad alcuni vengono dati appartamenti molto più grandi di quanto serva, e a questa mamma, che ne ha davvero bisogno, è stato assegnato un appartamento piccolo per niente adatto al loro nucleo familiare.

Case ITEA

Una soluzione? C’è bisogno non solo di fare calcoli sui numeri, ma soprattutto di analizzare lo “stato” pratico e situazionale della famiglia in questione. Il contesto familiare è essenziale: i quattro membri della famiglia – continua Robbi -non sono una coppia di genitori e due figli (in quel caso due camere sarebbero state abbastanza, forse) ma una mamma e tre figli! I ragazzi hanno bisogno di spazio, si sa, ma anche la mamma ha diritto alla sua privacy, alla sua intimità e a una vita dignitosa. Non certo di vivere in un angolo della cucina, separata solo da una tenda dal resto della sala!

La domanda è: perché ad altri sì e a loro no? Spesso, purtroppo, e me ne dispiaccio, viene data la precedenza a extracomunitari e profughi rispetto a persone che ne hanno veramente bisogno, non che loro siano di meno.

Questa è una grande ingiustizia, è evidente: le regole devono essere uguali per tutti. Chiunque tu sia, se hai bisogno davvero di un appartamento dovresti riceverlo, in caso contrario no. E dovresti anche riceverlo in base sì ai numeri (reddito, nucleo familiare eccetera) ma soprattutto in base al contesto situazionale, che viene sempre più lasciato in fondo alla lista, ignorato e bistrattato, da ITEA e da altri.

Ogni famiglia – ha concluso Robbi – è unica e va tutelata in modo unico, misurato, responsabile. Io non smetterò di battermi per questa mamma e per tante altre famiglie, che vivono situazioni sempre diverse.

E allora mi rivolgo a ITEA: vogliamo analizzare questo benedetto contesto familiare? Vogliamo fare più attenzione alle singole situazioni pratiche piuttosto che ai numeri? Le persone non sono numeri, non mangiano numeri e non dormono sui numeri. Spero che prima o poi ve ne rendiate conto.

PubblicitàPubblicità

Politica

Centrodestra autonomista al 46,8%, 12 seggi alla Lega. Ecco come potrebbe finire il 21 ottobre

Pubblicato

-

Chiariamo subito che non si tratta ne di un sondaggio, ne tanto meno di proiezioni o roba varia.

Lo studio è stato fatto attraverso due distinti canali e riguarda solo i partiti del centrodestra popolare autonomista. 

Il primo riguarda 350 telefonate fatte su tutto il territorio dove i cittadini hanno risposto a che partito daranno fiducia il 21 ottobre.

PubblicitàPubblicità

Naturalmente il target preso è stato casuale e sappiamo benissimo che per avere un risultato serve un campione maggiore, cioè nel caso della nostra provincia di almeno 3000 interviste. 

I dati rilevati attraverso le 350 telefonate hanno evidenziato che il 59% voterà il centrodestra, l’8% non voterà, il 6 % è ancora indeciso, il 27% voterà uno dei partiti alternativi al centrodestra autonomista.

A questa rilevazione, che sappiamo essere incompleta, la nostra redazione ha aggiunto altri parametri che hanno portato ad un voto ad ogni singolo partito che è stato poi aggiunto alle percentuali delle telefonate.  

Pubblicità
Pubblicità

I parametri riguardano: i candidati presenti nella lista, come il partito ha lavorato sul territorio negli ultimi 2 anni, i risultati delle ultime elezioni provinciali del 2013, i risultati, per i partiti nazionali, delle ultime elezioni politiche del 4 marzo 2018, l’organizzazione del partito, quando il partito ha cominciato la campagna elettorale, le esclusioni degli ultimi giorni, il carisma dei capolista, l’autorevolezza dei candidati, le competenze, da quanti anni è nato il partito, quanti consiglieri hanno lavorato in consiglio provinciale nell’ultima legislatura e via dicendo.

Poi sono stati sommati i dati delle percentuali delle interviste e il totale di ogni singolo partito scaturito dai voti di ogni singolo parametro ed è stata creata una percentuale di possibili voti che andranno al partito il 21 ottobre. (la vedi nella tabella %)

Poi sono state fatte le singole proiezioni prendendo come base di calcolo i votanti alle ultime elezioni provinciali del 2013

Dai dati elaborati risulta che la coalizione vincente di centrodestra si aggiudica ben 21 seggi, compreso quello del presidente Fugatti.

I seggi sono stati riportati così come previsto dalla legge provinciale elettorale.

Ricordiamo che un seggio viene conquistato dalla singola lista prendendo i voti complessivi della coalizione dividendoli per i numeri di seggi disponibili (21 in questo caso).

I seggi non assegnati vengono ripartiti secondo il metodo D’Hondt

Esso prevede la formazione di una tabella in cui si dividano i voti ottenuti dai vari partiti per un numero crescente di un’unità, fino all’identificazione decrescente del numero di seggi disponibili.

Alla coalizione andrebbero il 46, 8% dei voti che garantirebbe il premio di maggioranza e la governabilità assoluta nella prossima legislatura.

I 21 seggi conquistati dal centrodestra sarebbero suddivisi in 12 alla lega (13 con quello del presidente + 1 dell’associazione Fassa per le minoranze linguistiche), 2 a Civica Trentina, Agire per il Trentino e Progetto Trentino, 1 agli Autonomisti popolari e Forza Italia.

Fuori dai giochi invece la lista Fugatti UDC e Fratelli d’Italia.

Nella tabella sotto il numero dei voti che servono per raggiungere i seggi previsti nella proiezione

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Mary Lavorgna (AGIRE): «Dare dignità ai lavoratori, combattere gli sprechi della politica e tutelare le donne nel diritto di genere»

Pubblicato

-

Speciale elezioni provinciali 2018

Gli articoli pubblicati nella rubrica «Speciale Elezioni 2018» superano oggi il traguardo delle 150 mila visualizzazioni. (circa 8.000 per ogni articolo)

L’articolo di oggi è dedicato al gentil sesso, è infatti ospite della nostra rubrica Mary Lavorgna, 37 anni, nata a Telese in provincia di Benevento, del segno dell’aquario, mamma di una bellissima bimba di un anno.

Pubblicità
Pubblicità

È laureata in Giurisprudenza, ed ha conseguito un Master per professioni legali a Roma; è un’insegnante, diplomata magistrale specializzata in metodo Montessori, con alle spalle 3 anni di praticantato come avvocato penalista.

Attualmente insegna presso il Comune di Pergine Valsugana.

Mary Lavorgna si trasferisce a Trento nel 1991 «Mia madre lavorava alle dipendenze dell’autostrada del Brennero e allora il trasferimento era nell’aria, arrivata a Trento mi sono subito trovata bene»

Pubblicità
Pubblicità

É specializzata nel metodo Montessori: «Fin da giovane volevo aiutare la crescita culturale dei bambini del ceto sociale molto basso, il metodo Montessori credo sia la base della formazione di un uomo vero e proprio, per questo mi sono accostata a questo metodo, per creare e formare gli uomini del domani»

Per lei la politica è l’amministrazione del bene comune «quindi della cosa che è anche mia  – sottolinea – per questo ho deciso di non rimanere più a guardare ma avvicinarmi alla politica, consigliata anche da una caro amico, che ha sostenuto in modo importante la mia scelta»

26 giorni per conquistare un voto in più degli altri candidati, come pensa di riuscirci?

«Combattendo il precariato in generale e dimostrando che si può essere madri e occuparsi anche del bene comune e della conciliazione»

Le prime tre cose sintetiche che farà se fosse eletta in consiglio provinciale?

«Dare dignità ai lavoratori, combattere gli sprechi della politica e tutelare le donne nel diritto di genere»

Resterà attiva nel partito e nel territorio in caso di sconfitta?

«Certo, in politica rimango sicuramente»

Quanto spenderà per la campagna elettorale?

«Poco»

Cosa ne pensa del governo di centrosinistra che ha governato nell’ultima legislatura?

«Ha fatto di tutto per depotenziare il trentino abbassando la qualità in tutti i settori»

Chi butta dalla Torre fra Ugo Rossi e Paolo Ghezzi e Giorgio Tonini?

«Senza dubbio Ugo Rossi per via degli enormi danni che ha fatto alla scuola trentina»

Cosa ne pensano famigliari e amici della sua discesa in campo?

«Mi sostengono totalmente»

Ha dei rimpianti nella vita?

«Per ora nessuno»

Qualche rimorso?

«No»

Che hobby ha?

«Amo lo sport la lettura e vado spesso in palestra»

L’ultimo libro che ha letto?

«La Mente del bambino – di Maria Montessori, un saggio che parte dalle proposizioni della biologia (sviluppo embrionale del bambino) e dalla legge naturale che lo predispone ad un libero comportamento, per addentrarsi nella gestazione spirituale del bambino, da zero a sei anni».

Che musica ascolta?

«Tutta la musica in modo trasversale» 

Beatles o Rolling Stones ?

«Beatles»

Che macchina ha?

«Una Hyundai i10»

Il 4 marzo alle politiche nazionali per chi ha votato?

«Non ho potuto votare»

Ha un politico di riferimento Italiano?

«Matteo Salvini»

E qui in Trentino?

«Per ora nessuno»

Preferisce l’auto o la bicicletta?

«L’autovettura»

Soldi, successo o potere?

«Preferisco il successo»

Cosa le fa più paura nella vita?

«La mancanza di Dio»

Lei abita a Trento quali sono le priorità in quella zona?

«Rendere la città più sicura visto i frequenti episodi di degrado e criminalità»

Si ricorda di un’occasione in cui si è trovata in difficoltà e ha dovuto chiedere aiuto a qualcuno?

«Fortunatamente per ora no»

Avrebbe mai pensato di presentarsi alle elezione provinciali di una regione?

«Mai»

Quale qualità e difetto si riconosce?

«Sono molto testarda, e quando credo di aver ragione sono ostinata fino alla fine. Per la qualità invece mi riconoscono molto altruismo»

Superbia, avarizia, lussuria, invidia, ira, accidia e Gola a quali dei vizi capitali associa il suo nome?

«Gola»

Uscirebbe a cena con Salvini, Di Maio, Renzi o Berlusconi?

«Nessun dubbio, con Matteo Salvini»

Cosa ne pensa dei matrimoni Gay e delle adozioni?

«Ognuno è libero di vivere la sua vita come meglio crede, ma sulle adozioni sono contraria, infatti un bambino ha il diritto di avere un padre e una madre naturali»

Qual è stato il momento più soddisfacente della sua vita?

«Quando è nata mia figlia Ginevra»

Se potesse incontrare una persona famosa, chi incontrerebbe e perché?

«Vorrei incontrare Matteo Salvini per tutta la vita» 

Gioco di squadra o in solitaria?

«Gioco di squadra sempre e dovunque» 

Quando è stata l’ultima volta che ha pianto?

«Non me lo ricordo»

Carne o pesce?

«Pesce»

Lago, Mare o montagna?

«Mare»

Cosa le manca di più?

«Sto lavorando per realizzarmi pienamente a livello personale» 

Se fosse un animale?

«Un gatto» 

L’ultimo viaggio che ha intrapreso?

«Sono stata in Puglia» 

Il suo sogno?

«Vincere le elezioni insieme alla persona che mi ha sostenuto» 

Cosa guarda in Tv?

«Tutto, sono un ottima consumatrice del piccolo schermo»

Qual è stato l’avvenimento di cronaca che l’ha maggiormente segnata?

«Tutti i casi di violenza sulle donne»

Per cosa sarà ricordata?

«Sarò ricordata per tutti i bambini che ho fatto diventare veri uomini» 

È pronto ad essere uno dei protagonisti politici del grande cambiamento del Trentino?

«Ovvio che sì»

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Mauro Pericolo ospite della Voce del Candidato: «Liberiamo il Trentino dalla Massoneria»

Pubblicato

-

Ospite della puntata di «La Voce del Candidato» è oggi il dottor Mauro Pericolo, 54 anni, nato a Rossano in provincia di Cosenza, due figlie di 14 e 16 anni, diplomato in magistrale con la qualifica di sindacalista esperto di diritto del lavoro e scolastico

Mauro Pericolo nel suo settore di competenza è uno dei migliori esperti del diritto in regione e anche a livello nazionale.

È arrivato a Trento nel lontano 1997, come insegnante precario dopo il superamento di un concorso, e diventa di ruolo nel 2015, dopo 18 anni dal superamento di un’ulteriore concorso.

PubblicitàPubblicità

Mauro Pericolo ha fondato anche il sindacato Delsa, di cui è presidente, che conta oltre 600 iscritti ed è diventato in poco tempo un grande punto di riferimento per i docenti trentini.

Nell’intervista il segretario di Delsa fa emergere le contraddizioni della scuola trentina e demolisce la «Buona scuola» del tandem Rossi/Renzi consapevole che ormai l’unico modo di cambiare le cose nella scuola della nostra provincia sia farlo dall’interno del palazzo della provincia.

Con lui Roberto Conci ha parlato anche delle Banche e della cooperazione.

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it