Connect with us
Pubblicità

Benessere e Salute

Quando i tumori resistono anche ai farmaci più innovativi. A Trento un convegno internazionale

Pubblicato

-

Oltre duecentocinquanta tra i più importanti ricercatori internazionali si incontrano a Trento, nella Sala della Cooperazione per il trentesimo “Simposio Pezcoller”, evento che nel tempo ha conquistato crescente stima e notorietà internazionale.

È una occasione di confronto tra i massimi esperti del settore, e l’incontro di giovani ricercatori con tali esperti, a cui hanno la possibilità di presentare i propri lavori.

45 i lavori proposti come “poster” in questa edizione.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i relatori di prestigio anche Harold Elliot Varmus (Oceanside, 18 dicembre 1939), medico statunitense, vincitore, insieme a John Michael Bishop, del premio Nobel per la medicina nel 1989, «per la loro scoperta dell’origine cellulare degli oncogeni retrovirali».

A Trento il Nobel è intervenuto ieri con una lezione inaugurale dal titolo “30° Simposio Pezcoller: la ricerca sul cancro allora e oggi.

“Abbiamo raccolto – afferma il presidente della Fondazione Enzo Galligioni – il meglio degli esperti mondiali sulla resistenza ai tumori, oltre al premio Nobel Harold Varmus che ha tenuto la lezione magistrale iniziale, e che ha dimostrato come i cambiamenti e le scoperte nell’ambito della ricerca oncologica sono stati via via evidenziati dai temi trattati nei trenta simposi tenuti dal 1989 ad oggi.

Vorrei sottolineare è che da trent’anni a questa parte (giugno 1989) si svolge ogni anno in Trentino un convegno chiamato “Simposio Pezcoller” dove i migliori esperti al mondo si incontrano per discutere di volta in volta i temi più all’avanguardia della ricerca sul cancro.

Non vanno a Londra, a New York o Milano, ma vengono a Trentino, gratis, grazie al prestigio che la Fondazione Pezcoller ha via via acquisito nel mondo scientifico oncologico”.

L’ARGOMENTO DI QUESTA EDIZIONE – Attualmente, oncologi e ricercatori di base devono affrontare un problema di proporzioni sempre maggiori: l’emergenza della resistenza di alcuni tumori – alcuni molto comuni – a qualsiasi terapia durante il corso della malattia. Nel corso del 2014 (ultimo dato Istat disponibile) sono deceduti 169mila pazienti affetti da cancro in Italia (95mila uomini, 74mila donne). I tumori più insidiosi sono al polmone (33.386), pancreas (11.186), prostata (7.174).

Alcuni di questi tumori, come il melanoma e il cancro del rene, la moderna terapia immunitaria ottiene risultati importanti che però non sono duraturi se non in una piccola percentuale di pazienti.

Nel caso del melanoma i casi di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi erano per gli uomini dell’85% nel periodo 2005-2009, appena 5 punti percentuali in più rispetto a dieci anni prima, e del 91% per le donne (87% dieci anni prima).

Per i pazienti affetti da cancro alla prostata divenuti resistenti alla terapia ormonale, le linee di terapia successive sono sostanzialmente poco o per niente efficaci. Per tumori come il cancro del pancreas, il mesotelioma, il glioblastoma cerebrale, il carcinoma polmonare a piccole cellule e la leucemia mieloide acuta resistente al trapianto di midollo, non si intravedono ancora risultati terapeutici significativi.

La sfida di questo Simposio è quella di riuscire ad individuare e comprendere le basi molecolari e biologiche della resistenza di questi tumori alle terapie, e di valutare le possibilità più promettenti per superarla.

LA LUNGA BATTAGLIA (NON ANCORA VINTA ) CONTRO IL CANCRO – Nonostante i grandi progressi ottenuti nella terapia dei tumori, ancora oggi ci troviamo di fronte al fenomeno che pazienti con tumori diffusi in tutto l’organismo (metastatici) rispondono inizialmente alla terapia, ma ad un certo punto cessano di rispondere ed è quasi sempre difficile o impossibile fermare la malattia.

Questo fenomeno si chiama resistenza. “È un fenomeno già osservato molte, troppe volte – afferma il presidente della Fondazione Pezcoller Enzo Galligioni – in passato. Quello che è cambiato in questi anni è che abbiamo sempre più possibilità di comprendere i meccanismi alla base della resistenza, e quindi sfruttabili per vincerla con altre terapie o altre strategie“. Su questo si sviluppa tutto il trentesimo simposio Pezcoller.

Secondo il premio Nobel per la medicina Harold Varmus, le domande in questi trent’anni non sono cambiate tanto, ma sono cambiate le nostre conoscenze e le tecnologie che ci permettono adesso di andare nel dettaglio di queste domande.

30 Pezcoller Symposium 2018 OVERCOMING TH INNATE RESISTENCE OF CANCER TO THERAPY

Ci sono due approcci – afferma il Nobel – per affrontare la questione: utilizzare ciò che abbiamo a disposizione, ed utilizzarlo nella maniera migliore. La mia sensazione è che su questo secondo approccio non ne sappiamo ancora abbastanza.

Dobbiamo approfondire le conoscenze di tutti i meccanismi altrimenti non riusciremo a cogliere tutte le opportunità che ci si presentano con nuovi farmaci, eccetera. Credo che dobbiamo veramente cercare di capire quali sono le ragioni che portano alle mutazioni delle cellule, capire quali sono i meccanismi.

Questo tipo di lavoro l’abbiamo già fatto, ci ha permesso di arrivare a quella che chiamiamo terapia mirata (targeted therapy), abbiamo fatto sicuramente tanti passi avanti, ma non voglio essere eccessivamente entusiasta, anche perché quando un tumore si metastatizza poi le cose si fanno davvero complicate.

Non posso ancora dire che abbiamo vinto la battaglia, questa la sta vincendo ancora il tumore. Quello che dico è che dobbiamo approfondire ancora le conoscenze, e non pensare che un solo farmaco possa risolvere la situazione”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Scuole chiuse e Coronavirus: Carabinieri consegnano i libri a casa
    Da qualche settimana sono in atto i severi controlli lungo le strade e nei centri città di tutta Italia da parte delle forze dell’ordine per il rispetto delle prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid – 19. In particolare, i Carabinieri della Provincia di Sondrio, oltre a sorvegliare gli automobilisti e […]
  • Plasma dei pazienti guariti per guarire dal Coronavirus: la prima sperimentazione a Pavia
    Ogni giorno da settimane ormai, la Protezione Civile oltre a citare i nuovi casi positivi da Coronavirus, comunica anche il numero ultimamente sempre più crescente delle persone guarite dal Covid- 19. Avendo la consapevolezza che il vaccino è ancora lontano e in fase di sperimentazione, fino ad ora le cure adottate negli ospedali italiani, si […]
  • Coronavirus: gli italiani si aiutano con la “spesa sospesa”
    Le giornate difficili che l’Italia sta percorrendo, vengono straordinariamente vissute e affrontate con spirito di comunità da tutto il Paese, sia attraverso donazioni di privati ed aziende per alleggerire il carico economico della sanità, sia attraverso particolari iniziative solidali per aiutare le famiglie che si trovano in maggiore difficoltà. La nuova frontiera della solidarietà fonda le […]
  • Da Valentino ad Armani: la moda italiana unita contro il Coronavirus
    In un momento in cui tutte le attività commerciali ed economiche del Paese risultano paralizzate, sono molte le iniziative solidali per fronteggiare la difficile situazione causata dall’epidemia sanitaria. Da Valentino a Gucci fino ad Armani: ora, anche i grandi nomi del mondo della moda, uniti da obbiettivi comuni, hanno deciso di reagire mobilitandosi per lavorare […]
  • Ricette di Pasqua: golosità per grandi e piccini
    Per non passare le giornate nella noia, lavorando o cercando di far passare il tempo ai bambini, sul web sono presenti moltissime ricette adatte a chiunque abbia voglia di passare un pomeriggio in cucina, divertendosi e magari senza dimenticare di mostrare un pizzico di spirito pasquale! ARANCINI PROSCIUTTO E MOZZARELLA Con il fritto sta bene […]
  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]

Categorie

di tendenza