Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Da Taio a Dermulo in bicicletta: taglio del nastro per il nuovo tratto ciclopedonale

Pubblicato

-

Da Taio a Dermulo in sella alla bicicletta, ammirando un gran bel panorama sulla forra del Noce.

È stato inaugurato ufficialmente nel tardo pomeriggio di oggi il tratto ciclopedonale di 2 chilometri che collega Taio e Dermulo e che transita al di sotto della statale 43, rendendo totalmente sicuro un passaggio altrimenti piuttosto rischioso in bicicletta.

Un’opera mirata che sicuramente da una parte è stata realizzata in ottica turistica, ma che punta anche a favorire quella mobilità sostenibile di cui tanto si parla e di cui c’è tanto bisogno. Si tratta infatti di un intervento che intende incentivare l’utilizzo di mezzi alternativi all’automobile non solo nel tempo libero, ma anche per coprire il tragitto casa-lavoro o, per i più piccoli, per andare a scuola.

Pubblicità
Pubblicità

È un regalo per le famiglie, i bambini e tutti coloro che hanno difficoltà a muoversi – ha esordito Sergio Deromedis dell’ufficio infrastrutture ciclopedonali della Provincia –. Il tratto collega il centro di Taio, con partenza dalla chiesa, a quello di Dermulo, con arrivo alla stazione della Trento-Malé”.

Dei due chilometri totali, un chilometro e 100 metri si percorrono sul percorso ciclopedonale appena realizzato, dalla centrale Dolomiti Edison (nella zona sotto il cimitero di Taio) fino all’imbocco della strada romana di Dermulo. Da qui si passa per il centro del paese di Dermulo, dove è consentito il transito anche alle auto, che però sono in numero ridotto e mantengono una bassa velocità, per risalire poi all’altezza della stazione.

Pubblicità
Pubblicità

Investire nel cicloturismo è sicuramente un affare – ha continuato Deromedis – sui 450 chilometri totali di piste ciclabili in Trentino abbiamo toccato quota 2,5 milioni di passaggi. Tanti che i 230 milioni di costo vengono bilanciati dall’indotto creato in soli due anni. La vera sfida, ora, è mettere in sella la gente per farla andare al lavoro e a scuola”.

La parola è passata quindi al sindaco di Predaia Paolo Forno, che ha espresso la propria gioia per la realizzazione di un’opera i cui principali fruitori saranno giovani ciclisti. “La bicicletta rappresenta una realtà importante per Predaia e per l’intera Val di Non – ha dichiarato il primo cittadino – con una doppia valenza: turistica, e qui le due ruote devono fare da traino per lo sviluppo della nostra valle, ma anche per il cittadino, offrendogli l’opportunità di servirsi di una mobilità sostenibile e alternativa. Non si tratta di un’opera fine a se stessa, ma speriamo sia un punto di partenza nel percorso di realizzazione della rete ciclabile della Val di Non che vede coinvolti quattro Comuni con il coordinamento della Comunità di Valle. Mi preme sottolineare, infine, il coinvolgimento di imprese locali nella realizzazione dell’intervento”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’intervento di Silvano Dominici, presidente della Comunità della Val di Non: “Le ciclabili rappresentano un asset strategico per la nostra valle, il meccanismo è stato avviato e si comincia a vedere una prospettiva. L’idea è di portare avanti almeno la dorsale principale”.

Percorsi ciclabili e ciclopedonali che, come detto, sono un elemento di forza per l’offerta turistica ma anche un modo diverso di vedere la mobilità. “Ne è un esempio virtuoso l’iniziativa del Bicibus – ha aggiunto Dominici – che quest’anno ha coinvolto 50 ragazzini, protagonisti di una proposta innovativa per coprire il tragitto casa-scuola”.

Anche il vicepresidente del Consiglio Regionale Lorenzo Ossanna e il vicepresidente dell’Apt Val di Non Andrea Widmann non sono voluti mancare a questo importante appuntamento. “Si tratta di un atto concreto, un momento in cui la valle sta dando frutto ai propri programmi e sta delineando il futuro – ha detto Ossanna –. Stiamo crescendo guardando anche all’Alto Adige”.

È un tratto piccolo ma strategico – ha aggiunto Widmann – ed è importante che sia vicino al trenino della Trento-Malé, un valore aggiunto per collegare le nostre vallate”.

Prima di una breve esibizione con il monociclo e del taglio del nastro, l’intervento conclusivo di Mauro Gilmozzi, assessore alle infrastrutture e all’ambiente della Provincia di Trento. “Quest’opera si inserisce nel prospetto che il governo provinciale ha cercato di portare avanti – ha spiegato l’assessore – che vede la sostenibilità come stile di vita e motore di sviluppo, perché si utilizzi sempre meno l’automobile a favore di mezzi alternativi. E la Provincia lo ha fatto investendo sul trasporto pubblico, su opere come questa, sui piani di mobilità elettrica”.

Il collegamento Taio-Dermulo mira a dare un forte impulso a questo nuovo modo di muoversi. “L’obiettivo è lavorare insieme, dando organicità e struttura alla rete delle ciclabili del Trentino – ha detto ancora Gilmozzi –. I percorsi in Val di Non sono stati definiti, l’investimento è notevole ma ognuno sta facendo la propria parte per portare a compimento questi progetti. Questa è una piccola opera che imposta una strategia vincente. Un tassello in un disegno molto più ampio”.

Le autorità e i giovani biker presenti sono quindi saliti in sella per una piacevole biciclettata fino a Dermulo e ritorno. In completa sicurezza e con una vista spettacolare. Ed è solo l’inizio.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo
    Il futuro dell’economia, dovrà evolversi tenendo conto della missione che ormai accomuna tutti gli stati del mondo, la sostenibilità. Di fatto, per avvicinarsi verso un’economia circolare che riduca la produzione dei rifiuti, garantisca uno sviluppo... The post Il futuro corre verso un’economia circolare: nuovi modelli di rigenerazione e sviluppo appeared first on Benessere Economico.
  • Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi
    Dopo le difficoltà iniziali, il Bonus terme ha riscontrato un a grande affluenza, tanto da esaurire i fondi nel giro di poche ore. Un boom di adesioni che però ha lasciato milioni di italiani esclusi... The post Boom di adesioni per il Bonus Terme, cosa possono fare gli esclusi appeared first on Benessere Economico.
  • Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro
    All’interno del delicato tema sul fisco, tra le varie proposte spunta anche l’easy tax per autonomi. La proposta si inserisce nel tema dell’ampliamento della Flat Tax agli autonomi con ricavi tra 65 mila e 100... The post Ipotesi Easy tax per autonomi: un ponte tra aliquote troppo diverse tra loro appeared first on Benessere Economico.
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

Categorie

di tendenza