Connect with us
Pubblicità

Bolzano

Commercio di vicinato, sostegno a zone e quartieri svantaggiati

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Un bilancio di quattro anni di politiche a sostegno del commercio di vicinato è stato tracciato dal presidente della Provincia Arno Kompatscher ieri (22 giugno) durante la visita al negozio “Buchi” di Armin Lanznaster, ad Avigna nel Comune di San Genesio.

Anche per il 2018 Lanznaster è stato beneficiario del contributo previsto dalla legge 4/1997 (Interventi della Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige per il sostegno dell’economia) che supporta le attività di vicinato.

Essere l’unico presidio della zona è dura, ma ci motiva il fatto di rappresentare un punto di riferimento non solo materiale ma anche sociale per la popolazione” ha riferito il titolare, che insieme alla moglie Renate e alla figlia Miriam porta avanti un’attività giunta ormai alla quinta generazione.

Pubblicità
Pubblicità

Grazie alla  norma provinciale – ribattezzata “Sostegno ai negozi di zia Emma” – fra il 2014 e il 2018 sono stati concessi 364 contributi a 86 esercizi che hanno ottenuto un’agevolazione per continuare a garantire il servizio del commercio di vicinato nelle zone periferiche o strutturalmente svantaggiate in provincia, per complessivi 3,7 milioni di euro.

Per l’edizione 2018 sono state ammesse all’agevolazione 84 richieste da tutta la provincia, per 864.500 euro: Val Pusteria (16), Val Venosta (15), Burgraviato (14), Valle Isarco (11), Alta Valle Isarco (10), Salto-Sciliar (9) e Bassa Atesina-Oltradige (9).

Sin dall’introduzione del contributo nel 2014 Armin Lanznaster è stato ogni anno ammesso all’agevolazione, continuando così a prestare il proprio servizio nel negozio, ininterrottamente in attività dalla sua nascita nel 1909: oltre alla vendita di generi alimentari il negozio offre anche giornali e tabacchi, articoli elettronici, l’attività di internet-point e il servizio di consegna a domicilio.

Pubblicità
Pubblicità

Nel 2016 il negozio è stato anche ristrutturato con l’aggiunta di un piccolo bar esterno, che lo ha reso ancora di più un punto di riferimento anche sociale per la frazione di Avigna. “Supportare le attività di commercio di vicinato è una priorità per la giunta provinciale. Si tratta di un servizio fondamentale per i cittadini delle zone periferiche, nei confronti del quale adottiamo un approccio globale a 360 gradi per mantenere vivi e vitali i centri abitati.Oltre alle politiche in tema di commercio, vogliamo garantire alla popolazione i servizi di base, sia nell’ambito di competenza pubblica – come nel caso delle Poste – sia in quello di competenza privata” ha chiarito Kompatscher.

I CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO – Un altro pilastro per il sostegno alle piccole attività commerciali è stato confermato lo scorso aprile con la seconda edizione del bando a fondo perduto per gli investimenti aziendali delle piccole imprese previsti sempre dalla legge 4/1997. Alla luce dell’esperienza dell’edizione 2017, quest’anno la giunta ha modificato i criteri di applicazione introducendo per la prima volta una graduatoria separata dedicata esclusivamente alle attività del settore commercio e servizi, cui viene destinata la somma di un milione di euro. I nuovi criteri premiano proprio quegli esercizi che svolgono un “servizio di vicinato” in zone svantaggiate. Fra questi sono ricompresi anche i negozi al dettaglio situati in quartieri periferici di comuni con più di 10.000 abitanti, al di fuori dunque dal centro storico e dal centro urbano. Negozi di vicinato della provincia e dei quartieri periferici dei centri urbani principali vengono sostenuti con un premio di 30 punti ai fini della graduatoria per l’ottenimento dell’agevolazione per investimenti mobili. Termine ultimo per la presentazione delle domande di contributo è il 30 giugno 2018, la graduatoria verrà approvata entro il 15 settembre di quest’anno.

APERTURE DOMENICALI, DIALOGO CON ROMA – L’approccio è quello di sostenere in modo equo tutte le attività commerciali delle zone svantaggiate, nelle aree agricole e montane della provincia così come nei quartieri periferici dei nuclei urbani più popolati, dove i grandi centri commerciali minacciano le attività più piccole, spesso a conduzione familiare. “Grazie alla norma di attuazione del luglio 2016, che ha posto le basi per una limitazione del commercio al dettaglio nelle zone produttive, abbiamo raggiunto un risultato storico per il tessuto economico e sociale della provincia. Avere ristabilito la nostra competenza primaria in materia di pianificazione urbanistica e commerciale rappresenta la premessa fondamentale per garantire uno sviluppo equilibrato e sostenibile su tutto il territorio provinciale” ha sottolineato Kompatscher. Tale norma di attuazione è stata infatti la base per la modifica alla legge urbanistica approvata con la legge provinciale n. 22 del 20 dicembre 2017, che disciplina in maniera molto stringente l’insediamento delle attività di commercio al dettaglio nelle zone produttive. Tale modifica non è stata impugnata dal Consiglio dei Ministri innanzi alla Corte Costituzionale, dove è invece ancora pendente l’impugnativa contro l’articolo 8 della legge 10/2014 ed i ricorsi in via incidentale proposti da soggetti privati del mondo economico locale. Nel frattempo il Consiglio dei ministri ha invece rinunciato all’impugnativa della legge provinciale n. 3/2013 con cui si era parimenti tentato di tutelare il commercio di vicinato limitando gli insediamenti commerciali nelle zone produttive. “La liberalizzazione totale degli orari dei negozi è una strada sbagliata, che danneggia il commercio di vicinato” ha concluso Kompatscher, che ha accolto con favore il progetto del Governo di rivedere la norma.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento5 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento6 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento7 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento8 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano8 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro9 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Italia ed estero10 ore fa

Coesistere con i grandi predatori: un nuovo studio

Cani Gatti & C11 ore fa

Nasce “Quattro Zampe in Famiglia”, il nuovo motore di ricerca per adottare cani e gatti ospiti in canili e gattili di tutta Italia

Vita & Famiglia12 ore fa

Dalla 45ª Giornata per la Vita alla manifestazione del prossimo maggio – “Restiamo Liberi”, la rubrica settimanale di Pro Vita & Famiglia

Bolzano22 ore fa

Slavina in Alto Adige: investite due turiste tedesche, una purtroppo è rimasta uccisa

Piana Rotaliana22 ore fa

Poste chiuse a Mezzolombardo? Il “Progetto di Rete” accompagna gli anziani all’ufficio sostitutivo di Mezzocorona

Trento23 ore fa

Occupazione abusiva a Cognola, una storia di ordinaria follia

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena4 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza