Connect with us
Pubblicità

Trento

Escursionismo ed alpinismo “mordi e fuggi”, è allerta

Pubblicato

-

La stagione dei rifugi è iniziata, con una ventina di giorni d’anticipo, come accade da qualche anno e da un po’ di tempo si consolida un modo di andare in montagna che crea sempre  più allerta. Insomma “la frequentazione della montagna non è più quella di una volta ….” il ritornello  rimbalza  da un gruppo montuoso all’altro,  con  un’ eco sempre più distinta. A segnalarlo con preoccupazione alla sede centrale della SAT n questi giorni sono soprattutto i conduttori dei rifugi alpinistici, quelli che rappresentano il punto di partenza per le scalate.

Alcuni tra i più noti nell’area dolomitica occidentale gestiscono i rifugi: Cima d’Asta, Segantini, Denza, Carè Alto, ma l’eco è ormai in viaggio ed anche dal Trentino orientale arrivano richieste per sollevare il problema.

I gestori sono quasi tutti Guide Alpine, o uomini del Soccorso Alpino, gente che ne ha viste di situazioni critiche e di generazioni di alpinisti/escursionisti ed  oggi uno dei principali nemici in agguato lo identificano tutti con lo stesso nome: “mordi e fuggi”.

PubblicitàPubblicità

Peccato che questa moda con la quale oggi si affrontano arrampicate ed escursioni impegnative, concludendo il tutto nell’arco di una sola giornata, abbia severe controindicazioni dal punto di vista della sicurezza. “Si credono tutti deglihighlander – sostiene qualcuno – arrivano dalle metropoli della pianura dopo in viaggio di due o tre ore, parcheggiano e poi via sulla salita che porta all’attacco della cima, o su un attraversamento impegnativo. Peccato che spesso il sole è già alto e si arriva in parete, o in quota, con molto ritardo”.

“Questo fa si che quando si deve affrontare la discesa si è ormai esausti – sottolinea qualche altro gestore – e la percentuale di incidenti dovuti appunto a stanchezza, mancanza di concentrazione e fretta per tornare casa, sta aumentando considerevolmente”.

Pubblicità
Pubblicità

Fino a un po’ di anni fa chi voleva affrontare percorsi impegnativi saliva nel primo pomeriggio al rifugio – sostengono tutti in coro indistintamente – dove avviene una fase notturna di acclimatamento, ci si sveglia con meno dislivello nelle gambe e il ritmo cardiaco si è stabilizzato. Questa modalità di andare in montagna fa parte di un bagaglio culturale che si è perso, ma che andrebbe ripreso e riproposto con convinzione.

I rifugi sono stati costruiti come presidi in vicinanza delle principali ascensioni alpinistiche, non certo perché piacevano delle strutture d’alta quota”.

Per i gestori che sistemano i sentieri di accesso ai rifugi e quelli di attacco alle cime con giornate intere di fatica e che sono sempre all’erta per intercettare gruppetti di escursionisti o cordate in caso di bisogno, quando succedono incidenti a causa della stanchezza, o dell’orario sconsigliato per l’ascensione, è sempre una sconfitta. “Perché – dichiarano – non sono certo i 15 euro del pernottamento a fare la differenza sul budget di una gita, quanto piuttosto la presunzione, la smania di dimostrare a sè stessi che tutto si può fare in un giorno.

I cambiamenti climatici regalano temperature miti anche in tarda serata, ma occorre sapere che la concentrazione quando si hanno nelle gambe dislivelli importanti e qualche ora di macchina, crolla fisiologicamente e questo è molto pericoloso, basta una mano, o un piede in fallo, o su un sasso che si muove ed è  tragedia”.

L’appello, accorato è dunque quello di tornare ad una cultura alpinistica che diffonda una frequentazione più consona all’ambiente di montagna. Le regole per prevenire guai non riguardano solo la richiesta di informazioni, o il fatto di essere adeguatamente equipaggiati, ma riguardano anche il fatto che se le vite degli uomini sono cambiate, le montagne sono immote da millenni e se in circa 150 anni la montagna è stata scoperta, frequentata e salita grazie ad una serie di comportamenti adeguati all’ambiente naturale che le caratterizza, non è bruciando le tappe che si realizza un record, o una impresa.

Utilizzare il rifugio alpinistico come deve essere utilizzato significa entrare in sintonia con un ambiente che può regalare, non solo una giornate di emozioni, ma un utilissimo  arricchimento personale  di convivialità, di scambio e di informazioni, senza le quali all’ escursione, facile o difficile che sia, manca sempre qualcosa.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza