Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Momenti di terrore: Marocchino impugna una scimitarra e tenta di decapitare un poliziotto

Pubblicato

-

Ci sono voluti quattordici agenti per fermare un marocchino di 41 anni che ha creato momenti di terrore a Lainate rischiando di decapitare un poliziotto.

Solo l’intervento di altri colleghi della polizia stradale di Busto Arsizio ha scongiurato quella che poteva essere una tragedia.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, un marocchino regolare residente a Motta Visconti, lo scorso Martedì, attorno alle 2 di notte avrebbe tentato di decapitare un agente, danneggiato due auto della stradale e seminato il panico lungo l’autostrada A8

PubblicitàPubblicità

Arrivato all’altezza di Lainate – racconta il Corriere – l’uomo è stato fermato da una pattuglia della polizia perché procedeva a zig-zag.

L’uomo, con un precedente per guida in stato d’ebbrezza nel 2001, ha rifiutato di sottoporsi all’alcoltest.

Subito sono scattati il sequestro dell’auto e la cancellazione di 20 punti dalla sua patente.

Pubblicità
Pubblicità

Il marocchino non ha retto alla vista della sua auto agganciata al carro attrezzi: ha aperto il portabagagli, e dopo aver impugnato la scimitarra si è lanciato contro i poliziotti.

I primi a cadere sotto i suoi fendenti sono stati i lampeggianti blu e i fanali dell’auto della stradale.

L’aggressore, non contento si è poi avventato contro una seconda vettura della polizia mandando in frantumi il parabrezza e tentando di decapitare un agente con un colpo di scimitarra.

Il poliziotto ha evitato il fendente per un soffio ma è stato ferito a una mano.

Prima di essere arrestato il marocchino ha picchiato un secondo agente e ha tentato la fuga scappando tra le auto costringendo la stradale a chiudere il tratto di autostrada per circa 30 minuti, ora dovrà rispondere tra l’altro di tentato omicidio.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Polizia: coniata moneta da 5 euro per i 50 anni di ANPS

Pubblicato

-

Nella mattinata odierna, alla presenza del Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli, del Presidente dell’ Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Domenico Tudini e del Presidente Nazionale dell’ANPS, Claudio Savarese, presso la Sala Conferenze dell’Ufficio Relazioni Esterne e Cerimoniale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, ha avuto luogo la presentazione della moneta d’argento, del valore di 5 euro, coniata dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, in occasione della ricorrenza del 50° anniversario dell’ANPS, costituita nel 1968 e custode del Medagliere della Polizia di Stato. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Matteo Salvini: «La sinistra ha permesso l’invasione ed ora torna la tubercolosi»

Pubblicato

-

Un post durissimo, pubblicato su Facebook da Matteo Salvini, dove il vicepremier leghista punta il dito: “Immigrato malato e in fuga, forse inconsapevole della gravità della sua condizione. Quanti casi come questo?”.

Il riferimento è a un caso di cronaca di cui ha dato conto ilgazzettino.it, relativo alla fuga di un immigrato malato di tubercolosi fuggito da un centro di accoglienza.

E Salvini rincara anche la dose senza peli sulla lingua: “Purtroppo la tubercolosi è tornata a diffondersi, gli italiani pagano i costi sociali e sanitari di anni di disastri e di invasione senza regole e senza controlli“.

PubblicitàPubblicità

Un tema sollevato anche  da Libero nell’edizione di ieri, mercoledì 12 settembre, la cui apertura è dedicata all’aumento di caso di tbc.

In Veneto, infatti, è allarme: solo a Vicenza sono stati registrati 40 casi di infezione dall’inizio dell’anno.

Salvini, in conclusione del post, scrive: “Dicevano che eravamo cattivi, allarmisti, pericolosi… Ce l’ho messa e ce la metterò tutta per invertire la rotta”

Pubblicità
Pubblicità

C’è anche chi, dopo quanto successo a Vicenza, mette in correlazione la stretta sui vaccini con la consapevolezza che nei prossimi anni il pericolo che malattie ormai estinte ritornino ad essere pericolose per il popolo italiano, sia reale.

sotto il post su fb del ministro dell’interno Matteo Salvini

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Paura sull’ A24, pezzi di calcestruzzo cadono da viadotto. Il Video

Pubblicato

-

Alcuni pezzi di calcestruzzo che coprono il ferro nella parte sottostante il Viadotto San Giacomo sulla A24 Roma-Teramo, nel tratto che attraversa L’Aquila, si sono staccati finendo in via Gabriele Rossetti, arteria che si trova nel quartiere omonimo il viadotto.

Non ci sono stati feriti e la strada è stata chiusa.

Ad intervenire sono stati i Vigili del Fuoco che sono entrati in azione con cinque unità e con l’ausilio dell’autoscala rimuovendo per una superficie di 200 metri le parti di copriferro che stavano per cedere.

PubblicitàPubblicità

Il tratto autostradale è percorribile non essendo stati rilevati danni strutturali sul viadotto.

Strada dei Parchi, concessionaria delle arterie laziali e abruzzesi A24 e A25, intervenuta sul posto insieme a Polizia stradale e Vigili urbani, parla di micro distacchi e di nessun problema statico del viadotto e annuncia per domattina un intervento di ripristino anche con l’ausilio dei by bridge.

A dare l’allarme i cittadini del quartiere. QUI IL VIDEO SU FACEBOOK 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it