Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

«Adotta uno studente»: Ateneo gratis per 7 richiedenti asilo a Trento

Pubblicato

-

Si chiama “Adotta uno studente” ed è la nuova campagna che l’Ateneo lancia per dare ai richiedenti asilo politico presenti in Trentino la possibilità di iniziare o proseguire gli studi a condizioni agevolate.

Il progetto, che si sviluppa nell’ambito di un protocollo d’intesa tra l’Università e la Provincia autonoma di Trento, mira a raccogliere donazioni, anche di piccolo importo, dalla comunità universitaria e, più in generale, dalla cittadinanza.

Un’iniziativa nata su sollecitazione di studenti e docenti dell’Ateneo.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto è stato illustrato oggi in rettorato nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta con il rettore Paolo Collini e la prorettrice alle politiche di equità e diversità, Barbara Poggio.

Destinatari delle donazioni saranno cinque studenti o studentesse – selezionati dal Cinformi e già inseriti nei progetti di accoglienza del nostro territorio – che ogni anno e fino a luglio 2021 inizieranno o proseguiranno gli studi all’Università di Trento a condizioni agevolate.

Il “Progetto sperimentale per l’accoglienza in Università di richiedenti asilo politico presenti in Trentino” si sviluppa nell’ambito del protocollo d’intesa tra Ateneo e Provincia autonoma di Trento, siglato nel luglio del 2016.

Pubblicità
Pubblicità

Al momento gli studenti inseriti nel progetto sono sette (due introdotti nell’anno accademico 2016/2017 e cinque nel 2017/2018) a cui si aggiungeranno altri cinque per il prossimo anno accademico 2018/19.

L’iniziativa “Adotta uno studente” chiama a raccolta in questo sforzo tutta la comunità accademica e quella cittadina per accompagnare questi ragazzi e ragazze verso un destino diverso.

Sul portale di Ateneo, all’indirizzo http://www.unitn.it/studenti-rifugiati, si potrà effettuare la propria donazione, anche di piccolo importo, per sostenerli nelle loro piccole spese quotidiane: comperare il necessario per mangiare, per l’igiene personale, i libri o un giornale, ad esempio.

L’iniziativa si è sviluppata su sollecitazione degli stessi studenti e dei docenti dell’Ateneo. Oltre che a loro, l’invito a partecipare con generosità è rivolto a tutti i cittadini, enti e aziende che hanno a cuore il futuro di persone meno fortunate.

Come verranno spesi i fondi raccolti – L’Ufficio Equità e Diversità dell’Ateneo, in quanto coordinatore del Progetto sperimentale, utilizzerà i fondi raccolti per l’acquisto di beni da destinare agli studenti e alle studentesse (es. chiavette USB o libri, o tessere per le fotocopie o simili), oppure da concedere loro a titolo di comodato gratuito (ad esempio dei PC), ovvero ai fini della erogazione di borse di studio o la stipulazione (in forma intera o compartecipata) di un contratto di locazione presso privati, nel caso in cui risulti impossibile l’accesso ai servizi offerti dall’Opera Universitaria.

L’impiego delle somme raccolte sarà oggetto di rendicontazione.

Il protocollo prevede l’assegnazione tramite l’Opera Universitaria di vitto e alloggio agli studenti e alle studentesse richiedenti o titolari di protezione internazionale che hanno effettuato l’iscrizione ad un corso di studio (o a corsi singoli finalizzati all’accesso al primo anno di università).

Un sostegno economico che però è vincolato dal possesso di requisiti di merito (35 crediti formativi universitari ottenuti entro due anni accademici), verificati all’inizio di ogni anno accademico.

E che comunque non è sufficiente a garantire la copertura di tutti i costi necessari per una esistenza dignitosa e per il proseguimento negli studi. In particolare non è inclusa la spesa per i libri universitari, i beni di prima necessità per soddisfare le esigenze quotidiane, come ad esempio le più basilari di igiene e cura, o di alimentazione per i pasti non offerti dall’Opera Universitaria.

L’Ateneo si è reso disponibile a sostenere questi studenti e studentesse, consentendo loro la partecipazione ai progetti di collaborazione parziale di 150 ore da svolgere in Università: in cambio di piccole prestazioni presso gli uffici potranno ricevere un piccolo compenso, limitato e non continuativo, che comunque da solo non è sufficiente a garantire un tenore di vita dignitoso.

«Queste persone hanno maggiori difficoltà ad organizzarsi in un sistema di vita strutturato e complesso, anche a causa delle differenze culturali e delle barriere linguistiche che con grande sforzo provano ad abbattere» spiega la prorettrice Barbara Poggio. «Difficoltà che sono accresciute in relazione all’impegno richiesto anche per lo studio. Partendo da una situazione di svantaggio dal punto di vista scolastico, culturale e sociale viene richiesto loro un sacrificio maggiore rispetto agli altri studenti. Questa situazione rende difficile immaginare per queste persone un’attività lavorativa continuativa, idonea ad ottenere l’autosufficienza con gli impegni di studio che comportano la frequenza dei corsi e la preparazione degli esami universitari.

Alcuni studenti hanno, infatti, provato a svolgere attività lavorativa al di fuori dell’Università ma ciò ha compromesso, in alcuni casi in maniera irreparabile, gli studi. Abbiamo invece riscontrato che laddove sussiste una minima tranquillità economica, e di conseguenza personale, anche il rendimento nello studio è superiore. Lo sforzo profuso nello studio ha infatti permesso ad alcuni di loro di ottenere risultati significativi, anche in termini di votazioni conseguite».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza