Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Levico Terme: Un furto da «missione impossibile». Bottino di 40 mila euro.

Pubblicato

-

Purtroppo il negozio preso di mira è InBike Valsugana di Stefano Casagrande, che nella notte è stato visitato dai ladri.

I ladri, veri professionisti del crimine, hanno rubato delle ruote in carbonio, e le biciclette di maggior costo del negozio.

«Un furto  – dice lo stesso Casagrande  – compiuto da professionisti che sapevano bene cosa rubare».

PubblicitàPubblicità

Per il negozio aperto quasi 2 anni fa si tratta del primo furto, il bottino pare quantificato in oltre 40 mila euro. 

Quello che lascia a bocca aperta è il metodo usato per il furto che lo stesso proprietario, dopo aver visionato le cassette delle telecamere di sorveglianza, ha definito «roba che si vede nei film di Tom Cruise, parlo della saga di Missione impossibile»

Da ricordare che dentro il negozio è montato un sistema antifurto sofisticatissimo che comprende allarmi tradizionali ma anche sensori per il cambio di temperatura ed altro.

PubblicitàPubblicità

Insomma pareva impossibile portare via qualcosa dal negozio.

I due ladri, i sospetti sono subito caduti su una coppia dell’est che era stata nel negozio proprio ieri, nei giorni precedenti avevano probabilmente fatto numerosi sopralluoghi sul posto per mettere a punto la tecnica migliore per fare il colpo.

Uno dei due, dopo aver rotto un vetro nella parte dietro del negozio tirandolo verso l’interno per eludere il primo sistema di allarme, si è introdotto dentro vestito con una tuta raffreddante munita di guanti.

Questo per non far scattare la termocamera che segnala l’aumento della temperatura.

Non solo, dalle telecamere è visibile l’uomo che si muove come un bradipo, appunto per non far aumentare la temperatura e far scattare i sensori. Un lavoro che è durato quasi due ore.

Insomma, roba da film.

Il ladro ha portato fuori le biciclette una ad una strisciando sul pavimento dandole in consegna ad un suo complice che lo attendeva all’esterno.

 

Valsugana e Primiero

Scontro con una Cerva sulla Statale 47, salvo per miracolo

Pubblicato

-

È il caso di dire che il conducente ha visto la morte in faccia. 

Erano le 3.00 del mattino quando sulla Statale 47 della Valsugana fra il Ristorante al Mulino e il ristorante Isolotto  improvvisamente una cerva di 80 chili è piombata sulla carreggiata.

Per il conducente residente nella provincia di Vicenza, è stato impossibile evitarla e dopo lo scontro la sua autovettura è uscita di strada.

PubblicitàPubblicità

L’urto con l’animale  è stato impressionante, un botto che ha distrutto la sua macchina acquistata da 2 settimane.

«Appena si saprà chi sarà il nuovo assessore alla viabilità, – interviene sul suo profilo facebook il consigliere comunale di Ospedaletto Danilo Perin che ha denunciato l’accaduto – chiederò che venga messa una recinzione come nelle autostrade, che non richieda un grosso investimento e più sicurezza. Invece, al nuovo Presidente Maurizio Fugatti chiederò con una lettera che venga rimessa la assicurazione sugli investimenti da animali selvatici».

L’unica consolazione per il conducente è  aver mantenuto una certa integrità fisica nonostante le numerose botte in tutto il corpo.

PubblicitàPubblicità

Viste le condizioni della sua autovettura dopo l’incidente infatti l’essersi salvati appare un vero miracolo.

Purtroppo non è il primo incidente fra mezzi e animali in quel tratto di strada.

Si tratta del terzo caso di incidente fra animali e autovetture in Trentino negli ultimi 15 giorni.

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Raccolta fondi Arte Sella: Brunello suona tra gli alberi abbattuti

Pubblicato

-

“L’omaggio di Mario Brunello agli alberi abbattuti ed alle opere distrutte nel giardino di Villa Strobele“. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Baselga di Pinè: ieri aperto il nuovo anello allo stadio del ghiaccio

Pubblicato

-

Circa 1000 persone hanno affollato lo stadio del ghiaccio di Baselga di Pinè per la festa di apertura dell’anello 400 metri.

Una buona giornata con un clima favorevole ha invogliato tante famiglie ad andare a pattinare allo stadio del ghiaccio di Piné.

Una giornata dove tutti hanno pattinato felici sulla pista dei campioni e occasione di divertimento, con entrata gratuita per assaggiare castagne, tè o vin brulè.

Pubblicità
Pubblicità

Da ieri quindi si può pattinare allo stadio del ghiaccio tutti i giorni dalle 14.00 alle 16.30 e il sabato anche dalle 20.00 alle 22.00.

Il prossimo weekend ripartirà anche la stagione agonistica di pattinaggio velocità con il 1° Grand Prix Internazionale.

Per una stagione ricca di eventi che avrà il suo culmine a metà febbraio con i Campionati Mondiali Junior.

PubblicitàPubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it