Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Il 74,9% degli universitari trentini trova lavoro entro un anno dalla laurea

Pubblicato

-

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea presenta il XX Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale al Convegno “Mutamenti strutturali, laureati e posti di lavoro”, presso l’Università di Torino, lunedì 11 giugno 2018.

Le Indagini hanno coinvolto i laureati di 74 università delle 75 ad oggi aderenti al Consorzio.

Il Rapporto di AlmaLaurea sul Profilo dei laureati ha analizzato le performance formative di oltre 276 mila laureati nel 2017: in particolare, 157 mila laureati di primo livello, 81 mila laureati nei percorsi magistrali biennali e 36 mila laureati a ciclo unico; il Rapporto di AlmaLaurea sulla Condizione occupazionale ha analizzato oltre 630 mila laureati di primo e secondo livello nel 2016, 2014 e 2012 contattati, rispettivamente, a uno, tre e cinque anni dal conseguimento del titolo.

Pubblicità
Pubblicità

IL PROFILO DEI LAUREATI DELL’UNIVERSITÀ DI TRENTO – I laureati nel 2017 dell’Università di Trento coinvolti nel XX Rapporto sul Profilo dei laureati sono 3.520. Si tratta di 1.923 di primo livello, 1.227 magistrali biennali e 364 a ciclo unico; i restanti sono laureati dei corsi pre-riforma.

Per esigenze di sintesi si riporta in questa sede l’analisi delle performance formative dei laureati di primo livello e dei laureati magistrali biennali, ma si rimanda alle tabelle di sintesi per i dati sui laureati magistrali a ciclo unico.

CITTADINANZA, PROVENIENZA E BACKGROUND FORMATIVO – La quota di laureati di cittadinanza estera è complessivamente pari al 6,7%: il 3,2% tra i triennali e il 14,0% tra i magistrali biennali. Il 55,9% dei laureati proviene da fuori regione; in particolare è il 54,7% tra i triennali e il 52,7% tra i magistrali biennali.

Pubblicità
Pubblicità

È in possesso di un diploma di tipo liceale (classico, scientifico e linguistico) il 63,0% dei laureati: è il 60,8% per il primo livello e il 60,2% per i magistrali biennali. Possiede un diploma tecnico il 20,8% dei laureati: è il 24,2% per il primo livello e il 18,4% per i magistrali biennali. Residuale la quota dei laureati con diploma  professionale.

ETÀ, REGOLARITÀ E VOTO DI LAUREA: LA RIUSCITA NEGLI STUDI UNIVERSITARI – L’età media alla laurea è 25,2 anni per il complesso dei laureati, nello specifico di 24,0 anni per i laureati di primo livello e di 26,7 anni per i magistrali biennali. Un dato su cui incide il ritardo nell’iscrizione al percorso universitario: non tutti i diplomati, infatti, si immatricolano subito dopo aver ottenuto il titolo di scuola secondaria superiore.

Il 61,5% dei laureati termina l’università in corso: in particolare è il 65,5% tra i triennali e il 64,7% tra i magistrali biennali. Il voto medio di laurea è 101,9 su 110: 99,1 per i laureati di primo livello e 106,0 per i magistrali biennali.

TIROCINI CURRICULARI, STUDIO ALL’ESTERO E LAVORO DURANTE GLI STUDI – Il 54,1% dei laureati ha svolto tirocini riconosciuti dal proprio corso di studi: è il 56,6% tra i laureati di primo livello e il 58,3% tra i magistrali biennali (valore che cresce al 70,8% considerando anche coloro che l’hanno svolto solo nel triennio).

Ha compiuto un’esperienza di studio all’estero riconosciuta dal corso di laurea (Erasmus in primo luogo) il 20,1% dei laureati: il 12,3% per i triennali e il 27,8% per magistrali biennali (quota che sale al 34,7% considerando anche coloro che le hanno compiute solo nel triennio).

Il 68,0% dei laureati ha svolto un’attività lavorativa durante gli studi universitari: è il 68,9% tra i laureati di primo livello e il 65,5% tra i magistrali biennali.

LA SODDISFAZIONE PER L’ESPERIENZA UNIVERSITARIA – Per analizzare la soddisfazione per l’esperienza universitaria appena conclusa si è scelto di prendere in considerazione l’opinione espressa dal complesso dei laureati in merito ad alcuni aspetti. Il 90,3% dei laureati è soddisfatto del rapporto con il corpo docente e l’85,8% ritiene il carico di studio adeguato alla durata del corso. In merito alle infrastrutture messe a disposizione dall’Ateneo, il 94,6% dei laureati considera le aule adeguate.

Più in generale, il 92,0% dei laureati si dichiara soddisfatto dell’esperienza universitaria nel suo complesso. E quanti si iscriverebbero di nuovo all’Università? Il 73,0% dei laureati sceglierebbe nuovamente lo stesso corso e lo stesso Ateneo, mentre il 9,5% si riscriverebbe allo stesso Ateneo, ma cambiando corso.

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI DELL’UNIVERSITÀ DI TRENTO – L’Indagine sulla Condizione occupazionale ha riguardato complessivamente 6.378 laureati dell’Università di Trento. I dati si concentrano sull’analisi delle performance dei laureati triennali e magistrali biennali usciti nel 2016 e intervistati a un anno dal titolo e su quelle dei laureati magistrali biennali usciti nel 2012 e intervistati dopo cinque anni.

Data la natura dei laureati magistrali a ciclo unico, caratterizzati da un’elevata prosecuzione degli studi con formazione propedeutica all’avvio delle carriere libero professionali (ad esempio praticantati, specializzazioni), per esigenze di sintesi non si riporta in questa sede l’analisi delle loro performance occupazionali.

LAVORO, I LAUREATI TRIENNALI A UN ANNO DALLA LAUREA – L’Indagine ha coinvolto 1.897 laureati triennali del 2016 contattati dopo un anno dal titolo (nel 2017). Il 70,4% dei laureati di primo livello, dopo il conseguimento del titolo, decide di proseguire il percorso formativo iscrivendosi ad un corso di secondo livello (marginale la quota di chi si iscrive ad un corso triennale).

Dopo un anno il 69,4% risulta ancora iscritto. Per un’analisi più puntuale, pertanto, vengono di seguito fotografate le performance occupazionali dei laureati di primo livello che, dopo la conquista del titolo, hanno scelto di non proseguire gli studi universitari e di immettersi direttamente nel mercato del lavoro.

Isolando quindi i laureati triennali dell’Università di Trento che, dopo il titolo, non si sono mai iscritti a un corso di laurea (28,9%), è possibile indagare le loro performance occupazionali a un anno dal titolo. A un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione (si considerano occupati, seguendo la definizione adottata dall’Istat, tutti coloro che sono impegnati in un’attività retribuita, di lavoro o di formazione) è del 74,9%, mentre quello di disoccupazione (calcolato sulle forze di lavoro, cioè su coloro che sono già inseriti o intenzionati a inserirsi nel mercato del lavoro) è pari all’11,9%.

Tra gli occupati, il 28,7% prosegue il lavoro iniziato prima della laurea, il 19,5% ha invece cambiato lavoro; il 51,8% ha iniziato a lavorare solo dopo il conseguimento del titolo. Il 29,8% degli occupati può contare su un lavoro alle dipendenze a tempo indeterminato, mentre il 33,3% su un lavoro non standard (in particolare su un contratto alle dipendenze a tempo determinato).

Il 6,0% svolge un’attività autonoma (come libero professionista, lavoratore in proprio, imprenditore, ecc.). Il lavoro part-time coinvolge il 22,0% degli occupati. La retribuzione è in media di 1.190 euro mensili netti. Ma quanti fanno quello per cui hanno studiato? Si è presa in esame l’efficacia del titolo, che combina la richiesta della laurea per l’esercizio del lavoro svolto e l’utilizzo, nel lavoro, delle competenze apprese all’università.

Sono il 31,5% gli occupati che considerano il titolo molto efficace o efficace per il lavoro che svolgono. Più nel dettaglio, il 29,1% dichiara di utilizzare in misura elevata, nel proprio lavoro, le competenze acquisite all’università.

LAVORO, I LAUREATI MAGISTRALI BIENNALI A UNO E CINQUE ANNI DALLA LAUREA – I laureati magistrali biennali del 2016 contattati dopo un anno dal titolo sono 1.285, quelli del 2012 contattati a cinque anni sono 1.001.

A un anno – Tra i laureati magistrali biennali del 2016 intervistati a un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione (si considerano occupati quanti sono impegnati in un’attività retribuita, di lavoro o di formazione) è pari all’81,6%. Il tasso di disoccupazione, calcolato sulle forze di lavoro, è pari al 9,4%.
Il 28,0% prosegue il lavoro iniziato prima della laurea, il 13,1% ha invece cambiato lavoro; il 58,9% ha iniziato a lavorare solo dopo il conseguimento del titolo.
Il 25,8% degli occupati può contare su un contratto alle dipendenze a tempo indeterminato mentre il 37,3% su un lavoro non standard (in particolare su un contratto alle dipendenze a tempo determinato).

Il 7,8% svolge un’attività autonoma (come libero professionista, lavoratore in proprio, imprenditore, ecc.). Il lavoro part-time coinvolge il 22,0% degli occupati. La retribuzione è in media di 1.221 euro mensili netti.

Il 45,3% degli occupati ritiene la laurea conseguita molto efficace o efficace per il lavoro che sta svolgendo; inoltre, il 39,9% dichiara di utilizzare in misura elevata, nel proprio lavoro, le competenze acquisite durante il percorso di studi.

A cinque anni – Il tasso di occupazione dei laureati magistrali biennali del 2012, intervistati a cinque anni dal conseguimento del titolo, è pari al 90,3%. Il tasso di disoccupazione è pari al 4,6%. Gli occupati assunti con contratto a tempo indeterminato sono il 54,7%, mentre gli occupati che svolgono un lavoro non standard sono il 22,0%.

Svolge un lavoro autonomo il 14,6%.

Il lavoro part-time coinvolge il 17,1% degli occupati. Le retribuzioni arrivano in media a 1.544 euro mensili netti. Il 51,3% degli occupati ritiene la laurea conseguita molto efficace o efficace per il lavoro che sta svolgendo; il 42,8% dichiara di utilizzare in misura elevata, nel proprio lavoro, le competenze acquisite all’università.

Ma dove vanno a lavorare? Il 68,8% dei laureati è inserito nel settore privato, mentre il 21,1% nel pubblico. La restante quota lavora nel non-profit (9,2%). L’ambito dei servizi assorbe il 75,1%, mentre l’industria accoglie il 22,6% degli occupati. Marginale la quota di chi lavora nel settore dell’agricoltura.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza