Connect with us
Pubblicità

Trento

Il sindacato Delsa protesta davanti alla provincia «Non siamo maestri usa e getta»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Nuova protesta con presidio davanti agli uffici della provincia autonoma di Trento per il sindacato Delsa.

Il più grosso ed importante sindacato dei docenti e degli operatori ATA, nonostante la giornata di scrutini che ha impegnato molti professori, ha radunato in piazza Dante oltre una cinquantina di iscritti, degli oltre 500 (un anno fa erano meno di 100) guidati dal suo segretario Mauro Pericolo.

La manifestazione è stata animata da cartelli, bandiere, fischietti. Non sono mancanti gli slogan: «Non siamo maestri usa e getta»; «Diritto alla disconnessione: vieni subito in servizio, è un ordine!».

Pubblicità
Pubblicità

Nel mirino la Giunta Rossi e l’iprase, colpevoli «in 5 anni di governo, di abusi, bugie e mistificazioni.  Un bilancio insomma disastroso».

Mauro Pericolo nel suo discorso ha nuovamente denunciato l’esasperazione di tutto il personale scolastico per colpa di «questa politica di abuso di potere e sfruttamento del precariato»

Ma durante la manifestazione di è parlato anche del vergognoso primato della provincia di Trento che è qualla che ha fatto peggio su tutto il territorio nazionale peggiorando ancora più la già traballante «buona scuola» di Renzi.  «Ancora esclusi dalle procedure concorsuali di stabilizzazione molti docenti, 20 anni senza concorsi: un vergognoso primato».

Pubblicità
Pubblicità

Perchè l’amministrazione continua a nascondere i numeri dei precari? – si è chiesto poi Mauro Perricolo: «Basta menzogne e mistificazioni  e statistiche e di sistema. Subito stabilizzazione per il personale con i requisiti dei 3 anni».

«Per il nuovo concorso per Abilitati contestiamo la procedura perché gravemente incompleta e discriminante rispetto ai docenti abilitati;  illogica ed incoerente con un vero piano di stabilizzazione e soprattutto iniqua per la squalificazioni del servizio prestato».

Cosa molto grave invece è il boicottaggio dell’attività Sindacale di Delsa che lo stesso segretario ha denunciato puntando il dito sulla condotta antisindacale del Dipartimento della conoscenza  e l’Apran e su Iprase giudicato «lo strumento di potere e propaganda di questa amministrazione».

Il malumore e i disagi nella scuola sono comunque molto sentiti un po’ da tutti e anche il presidente Rossi in tal senso ci mette del suo.

Il presidente Ugo Rossi, nei giorni scorsi – ha ricordato Pericolo – ha sottolineato che in tre anni sono stati stabilizzati 1200 docenti. Ma non c’è chiarezza sui numeri. «Non sono poche centinaia come ha alluso. Ma minimo 1500 precari, tra insegnanti e personale tecnico-amministrativo e ausiliario. C’è anche è arrivato a superare i 30 di precariato, ma vi rendete conto, Rossi fa promesse per bandire concorsi per alcune classi di insegnamento per ottobre-novembre. Ma sappiamo benissimo che il 21 ottobre ci sono le elezioni provinciali. È grave e ridicolo».

Poi Mauro Pericolo ha sottolineato le enormi differenze fra i salari di Trento e Bolzano, la differenza sarebbe quasi di 500 euro a busta paga.  «La nostra tanto sbandierata autonomia dovrebbe allinearsi alle retribuzioni di Bolzano, invece è nella media nazionale. I sindacati confederali e Gilda, che non è rappresentativa, hanno firmato passivamente un accordo che prevede che i nuovi insegnanti siano affiancati da un tutor, che sarà non un aiuto ma un controllore. Un accordo che non permetterà agli insegnanti di disconnettersi da mail e messaggistica con la dirigenza scolastica nemmeno a servizio concluso. Questa reperibilità digitale va pagata».

Infine, il segretario di Delsa ha posto l’attenzione sui rapporti con i dirigenti scolastici per alcuni docenti che sono diventati una spina nel fianco. «Il dirigente è un dominus – dice Rossi – e allora nell’ultimo mese si sono registrati ben venti procedimenti disciplinari pretestuosi a carico di insegnanti». «I dirigenti scolastici -conclude Pericolo – sono oggi il collettore delle proteste e istanze dei genitori scaricate sui poveri insegnanti».

Il 26 di giugno arriverà la decisione del Consiglio di Stato sul ricorso dei 150 insegnanti, diplomati ormai vent’anni fa, della primaria. Se fosse positiva, per la Giunta Rossi sarebbe «profondo rosso»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento7 ore fa

Scuola, stop all’obbligo di indossare le mascherine per personale e alunni

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

“Quello che possiamo imparare in Africa”: Cavareno incontra don Dante Carraro

Trento8 ore fa

Sanità trentina: 4,5 milioni di euro per abbassare le liste di attesa

Valsugana e Primiero10 ore fa

Era evaso dai domiciliari, 25 enne del Burkina Faso arrestato a Levico Terme

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

La Pro Loco di Tassullo si rinnova: Luca Pilati è il nuovo presidente

Arte e Cultura10 ore fa

Il Mart a Palazzo Libera e al Parco Guerrieri Gonzaga di Villa Lagarina

Trento11 ore fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 324 contagi nelle ultime 24 ore

Trento11 ore fa

Ancora un incidente nei boschi dell’Altipiano di Brentonico: ferito un boscaiolo 72 enne

Fiemme, Fassa e Cembra11 ore fa

Maltempo in Alta Val di Fassa, dichiarato lo stato di calamità

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Anche il Comune di Spormaggiore è “cardioprotetto”

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion13 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Italia ed estero13 ore fa

Lancia pietre sulle macchine in autrostrada e minaccia di tagliarsi la gola: bloccato col taser 22 enne egiziano

Alto Garda e Ledro14 ore fa

A Ferragosto la solenne celebrazione votiva di Santa Maria Assunta

Rovereto e Vallagarina14 ore fa

Violento scontro tra un furgone e una corriera a Santa Lucia di Ala, ferito un 48 enne

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento2 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina1 giorno fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

Trento2 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Val di Non – Sole – Paganella1 giorno fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Trento2 giorni fa

Grosso incendio presso la discarica Podetti. In azione decine di vigili del fuoco

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

Lavarone: anche oggi si cerca senza sosta il corpo di Willy

Rovereto e Vallagarina1 giorno fa

“Ciao Willy, avrai un intera comunità che pregherà e si ricorderà di te, buon viaggio” il saluto del Comune di Lavarone

fashion13 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Trento3 giorni fa

1.000 euro ad una famiglia trentina: l’Hotel dovrà risarcire il 50% della vacanza

eventi3 giorni fa

Miss Italia: ad Andalo vince la 18 enne Isabel Vincenzi

Italia ed estero1 giorno fa

29 enne austriaca rifiuta un’eredità di 4 miliardi di euro

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza