Connect with us

Trento

Trento: Dolomiti Pride o carnevale? Le foto della grande festa gay

Pubblicato

-

Una bella festa, tanti colori, travestimenti e maschere conditi da bella musica, balli e divertimento.

Sembrerebbe la descrizione di un qualsiasi carnevale, invece era il Dolomiti Pride di Trento, il raduno e la parata dell’orgoglio gay che ha sfilato per le strade della città.

Ciò significa che la manifestazione è sicuramente un fenomeno simpatico che ha attirato tantissime persone “normali” o soltanto curiosi, anche famiglie, ma più che un evento per reclamare diritti sembra soltanto una bella festa.

PubblicitàPubblicità

Massima simpatia e tolleranza per l’amore omosessuale, ma non servono forse tanti eccessi e mascherate per sfogarsi e divertirsi assieme.

Nulla di speciale, insomma, a nessuno dispiace fare festa, ma non serve reclamare chissà quali diritti che ad oggi sono largamente sdoganati.

Non serve ostentare la propria condizione o la propria ribellione contro qualche ostacolo che non c’è.

Molti comunque i partecipanti, la Questura ha stimato circa 8.000 presenti, ma quasi tutti venuti da fuori, poche infatti le facce trentine conosciute dentro il lungo corteo che è partito da Piazza Dante per terminare al quartiere delle Albere dove la festa continuerà fino a tarda notte con una trentina di gruppi musicali che si esibiranno sul palco.

Il corteo è partito con oltre un ora di ritardo. In testa l’assessora delle pari opportunità della provincia di Trento Sara Ferrari, e l’assessore alla cultura Andrea Robol.

Pochi i politici presenti e non si è visto nessun sindaco della provincia di Trento.

Anzi, – secondo delle testimonianze –  alcuni dei pochi politici presenti pare siano stati anche insultati da qualcuno del corteo per la loro presenza, parsa inopportuna, visto che non hanno sostenuto la manifestazione come forse volevano gli organizzatori.

Si sono viste alcune ragazze sfilare con le tette al vento, e dei giovani ubriachi.

Ma alla fine poteva andare anche peggio.

Fra i partecipanti non sono mancati i riferimenti polemici alle ultime esternazioni del ministro della famiglia Lorenzo Fontana. “E’ il momento di resistere, di dire che noi esistiamo”, ha detto il presidente di Arcigay Trentino, Paolo Zanella.

Nel ricordare l’adesione alla manifestazione del meetup di Trento, Zanella ha chiesto al Movimento 5 Stelle di “prendere posizione sui diritti delle persone Lgbt”. “E’ una festa gioiosa che ha saputo coinvolgere la nostra città”, ha detto il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta.

“Sono qui per vigilare contro ogni forma di discriminazione perché Trento è una città delle relazioni, del dialogo e del confronto, ed è inclusiva”. “Sono qui a titolo personale, ma non mi sento fuori dal rappresentare il Trentino delle istituzioni che io credo non possa stare dove stanno i diritti, la difesa della libertà e del pluralismo”, ha detto il vicepresidente della Provincia di Trento, Alessandro Olivi.

“Io al posto del presidente Rossi – ha aggiunto – il patrocinio alla manifestazione l’avrei dato. Oggi abbiamo bisogno di essere presenti laddove c’è il rischio che la diversità venga esclusa”. 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Slittano di una settimana (dal 20 al 27 agosto) i lavori su alcune ferrate oggetto di manutenzioni

Pubblicato

-

Lo scorso luglio l’Ufficio Tecnico di SAT sede centrale inviò una comunicazione relativa ai lavori di manutenzione programmati dal 20 agosto su alcune ferrate sia nell’area del delle Dolomiti di Brenta, che nelle Dolomiti del Primiero.

Lo stesso Ufficio Tecnico della sede SAT informa attraverso un comunicato dello slittamento della data di inizio dei lavori di ristrutturazione alla Via ferrata “Livio Brentari”, n° segnavia O358. La chiusura del tracciato non sarà più programmata a partire da lunedì 20 agosto 2018, bensì da lunedì 27 agosto 2018.

Contestualmente la SAT ha   inviato al Comune di San Lorenzo Dorsino la richiesta di modifica dell’ordinanza di chiusura n. 34/2018 per permettere di recepire questo cambiamento di programma.  La via ferrata sarà di conseguenza ancora accessibile nel corso di tutta la settimana da 19 al 26 agosto.

PubblicitàPubblicità

Stesso slittamento per la Via ferrata del Porton, n° segnavia E739A. La chiusura del tracciato non sarà più programmata a partire da lunedì 20 agosto 2018 ma bensì da lunedì 27 agosto 2018. Anche in questo caso è stata inoltrata al Comune di Primiero la richiesta di modifica dell’ordinanza di chiusura n. 112/2018 per la modifica dell’ordinanza. Anche questo tracciato su via ferrata sarà di conseguenza ancora accessibile nel corso di tutta la prossima settimana.

Relativamente alle sopracitate modifiche la SAT ha provveduto ad informare oltre ai comuni tutte le realtà che operano sui territori: società impiantistiche, guide alpine, Apt, parchi naturali, i rifugi e le sezioni che fanno parte di quei comprensori.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Riordino del Vason sul Monte Bondone

Pubblicato

-

Si sono svolti questa estate tutta una serie di lavori per riordinare la zona del Vason sul Monte Bondone.

Nel mese di settembre il comune inoltre procederà con l’adeguamento dell’immissione sulla pista da sci “Cordela” e l’accesso all’impianto di risalita del Palon.

I lavori eseguiti ad oggi sono.

PubblicitàPubblicità

– demolizione e rimozione del prefabbricato sede dei Vigili Urbani, che si collocava in zona centrale all’area, con conseguente utilizzo dello spazio ricavato per aumentare quello del campo scuola con lo spostamento del tapis roulant che lo delimita sul lato est e dell’area verde estiva;

– movimenti di terra (soprattutto riporti) per aumentare la superficie pianeggiante dell’area contenuta tra il bar Bondonero e la strada a sud di accesso ai parcheggi della palazzina servizi di Trento Funivie. L’aumento della superficie ha consentito il collocamento di alcune strutture ludiche e lo stazionamento di più persone nella stagione estiva (lettini, sdraio…) e consentirà senz’altro un più ordinato transito degli sciatori in arrivo e partenza nella stagione invernale;

– formazione di un nuovo accesso alla piazzola dell’elisoccorso in posizione tale da non interferire con le attività che si svolgono sull’area di cui sopra, liberandola completamente da ogni ingombro fuori contesto, rendendola più sicura per i fruitori, sia in inverno che in estate. La stradina così proposta risulta più funzionale per l’avvicinamento sia dell’ambulanza (estate), che della motoslitta (inverno) all’elisoccorso.

Il finanziamento dell’opera è di complessivi 80mila euro.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Zona «Liceo musicale Bonporti» in balia di degrado e inciviltà

Pubblicato

-

Una Trento in baia di maleducati, ubriaconi e spacciatori.

Uno spettacolo deplorevole e vergognoso, ripreso alle 10.30 della domenica mattina in una delle zone meta di molti turisti che dopo aver visitato il castel del Buonconsiglio vogliono fare una passeggiata nel centro storico di Trento.

È questa la fotografia rappresentata dalle continue segnalazioni che arrivano al numero whatsApp (3922640625) della nostra redazione da parte di cittadini furibondi e stufi della situazione ormai fuori controllo.

PubblicitàPubblicità

Le foto sono state scattate domenica mattina 19 agosto alle ore 10:30 davanti al liceo musicale Bonporti.

Per terra lattine di ogni tipo, molte bottiglie di vetro, alcune rotte, e quindi molto pericolose per bambini o per chi cammina con sandali estivi.

Il tutto accompagnato da un nauseabondo e acre odore di urina che rende l’aria irrespirabile.

E tutto nel centro storico di Trento sotto gli occhi increduli dei residenti costretti a vivere in queste condizioni.

La zona degli ultimi tempi è peggiorata. A renderla così, i soliti noti.

Sui muri ci sono scritte di tutti i tipi.

Solo ieri è stata scoperta un’altra situazione di degrado nella stessa zona che riguarda Vicolo della Contrada Tedesca (qui l’articolo)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it