Connect with us
Pubblicità

Trento

Relazione commissione pari opportunità: piovono molte critiche su Ugo Rossi

Pubblicato

-

Il 6 giugno la Commissione Pari Opportunità (CPO) ha presentato la relazione annuale delle attività riferite all’anno 2017 presso la 4^ Commissione permanente del Consiglio.

Presenti in aula come relatori la presidentessa Simonetta Fedrizzi,  affiancata dalla vicepresidente Claudia Loro e dalla funzionaria Anna Maria Belluccio.

I numerosi progetti e iniziative della Commissione Pari Opportunità sono stati portati a termine nell’ottica di porre le pari opportunità al centro delle scelte politiche più ampie, nel riconoscimento del carattere innovativo e determinante che le misure di pari opportunità conferiscono ai processi di cambiamento sociale.

Pubblicità
Pubblicità

L’obiettivo di una sempre maggiore equità fra i generi è stato perseguito nella consapevolezza e convinzione che tale equilibrio rappresenti un beneficio di tutta una collettività dedita alla realizzazione di una società più giusta e compiutamente democratica, e quindi capace di tenere conto dei bisogni e della qualità di vita di tutte le sue componenti.

«La relazione della C. P.O. è da intendersi – spiega Simonetta Fedrizzi –  come uno strumento di confronto costruttivo su temi di interesse generale e di stimolo, tanto per il Consiglio quanto per la Giunta provinciale».

«Purtroppo – aggiunge – questo significato non è stato colto dal rendiconto apparso sul sito del Consiglio della PAT e ripreso da alcune testate giornalistiche locali con titoli ad effetto e fuorvianti rispetto al senso complessivo della relazione annuale. E ciò spiace. Si sono voluti enfatizzare alcuni elementi di criticità senza inserirli nel contesto dei contenuti dettagliatamente articolati e delle buone pratiche sviluppate e consolidate. Si è anche taciuto sul clima collaborativo e sulla continuità nell’azione di numerose azioni sul governo locale, condotti in una logica di compimento collegiale del ruolo assegnato alla C. P. O. quale organo consultivo del Consiglio e della Giunta».

Pubblicità
Pubblicità

Fedrizzi ha documentato una fitta attività di carattere culturale svolta per promuovere le tematiche cosiddette di genere come la battaglia (vinta) per l’adozione della doppia preferenza uomo-donna nel voto provinciale; il dossier realizzato con gli studenti per analizzare il linguaggio dei quotidiani in un’ottica di genere; – l’iniziativa che dovrebbe portare al varo presso l’Università di una “banca dei saperi femminili”, allo scopo di promuovere un più frequente ricorso alle migliori professionalità anche femminili; l’impegno sul fronte della promozione di una toponomastica al femminile; le molte iniziative per il contrasto alla violenza sulle donne; il fronte tutto nuovo della “medicina di genere” e l’azione “politica” per avere asili nido che non si riducano a semplici centri assistenziali.

Descrivendo il ventaglio operativo della C.p.o., Fedrizzi ha anche riferito di essersi mossa presso l’assessorato provinciale competente, per contestare (e chiedere il ritiro) della brochure diffusa in tema di istruzioni per le emergenze incendio, a quanto pare caratterizzata da illustrazioni che ricalcano triti stereotipi sessisti.

Riferito anche un caso meno recente di Comune che ha diffuso volantini per una festa locale, promuovendo di fatto anche un sexy show.

Un altro appunto critico la presidente Fedrizzi ha riservato per il presidente della Provincia, lamentando che è rimasta “lettera morta” la promessa di attivare un fondo ad hoc per colmare i limiti di retribuzione patiti dalle mamme assenti dal lavoro per maternità.

Nel dibattito è intervenuta per prima Violetta Plotegher (Pd), per un apprezzamento alla prospettiva di una medicina di genere, nel senso di sviluppare cure personalizzate e quindi adatte alle donne. La consigliera ha sostenuto che occorrerebbe analizzare il bilancio P.a.t. per capire se le risorse vengono utilizzate nella direzione della parità sostanziale tra i sessi.

Ha poi parlato della condivisione degli oneri di cura tra uomo e donna, che va sviluppata oltre il più povero concetto della conciliazione casa-lavoro. Un cenno critico infine a recenti episodi di sessismo nel linguaggio dell’aula consiliare.

I fondi a disposizione per la C.P.O. nel 2017 sono stati 25 mila euro,  «numerose attività sono state realizzate senza impiego di risorse economiche, grazie all’impegno in prima persona delle singole componenti e della Segreteria Tecnica, oltre a sinergie e collaborazioni attivate con altre istituzioni, tra cui la PAT e varie realtà associative» – Precisa Fedrizzi

Qui puoi leggere l’intera relazione della commissione pari opportunità della provincia autonoma di Trento

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]
  • The Ordinary – The Balance Set: la skin care di qualità adatta a tutte le tasche
    The Ordinary è un marchio di DECIEM (società ombrello di brand focalizzati su trattamenti avanzati di bellezza) in continua evoluzione di trattamenti per la skin care. The Ordinary offre trattamenti clinici elettivi di cura per la pelle a prezzi onesti. The Ordinary è “Formulazioni cliniche con onestà”. Tutti i prodotti DECIEM,  compresi quelli del brand The Ordinary, […]

Categorie

di tendenza