Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

La Nazionale in costruzione

Pubblicato

-

Si chiude il primo stage della Nazionale italiana targata Roberto Mancini.

Il tecnico di Jesi accettando l’incarico di Commissario Tecnico accentra su di sé il gravoso impegno di rifondare il club Italia.

Il lavoro arduo e impervio del nuovo CT pone le basi per un’auspicabile crescita delle squadre giovanili e dell’intero movimento calcistico del belpaese.

Pubblicità
Pubblicità

Gli Azzurri giocano 3 partite amichevoli nel giro di una settimana: il debutto vincente a San Gallo contro l’Arabia Saudita (2-1), la sconfitta a Nizza contro la Francia (3-1), infine, il pareggio dello Stadium contro l’Olanda (1-1).

Nei 270 minuti disputati sul green, sono apparse, agli occhi della critica, più ombre che luci.

Vi sono le attenuanti del caso che non giustificano le prestazioni fiacche e opache della ciurma del Mancio.

La Kermesse è di fine stagione, il varo del nuovo e giovane gruppo, il contraccolpo patito dall’ambiente per la cocente esclusione da Russia2018, la qualità dell’organico, sono discriminanti da valutare appieno con realismo e oggettività.

Gli undici scelti a rotazione dal marchigiano non sono apparsi, nel complesso, pronti e carburati.

Negli impegni di caratura internazionale il gruppo sembra mostrare un gap fisico, tecnico e mentale.

I giovani schierati dalla cloche italiana (con il modulo 4-3-3) non sono supportati dalla necessaria esperienza internazionale, soffrono la velocità atletica e l’esuberanza muscolare degli avversari.

Non vi sono i gettoni della maturità acquisita nelle competizioni europee nei rispettivi club, altri disputano solo manciate di minuti scavalcati nelle gerarchie dai compagni stranieri.

Il match contro la Francia è stato impietoso, da questo punto di vista, evidenziando pericolosi vuoti di mentalità e flebile saggezza tattica. E’ positiva la gara contro i Tulipani sul piano del fraseggio e della tenuta caratteriale (ridotti in 10) nonostante la rete subita nel finale.

Federico Chiesa è l’uomo copertina, indossa con autorità la maglia azzurra. Il “figlio d’arte” interpreta il ruolo con piglio e tempra senza timori reverenziali.

Se analizziamo i singoli reparti, appuntiamo una asimmetria di giudizio scaturito dal precario inizio.

L’asse centrale della difesa riscontra una valutazione positiva, mentre i reparti degli esterni bassi e del centrocampo appaiono frastornati e fragili. I percussori alti sono intraprendenti ma evanescenti, mentre la potenza di fuoco non è sempre attivata e innescata.

In tal senso il faro delle scelte di Roberto Mancini saranno le prestazioni dei singoli a cominciare dalla prossima stagione agonistica.

L’esperto Sirigu e i giovani Donnarumma e Perin si sfideranno per i guantoni da titolare.

Il pacchetto arretrato impernato da Leo Bonucci troverà la spalla nelle alternative rappresentate da Chiellini, Romagnoli, Caldara e Rugani. Sugli esterni la batteria sarebbe ampia, composta da De Sciglio, Florenzi (utile anche sulla linea di centrocampo), Darmian, Criscito e Zappacosta.

In mediana Jorginho, Verrati, Pellegrini, Gagliardini, Cristante e Bonaventura sarebbe la rosa su cui puntare.

Gli esterni d’attacco per conferire fantasia sono numerosi: Chiesa, Bernardeschi, Insigne, Berardi, Politano e Verdi.

Infine, per l’attacco pesante si punterebbe come prima scelta su il ritrovato Balotelli con Belotti, Immobile e Zaza.

IL TABELLINO IN PILLOLE –

Italia-Arabia Saudita (2-1) -21’ Balotelli (I), 68’ Belotti (I), 72’ Yahya Al-Shehri (AS)-

Francia-Italia (3-1) -8’ Umtiti (F), 29’ rigore Griezmann (F), 36’ Bonucci (I), 63’ Dembélé (F)-

Italia-Olanda (1-1) -67’ Zaza (I), 88’ Aké (O)-

Emanuele Perego            www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Al via il campionato di Serie A: tutte le probabili formazioni

Pubblicato

-

In attesa degli ultimi colpi di mercato, questa sera comincia il campionato di serie A. Il calciomercato chiuderà ufficialmente il 2 settembre.

Allo stadio Tardini (ore 18.00) il debutto tra Parma e Juventus. I Campioni d’Italia senza Maurizio Sarri, alle prese con una polmonite, debutta ancora favorita per la vittoria finale nella stagione 2019-2020.

Alle 20.45 scenderà in campo Fiorentina e Napoli allo stadio Artemio Franchi.

Pubblicità
Pubblicità

Domani si giocherà Udinese-Milan (ore 18.00); a seguire (ore 20.45) Roma-Genoa, Sampdoria-Lazio, Spal-Atalanta, Torino-Sassuolo, Cagliari-Brescia, e Verona-Bologna.

Per il posticipo del lunedì (ore 20.45) si sfideranno a San Siro, Inter e Lecce.

Ecco le probabili formazioni:

allo stadio Ennio Tardini:

PARMA (4-3-3): Sepe; Laurini, Iacoponi, Alves, Gagliolo; Hernani, Brugman, Barillà; Kulusevski, Inglese, Gervinho. (Allenatore D’Aversa).

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Cristiano Ronaldo. (Allenatore Martusciello) -in sostituzione di Sarri-

Allo stadio Franchi:

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski, Lirola, Milenkovic, Pezzella, Venuti; Castrovilli, Badelj, Pulgar; Chiesa, Vlahovic, Sottil. (Allenatore Montella).

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Zielinski; Callejon, Fabian Ruiz, Insigne; Mertens. (Allenatore Ancelotti).

A Udine:

UDINESE (3-5-2): Musso; Becao, Ekong, Samir; Stryger Larsen, Fofana, Jajalo, Mandragora, Pezzella; De Paul, Lasagna. Allenatore Tudor.

MILAN (4-3-1-2): G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Borini, Calhanoglu, Paquetà; Suso; Piatek, Castillejo. (Allenatore Giampaolo).

Allo stadio Olimpico:

ROMA (4-2-3-1): Lopez; Florenzi, Fazio, Jesus, Kolarov; Pellegrini, Cristante; Under, Zaniolo, Perotti; Dzeko. Allenatore Fonseca.

GENOA (3-5-2): Radu; Zapata, Romero, Criscito; Ghiglione, Lerager, Radovanovic, Schone, Barreca; Kouame, Pinamonti. (Allenatore Andreazzoli).

Allo stadio Luigi Ferraris:

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Murillo, Colley, Murru; Linetty, Ekdal, Jankto; Ramirez; Quagliarella, Caprari. (Allenatore Di Francesco).

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Vavro, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic, Parolo, Luis Alberto, Lulic; Correa, Immobile. (Allenatore Simone Inzaghi).

Al Paolo Mazza:

SPAL (3-5-2): Berisha; Cionek, Vicari, Felipe; Di Francesco, Murgia, Missiroli, Kurtic, D’Alessandro; Petagna, Floccari. (Allenatore Semplici).

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez; Muriel, Zapata. (Allenatore Gasperini).

Allo stadio Olimpico Grande Torino:

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Meité, Baselli, Berenguer, Ansaldi; Belotti, Zaza. (Allenatore Mazzarri).

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Toljan, Gravillon, Ferrari, Rogerio; Traoré, Obiang, Locatelli; Djuricic, Caputo, Boga. (Allenatore De Zerbi).

Alla Sardegna Arena:

CAGLIARI (4-3-1-2): Rafael; Pinna, Ceppitelli, Klavan, Pellegrini; Ionita, Nainggolan, Birsa; Castro; Joao Pedro, Pavoletti. (Allenatore Maran).

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Chancellor, Cistana, Martella; Bisoli, Tonali, Zhmral; Spalek; Donnarumma, Morosini. (Allenatore Corini).

Al Bentegodi:

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kubulla, Empereur; Faraoni, Henderson, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Verre; Pazzini. (Allenatore Juric).

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Denswil, Dijks; Poli, Kingsley; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio. (Allenatore Tanjga) -in sostituzione di Mihajlovic-

Allo stadio Giuseppe Meazza:

INTER (3-5-2): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lukaku, Martinez. (Allenatore Conte).

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis, Majer; Shakov; Falco, Lapadula. (Allenatore Liverani).

Al via il campionato di Serie A: tutte le probabili formazioni.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

La Sfera e lo Spillo

Verso Fiorentina-Monza: il compianto Davide Astori e la prima gioia al Brianteo

Pubblicato

-

Sarà la notte del ricordo ma anche di amarcord.

Questa sera allo stadio Artemio Franchi di Firenze va in scena per il terzo turno di Coppa Italia (lega Serie A) il match FiorentinaMonza (ore 18.15 diretta su Rai Sport).

Il pensiero va all’ex capitano della Fiorentina Davide Astori deceduto il 4 marzo del 2018 in un albergo di Udine alla vigilia dell’incontro tra Udinese e Fiorentina.

Pubblicità
Pubblicità

Scoviamo in archivio che vi è un filo sottile che lega l’indimenticato difensore bergamasco e la sfida in terra toscana.

La memoria corre al pomeriggio del 13 maggio del 2007. Al Brianteo si gioca Monza-Pizzighettone (2-1) per la 34° giornata di Serie C (girone A).

Il ventenne Davide Astori segna il suo primo goal da giocatore professionista. Il numero 3 dei biancazzurri insacca di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

E’ la sua prima stagione nel calcio che conta dopo le esperienze giovanili nell’US Calcio San Pellegrino, Ponte San Pietro e Milan.

Il Milan (proprietaria del cartellino) gira in prestito Astori al Pizzighettone nella stagione 2006-2007, club in provincia di Cremona.

In seguito la “scalata” indossando le maglie della Cremonese, Cagliari, Roma e Fiorentina. A Firenze, Davide si consacra diventando il simbolo e capitano della Viola.

Sarà la notte del ricordo ma anche di amarcord.

Per la cronaca Vincenzo Montella incontra sulla sua strada, per la seconda volta, Cristian Brocchi.

I due ex rossoneri si sono sfidati da allenatori nella stagione 2015-2016 nel match Sampdoria-Milan (0-1). Cristian Brocchi al debutto sulla panchina del Milan espugna il catino di Marassi con la rete del colombiano Carlos Bacca.

Ecco le probabili formazioni:

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski, Lirola, Milenkovic, Ranieri, Terzic: Benassi, Badelj, Pulgar; Chiesa, Boateng, Sottil.

MONZA (4-3-1-2): Lamanna, Lepore, Scaglia, Bellusci, Sampirisi; Armellino, Rigoni, Iocolano; Chiricò; Brighenti, Finotto.

Il fischietto dell’incontro è affidato a Fabrizio Pasqua della sezione AIA di Tivoli. Gli assistenti sono Ranghetti e Di Iorio. Il quarto ufficiale è Fourneau.

Verso Fiorentina-Monza: il compianto Davide Astori e la prima gioia al Brianteo.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

La Sfera e lo Spillo

Calcio, le nuove regole IFAB: rigori, sostituzioni e falli di mano

Pubblicato

-

Nella 133esima riunione svoltasi ad Aberdeen (Scozia) l’International Football Association Board (IFAB) ha deliberato alcune importanti modifiche al regolamento.

A poche settimane dall’inizio dei campionati professionistici (Serie A, Serie B e Lega Pro) riportiamo le innovazioni introdotte, utili agli addetti ai lavori ma anche ai tifosi.

Raccogliamo in poche righe per i lettori della rubrica “la sfera e lo spillo” una sorta di bigino delle principali riforme:

Pubblicità
Pubblicità

Rimessa – In caso di rinvio del portiere il pallone non dovrà necessariamente uscire dall’area. Il difensore potrà ricevere il passaggio all’interno dell’area stessa e l’attaccante avversario potrà intervenire sulla giocata.

Cartellini per gli allenatori – I tecnici seduti in panchina potranno ricevere delle ammonizioni; con 2 cartellini gialli scatterà la squalifica. In caso di cartellino “rosso” si procederà all’allontanamento dal campo e la relativa sanzione disciplinare.

Barriera – Nei calci piazzati i giocatori, in fase d’attacco, non potranno più “disturbare” la barriera, ma dovranno posizionarsi ad una distanza di almeno un metro.

Fallo di mano – Sarà sanzionato il tocco volontario e quello considerato “innaturale” anche se involontario.

Sostituzioni – Il giocatore sostituito non dovrà più uscire a centrocampo, ma potrà allontanarsi dal punto più vicino del rettangolo (linea laterale o di fondo).

Cartellini e vantaggio – Una squadra che subisce un fallo potrà battere immediatamente la punizione e l’arbitro avrà la possibilità di ritardare l’eventuale procedimento disciplinare (cartellino giallo o rosso) da comminare all’autore del fallo, aspettando che si concluda l’azione.

Rigore – Il portiere potrà avere un piede oltre la linea di porta. Se entrambi i piedi oltrepassano la linea il VAR potrà intervenire facendo ripetere il rigore in caso di parata.

Tocco decisivo dell’arbitro – Nel caso in cui l’eventuale tocco involontario dell’arbitro provochi un assist o un break, il gioco sarà interrotto e il pallone tornerà alla squadra che esercitava il possesso e la giocata.

Calcio, le nuove regole IFAB: rigori, sostituzioni e falli di mano.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza