Connect with us
Pubblicità

Trento

I festeggiamenti per il 72° anniversario della nascita della repubblica Italiana

Pubblicato

-

Si è festeggiato oggi il 72° Anniversario della Fondazione della Repubblica Italiana

Alle ore 10.15, in Piazza Duomo, preceduta da una esibizione del Corpo Musicale “Città di Trento” si è svolta la Cerimonia Ufficiale alla presenza di una rappresentanza di tutti i reparti dell’Esercito, delle Forze di Polizia, del Corpo infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana, del Corpo forestale della Provincia Autonoma di Trento, del Corpo di polizia municipale di Trento e del Corpo dei Vigili del Fuoco.

Prima dei discorsi delle istituzioni  la cerimonia è iniziata con l’alzabandiera, seguita dall’esecuzione dell’Inno Nazionale.

PubblicitàPubblicità

“Abbiamo vissuto settimane molto particolari anche per la nostra Repubblica. Giorni di tensione. Per questo credo che oggi sia importante, celebrando la Festa della Repubblica, essere tutti impegnati, con grande senso di responsabilità, a smorzare i toni. L’auspicio, quindi, è che questo giorno possa riportare serenità e coesione”.

Con un appello alla responsabilità comune e in difesa della Costituzione, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, ha onorato, con autorità politiche e militari, la Festa della Repubblica, nel corso della cerimonia che si è tenuta questa mattina in piazza Duomo a Trento.

Il presidente Rossi, aveva accanto a sé, tra gli altri, il Commissario del Governo Pasquale Gioffrè e il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta.

Al termine della cerimonia di piazza, il presidente ha preso parte, presso il Commissariato del Governo, alla Cerimonia delle onorificenza al merito della Repubblica italiana.

In apertura del suo discorso, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, ha ricordato la cronaca politica recente: “Io credo che il confronto politico, per quanto aspro, non dovrebbe mai arrivare a mettere in discussione le istituzioni democratiche, nate proprio dal Referendum del 2 giugno del 1946 che oggi ricordiamo”.

Esortando il ritorno ad un clima politico sereno, Rossi ha richiamato al senso di responsabilità: “Occorre pensare bene alle parole che si usano, rifuggendo da retorica ed esagerazione. La nostra Repubblica è nata al termine di una dittatura e di una guerra che ha distrutto il Paese ed è stata fondata, attraverso la Costituzione, sui valori di libertà, giustizia, uguaglianza fra gli uomini e rispetto dei diritti di ognuno e dei popoli”.

E’ sul significato della Festa della Repubblica che Rossi si è soffermato maggiormente nel corso del suo intervento: “Ci sono giorni nella storia che cambiano il destino degli uomini, ci sono date che rimangono consegnate alla memoria del Paese: il 2 del 1946 fu un giorno di svolta. Pensiamo a com’era l’Italia: povera, sconfitta, lacerata con le macerie della guerra ad indicare un futuro di preoccupazione. Ma l’Italia ha poi prosperato e ha rialzato la testa. Ne dobbiamo andare orgogliosi. Fu un cambiamento che contribuì a rendere forte la nostra società ed a orientarla verso il futuro. Oggi, troppo spesso, tendiamo a dare per scontate certe scelte storiche, non ci accorgiamo del valore di alcune tappe della nostra vita, che ci sembrano quasi naturali”.

Presenti anche Maurizio Fugatti parlamentare della Lega Nord, il senatore Andrea De Bertoldi e la senatrice di Forza Italia Elena Testor. «Abbiamo lavorato per un governo di centrodestra – ha dichiarato Fugatti – ma non c’è stato nulla da fare e allora abbiamo dovuto ripiegare su un accordo con il M5s, Da domani comunque tutti al lavoro per mettere in pista la Flat Tax e per la gestione migliore dell’immigrazione. Vogliamo che i trentini paghino meno tasse anche se so bene che Ugo Rossi di questo non sarà contento» 

Succesivamente, nella Sala di Rappresentanza del Palazzo del Governo, il Commissario del Governo, Pasquale Gioffrè ha consegneto – alla presenza delle massime Autorità regionali e provinciali, Civili, Militari e Religiose e dei Sindaci dei Comuni di residenza degli insigniti, le onorificenze dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana” concesse dal Presidente della Repubblica a 20 cittadini residenti in questa provincia

Nella stessa occasione sono satte consegnate le Medaglie d’Onore alla memoria di due ex Internati Militari Italiani che hanno vissuto l’esperienza della deportazione e dell’internamento nei lager nazisti, destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra.

È stata inoltre consegnata una Medaglia ricordo quale “Vittima del terrorismo” ad un Militare dell’Arma dei Carabinieri ferito in Afghanistan nel 2012, nell’ambito della missione internazionale di soccorso, durante lo svolgimento di attività di servizio per la vigilanza ad infrastrutture civili e militari, a causa di un’azione criminosa di matrice terroristica.

ELENCO INSIGNITI

COMMENDATORI

  1. RIGOTTI Dr. LUCA residente a MEZZOCORONA

CAVALIERI

  1. ARPAIA M.llo Magg. Dr. GENNARO “ “ TRENTO

  2. BERTOLDI Avv. SARA “ “ TRENTO

  3. BIANCHI LUIGI “ “ TRENTO

  4. BORSOTTI lgt STEFANO “ “ CASTEL IVANO

  5. CAPODIFERRO Cap. Dr. MARCELLO “ “ RIVA d/GARDA

  6. CAVINI BENITO “ “ SFRUZ

  7. DALSASSO MARIO “ “ TELVE

  8. DOBBO Lgt DIEGO “ “ VALLELAGHI

  9. DRAGONE V.Brig. ANTONIO “ “ PERGINE VALS.

  10. FAGGIONI PAOLO “ “ LEDRO

  11. FLORIANI ARMANDO “ “ CASTEL IVANO

  12. HUEZ M.llo Magg. ENRICO “ “ TRENTO

  13. MENAPACE MARIO “ “ VILLE D’ANAUNIA

  14. MICHELONI IVO “ “ALTOPIANO VIGOLANA

  15. MICHELOTTI Brig.C. SERGIO “ “ TRENTO

  16. PEDERZOLLI DARIO “ “ TRAMBILENO

  17. TESTOR ELENA “ “ CAMPITELLO DI FASSA

  18. ZANELLA GIUSEPPE “ “ TRENTO

  19. ZOCCHI ASCANIO “ “ VALDAONE

VITTIMA TERRORISMO

  1. NAPOLITANO ENRICO FILIPPO

MEDAGLIA D’ONORE EX IMI

  1. Alla memoria di UMBERTO OBEROSLER

  2. Alla memoria di ROMANO VIOLA

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Christmas Run: le modifiche alla viabilità di Trento

Pubblicato

-

Sabato 15 dicembre si corre a Trento la Christmas Run, la corsa dei Babbi Natale. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Vittorio Bridi (Lega): «Intervenire subito per riaprire il rifugio Calisio»

Pubblicato

-

“Si deve intervenire per far riaprire il Rifugio Calisio” è questo quanto richiesto dalla Lega Nord Trentino in un documento con primo firmatario il Consigliere comunale di Trento Vittorio Bridi, documento presentato in occasione dell’approvazione del documento unico di programmazione 2019-2021 e del Bilancio di previsione finanziario 2019-2021.

Il Consigliere della Lega Nord Trentino Vittorio Bridi ha voluto ricordare che in varie occasioni l’amministrazione circoscrizionale dell’Argentario aveva chiesto degli interventi urgenti per trovare una soluzione al problema. “Ricordo per esempio – afferma Vittorio Bridi – che nel 2010 si chiese la chiusura della strada agli automezzi che salivano da Montevaccino, in modo da far rientrare la struttura nella categoria dei rifugi alpini e poter accedere così ai finanziamenti provinciali anche per riqualificare un luogo oggetto in questi anni di numerosi atti vandalici”.

Per il Consigliere Vittorio Bridi si deve trovare una soluzione rapida ai problemi relativi allo stato di abbandono del rifugio Monte Calisio anche perché “si tratta, come del resto affermato anche in varie occasioni dal Consiglio circoscrizionale dell’Argentario, di un ideale luogo di ristoro e di passaggio per tanti escursionisti che frequentano i monti intorno alla città di Trento e quindi vi sarebbe un ritorno turistico e non solo”

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

​Domani a Baselga di Pinè la riunione della Giunta provinciale

Pubblicato

-

​L’altopiano di Piné è un’altra tra le località trentine che più hanno subito le conseguenze della violenta perturbazione dello scorso fine ottobre. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it