Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

«Addio alla plastica usa e getta. Ora puntare sul riciclaggio»

Pubblicato

-

(di Herbert Dorfmann) La tutela dell’ambiente e tutte le problematiche a essa collegate rappresentano una delle più grandi sfide per l’umanità negli anni a venire.

In questo contesto, la maniera in cui vengono gestiti i rifiuti occupa un ruolo centrale per la conservazione del nostro pianeta. Si tratta di una battaglia che l’Unione europea ha fatto propria più di ogni altro singolo soggetto politico, prendendo la testa di una vera e propria rivoluzione nel modo di concepire il rapporto con i rifiuti e, di conseguenza, con l’ambiente.

Basti pensare alla decisione di lunedì della Commissione europea – l’ultimo in ordine di tempo di una serie di interventi per migliorare la gestione dei rifiuti nel continente – di varare una proposta di direttiva che mira a ridurre drasticamente l’inquinamento marino, vietando o restringendo fortemente i dieci prodotti di plastica monouso che da soli rappresentano il 70 per cento dei rifiuti abbandonati in mare. Addio quindi a posate, piatti, cannucce, mescolatori per bevande e aste per palloncini in plastica: questi prodotti dovranno essere fabbricati solo con materiali sostenibili.

Pubblicità
Pubblicità

E poi ancora, entro il 2025, tutti gli Stati membri dovranno raccogliere il 90 per cento delle bottiglie di plastica. Potranno scegliere come raggiungere l’obbiettivo, introducendo, per esempio, sistemi di cauzione-deposito. In ogni caso, le bottigliette dovranno essere create con un tappo apposito che non si stacca, per evitare che questo si disperda nell’ambiente.

La proposta della Commissione è senza dubbio ambiziosa e rappresenta un ulteriore passo avanti dopo le norme che avevamo introdotto nel 2015 per ridurre l’impiego delle borse e dei sacchetti di plastica. In Parlamento europeo auspichiamo di adottarla prima delle elezioni europee del maggio 2019.

Tuttavia, sarebbe illusorio credere che si possa risolvere il problema dell’inquinamento dei mari solo vietando la produzione di cannucce e aste per i palloncini di plastica. Bisogna anche evitare che i rifiuti vengano gettati nelle acque.

La chiave di volta è il riciclaggio. A questo proposito, sono particolarmente fiero del lavoro fatto negli ultimi anni dal Parlamento di cui faccio parte. In questa legislatura, infatti, l’Eurocamera ha compiuto grandi passi in avanti verso lo sviluppo di un’economia circolare, dove gran parte dei prodotti e materiali che compongono i rifiuti viene continuamente riciclata o riutilizzata.

A tal riguardo, in aprile abbiamo adottato in maniera definitiva il pacchetto sull’economia circolare. Con questo insieme di nuove norme, il Parlamento europeo ha introdotto un piano che prevede, tra le altre cose, il riciclaggio del 65 per cento dei rifiuti solidi urbani entro il 2035, il riciclaggio del 70 per cento degli imballaggi entro il 2030 e che entro il 2035 al massimo il 10 per cento del totale dei rifiuti urbani venga smaltito in discarica.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, dal 2023 sarà obbligatoria la raccolta differenziata dei rifiuti di materiali organici, da avviare al compostaggio, e verranno fissati obiettivi di riduzione obbligatori per quanto riguarda gli sprechi alimentari lungo la catena di produzione.

Riciclare non fa solo bene all’ambiente, ma anche all’economia. Nel campo dei materiali biodegradabili, ad esempio, aziende italiane hanno brevettato apposite tecnologie e, per questo, una diffusione di questi in Europa rappresenta anche una chance per l’industria italiana.

In termini generali, il pacchetto sull’economia circolare è figlio della consapevolezza che i rifiuti producono effetti negativi sull’ambiente, il clima, la salute dell’uomo e l’economia e, che, nonostante la loro gestione nell’Unione sia molto migliorata negli ultimi decenni, ancora più di un quarto dei rifiuti urbani in Europa viene smaltito in discarica e meno della metà viene riciclato o compostato.

Oggi ci troviamo a un bivio. Serve un colpo di reni, capace di trasformare in maniera profonda il modo in cui gestiamo i rifiuti e quindi, in un certo senso, anche i nostri stili di vita. Si tratta di un cambiamento che non è solo semplicemente desiderabile, ma che ogni giorno che passa diventa sempre più una necessità improrogabile, che non è ormai più possibile eludere.

A cura di Herbert Dorfmann, Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto-Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]

Categorie

di tendenza