Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

APT Fassa: introiti per 5, 4 milioni di euro e + 10% di presenze

Pubblicato

-

Bilancio positivo per l’APT Fassa, che chiude l’esercizio della stagione invernale 2017-2018, con 5 milioni e 400 mila euro di introiti con un incremento di arrivi del 10% e un + 9,7% di presenze, con una forte crescita dei mercati esteri, che vede i turisti tedeschi a guidare la classifica, seguiti dai cittadini della Repubblica Ceca e dagli olandesi, trend positivo anche per le presenze dal Regno Unito.

Il presidente dell’ APT , Fausto Lorenz, (nella foto) ha illustrato con soddisfazione, all’assemblea generale dei soci tenutasi a Canazei , numeri e percentuali del bilancio, mettendo in evidenza, che il risultato positivo della stagione, si è concretizzato grazie al massiccio investimento fatto in marketing e comunicazione promozionale mirato, sia in Italia che all’estero.

Inoltre un calendario sempre più fitto di eventi speciali, sponsorizzazioni e testimonial d’eccezione hanno permesso il grande balzo in avanti delle presenze, della scorsa stagione , con un incremento del 10% , negli ultimi dieci anni.

PubblicitàPubblicità

Fausto Lorenz ha annunciato anche un implemento degli investimenti nel settore delle escursione in “ mountain bike “ , vista la particolarità del territorio, e una generale riorganizzazione aziendale che si concluderà entro il 2019, ristrutturazione fatta in collaborazione con la “ Trentino School of Management “ azienda specializzata nella formazione, aggiornamento e ricerca di forme evolute di gestione aziendale.

Nell’assemblea si è parlato anche dei Mondiali Junior di sci alpinismo che si terranno in Val di Fassa tra il 17 e i 28 febbraio 2019, con la presentazione della società svizzera “ Infofront Sport & Media “ , specializzata in marketing e comunicazione di eventi sportivi a livello internazionale, che curerà e gestirà la parte mediatica dell’evento, mentre William Basilico fondatore dell’associazione “ Fassa Bike “, ha parlato dell’appuntamento di domenica 24 giugno, dove si sfideranno migliori rider italiani del superenduro con il “ Drop Down Super Enduro Val di Fassa “ e del 29 giugno con MTB Enduro World Service.

Pubblicità
Pubblicità

Antonio Foti del “ Gazzetta summer camp “, ha illustrato il programma estivo della rassegna, con giornate di sport e divertimento in montagna, che coinvolgerà circa 7000 ragazzi, dove verranno proposte, a rotazione, 25 discipline sportive, che in turni da due a quattro ore ciascuna, andranno a coprire l’intera estate, con inizio il 14 giugno per finire il primo settembre.

Il festival vedrà anche la partecipazione della Nazionale Paralimpica, con ospite d’eccezione la campionessa mondiale di scherma Bebe Vio.

Pubblicità
Pubblicità

Presentata dal presidente anche la nuova iniziativa che APT dedicata a tutti gli ospiti, denominata: “ Val di Fassa Card “, disponibile a richiesta nelle attività alberghiere e ricettive, che darà ai suoi possessori la possibilità di usufruire a tutta una serie di sconti e agevolazioni in strutture associate e a partecipare gratuitamente alle iniziative di carattere escursionistico in programma per l’estate.

Con la “ Val di Fassa Card “ è anche possibile acquistare a prezzo agevolato la “ Panorama Pass “, tessera che permette di utilizzare, senza limiti i mezzi pubblici di linea e gli impianti di risalita aperti in estate.

Estate che si annuncia ricca di eventi come ricorda Andrea Weiss ,direttore di APT Fassa, che con il contratto sul ritiro estivo della Fiorentina a Moena dal 7 al 22 luglio, porterà nelle casse locali circa 2 milioni di euro, a fronte di un investimento di 350 mila euro suddivisi fra APT Fassa e Trentino Marketing e un contributo di 50 mila euro del comune di Moena.

Altri interessanti appuntamenti per l’estate saranno il 30 giugno, il concerto del cantautore e compositore inglese Graham Nash, in Val Duron, nell’ambito della rassegna “ I suoni delle Dolomiti “.

Per gli appassionati della vita all’aria aperta nel weekend 27 -29 luglio si terrà in Val San Nicolò la terza edizione del “ Discovery & Adventure “ , con collaborazione del noto marchio californiano di abbigliamento per la montagna “ The North Face “ e la partecipazione della famosa alpinista Tamara Lunger.

In calendario ci sono anche alcune riprese del film, “ il Testimone Invisibile “ (a fine maggio) , in collaborazione con Trentino Film Commission, che ha scelto fra le altre “ location” in Trentino, il gruppo del Catinaccio con la presenza dei due noti attori italiani Riccardo Scamarcio e Miriam Leone.

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Allarme furti a Giovo, razziati 3 appartamenti e rubata una macchina. I Ladri inseguiti dai Carabinieri

Pubblicato

-

I mercatini di Natale e la fiera di santa Lucia hanno spinto molti cittadini a trasferirsi dalle valli verso il  capoluogo per far compere per Natale.

Probabilmente questo i ladri lo sapevano e per questo hanno colpito in serie 4 abitazioni tutte nel paese di Verla di Giovo nel tardo pomeriggio di oggi, domenica 8 dicembre 2019

Tre di queste sono state letteralmente razziate portando via contanti e gioielli, nella quarta i malviventi hanno desistito solo perché si sono accorti che nell’abitazione erano presenti gli inquilini.

Pubblicità
Pubblicità

I ladri sono entrati negli appartamenti forzando porte o finestre (foto) e hanno potuto operare con tutta tranquillità. In uno degli appartamenti hanno tentato di scassinare la cassaforte con il flessibile, ma l’operazione non è riuscita. Non contenti hanno rubato anche una toyota rav4 2011 targata EK188XD, (nella foto) che è stata avvistata verso le 19.30 a Trento e che potrebbe servire per tentare nuove rapine. La macchina è stata identificata ed inseguita dai Carabinieri nei dintorni di Martignano ma è riuscita per il momento a far perdere le proprie tracce.   I derubati: «siamo stufi, non se ne può più. Vengono a rubare in pieno giorno dentro le nostre case, questi non hanno paura di nulla ormai»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Travolto da una radice a Moena, 37 enne boscaiolo grave

Pubblicato

-

Nella mattinata di oggi, venerdì 6 dicembre 2019, verso le 9.20, si è verificato un incidente sul lavoro nei boschi di Moena in Val di Fassa, in una zona particolarmente impervia.

Un boscaiolo 37 enne di nazionalità straniera è stato travolto da una radice riportando traumi agli arti inferiori mentre si stava occupando della rimozione degli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino settentrionale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero che ha verricellato sul ferito il Tecnico di Elisoccorso e l’equipe medica.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto anche un operatore della Stazione di Moena del Soccorso Alpino a dare supporto all’equipaggio dell’elisoccorso nelle operazioni di recupero. Il ferito, sempre cosciente, è stato quindi stabilizzato, imballarellato e caricato a bordo del velivolo per il trasporto all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Verso le 12.30 l’elicottero è intervenuto nuovamente per soccorrere un uomo, un cinquantenne di Cavedine, che si è procurato un trauma alla caviglia mentre stava scendendo dal Cornetto del Monte Bondone verso le Viote lungo il sentiero che segue la Costa dei Cavai.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo è stato recuperato ed elitrasportato all’ospedale Santa Chiara di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Ziano di Fiemme: va a fuoco il silos della segheria della Magnifica Comunità

Pubblicato

-

Ieri pomeriggio verso le 14 a Ziano di Fiemme è andato a fuoco il silos della segheria della Magnifica Comunità.

Le fiamme hanno raggiunto il silos vicino, però non funzionante, e hanno bruciato circa cinquanta metri quadri della copertura “segatronchi”.

Il silos era alto venti metri e all’interno era pieno per metà segatura.

Pubblicità
Pubblicità

Sul posto sono intervenuti una cinquantina di vigili del fuoco fra i volontari di Ziano, Tesero, Predazzo, Panchià e Cavalese, oltre ai vigili del fuoco permanenti di Trento.

Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Cavalese

Pubblicità
Pubblicità

Da una prima ricostruzione pare che l’incendio sia stato causato per il surriscaldamento di una guarnizione nel silos.

Dal momento che l’incendio è scoppiato all’interno del silos i vigili del fuoco hanno proceduto con estrema prudenza: era concreto il rischio che ci fossero altri scoppi. Le fiamme sono state poi domate.

Pubblicità
Pubblicità

La produzione rimarrà bloccata dieci giorni in un momento di grande lavoro. 

Da verificare anche  se l’impianto elettrico abbia subito dei danni.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza