Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Claudio Cia visita Casa Sebastiano a Coredo: «struttura che concilia umanità, scientificità e professionalità»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il consigliere provinciale di Agire per il Trentino Claudio Cia ha visitato ieri «Casa Sebastiano» a Coredo, l’innovativa struttura  destinata alla residenzialità di persone autistiche in gravi difficoltà familiari ed eccellenza europea del settore.

Proprietaria della struttura è la Fondazione Trentina per l’Autismo, presieduta dal cavaliere ufficiale Giovanni Coletti , che si occupa della parte formativa, della rete sul territorio e del comitato scientifico.

La gestione dei ragazzi autistici da 0 a 16 anni è stata affidata alla cooperativa «Albero Blu», mentre ad occuparsi dei ragazzi sopra i 16 anni è la «cooperativa autismo Trentino».

Pubblicità
Pubblicità

In tutto all’interno della struttura operano 14 fra medici ed istruttori. 

Della struttura fanno parte anche l’azienda Bio che sta nascendo sui terreni di Coredo e la cooperativa Social Nos che si occupa dell’inserimento nel mondo del lavoro delle persone svantaggiate

A fare da Ciceroni al consigliere provinciale Claudio Cia sono stati Giovanni Coletti, anima e promotore di questo «sogno» che con grande passione, energia e lavoro è diventato realtà, Stefano Borile, responsabile amministrativo e gestionale e la dottoressa Marzia Riccardi coordinatrice dei servizi della struttura.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Claudio Cia ha voluto visitare tutte le stanze rimanendo particolarmente e positivamente colpito, «sono colpito per la cura dei particolari, un vero gioiello dove si sono conciliate con la massima attenzione le esigenze di umanità, scientificità e professionalità».

La struttura è dotata praticamente di tutto, dalla cucina, alla stireria, alla stanza predisposta per la pet therapy, ai laboratori di cucina, di falegnameria, di pittura e arte, musicoterapia , alla stanza Multisensoriale Interattiva, un vero gioiello tecnologico costato 100 mila euro.

Non mancano nemmeno l’educazione ambientale, le attività motorie grazie anche ad una grande palestra ben attrezzata, e la lavorazione degli ortaggi.

Tutto è stato meticolosamente studiato, ogni luogo ha il suo colore, ogni tessuto usato ha il suo perché, ogni oggetto è stato brevettato unicamente per le esigenze dei ragazzi autistici, ogni mobile eseguito artigianalmente per ridurre il rischio di incidenti al minimo.

In ogni stanza sono installate delle telecamere sempre in funzione, per monitorare 24 ore al giorno i movimenti dei ragazzi e dei sensori sul pavimento per seguirne bene le gesta e per così intervenire in caso di bisogno immediato.

I ragazzi partecipano alla vita della struttura rendendosi utili, gestendo la lavanderia per esempio e tenendo pulito l’edificio. I risultati dopo un anno dall’inaugurazione sono già tangibili, «I ragazzi qui entrano e diventano subito attivi, – spiega Coletti –  molti di loro hanno cominciato a sorridere grazie a nuovi comportamenti emozionali stimolati dalle attività ludiche, sportive, ricreative, musicali e di svago» 

I miglioramenti dei ragazzi coincidono anche con una nuova vita per i genitori che sono le persone maggiormente penalizzate dallo stato di salute dei figli.

Prossimo obiettivo è l’approvazione della legge «Dopo di noi» che arriverà in aula in consiglio provinciale nella prossima tornata di lavori, «è una svolta importante – continua Coletti – se sarà però gestita politicamente e clinicamente nel modo opportuno e se i presupposti della sistemazione saranno eseguiti in ambienti confortevoli e specializzati» 

«La positività dei ragazzi diventa il benessere della struttura perché più stanno bene,  – sottolinea invece Stefano Borile – più gli operatori rispondono dal punto di vista professionale e quindi vengono gratificati. Come sappiamo bene non c’è gratifica migliore di un altro essere umano che ti sorride, per questo spingiamo i ragazzi e gli operatori ad avere un atteggiamento sempre e comunque positivo, anche quando c’è magari qualche momento buio».

Ma uno degli obbiettivi di Casa Sebastiano è anche sottrarre al limbo e alla vergogna questi ragazzi, attraverso le diverse attività  e aiutarli a reggersi finanziariamente sulle loro gambe per così includerli al meglio nella società e trasformarli in risorse.

«Abbiamo aperto con centro diurno il 14 agosto 2017, e a febbraio 2018 con il centro residenziale, – afferma Marzia Riccardi – e stiamo raccogliendo i primi frutti del grande lavoro, e vedere sorridere i nostri ragazzi ci riempie il cuore di felicità, ma siamo in continua formazione e l’equipe educativa è continuamente spronata a formarsi e studiare anche al di fuori di casa Sebastiano»

Marzia Riccardi a tal proposito ricorda con orgoglio il progetto organizzato con il ristorante Pineda dove i ragazzi autistici sono entrati nella cucina industriale del rinomato e famoso ristorante di Coredo e hanno realizzato delle ricette di dolci che poi sono stati anche inseriti nel menù per i clienti.

«Dopo aver visitato Casa Sebastiano mi sono reso conto delle difficoltà delle famiglie, – osserva il consigliere provinciale Claudio Cia – e di come gli operatori che lavorano con e per i ragazzi autistici siano vicini a queste persone sfortunate, ma ho sentito anche una grande motivazione ed entusiasmo da parte degli operatori nel voler migliorarsi per aiutare ancora di più i ragazzi che soffrono dello spettro autistico»

E ancora: «Chi governerà il Trentino dopo il 21 ottobre 2018 dovrà sostenere finanziariamente queste realtà con grande attenzione, ma essere anche discreto e non intervenire mai politicamente nella loro gestione lasciando così piena libertà di gestione agli operatori che con grande coraggio hanno dato il via ad un progetto di grande professionalità e umanità» 

Su Coletti invece Claudio Cia ha le idee ben chiare: «Mi pare un vulcano di idee e possiede questa grandissima capacità di coinvolgerti ed entusiasmarti nei progetti che sta portando avanti, è lui il vero Angelo per le famiglie che devono vivere con questo macigno, e a dispetto della sua età, lo sarà ancora per molto tempo, perché sono questi i progetti che ti mantengono giovane dentro e consapevole che sei un punto di riferimento importante per chi soffre ogni giorno». 

Casa Sebastiano, si estende su un lotto di 4 mila mq con una volumetria di 7.718 mc.

La struttura si caratterizza come un insieme di edifici collegati da un sistema di percorsi interni e cortili esterni protetti.

È stata utilizzata la tecnologia costruttiva della prefabbricazione in legno e il calcestruzzo armato gettato in opera per i vani scala e il piano seminterrato.

Le pareti esterne sono finite con pannellature in laminato colorato ad alta resistenza, larice naturale o rivestimento in lamiera di rame-zinco-titanio. Classe energetica A ottenuta attraverso un progetto integrato del pacchetto edilizio e impiantistico.

Si tratta di tre corpi principali organizzati attorno a un grande giardino terapeutico protetto posto a sud del lotto. Il verde, partendo dal giardino centrale, si spinge all’interno attraverso tagli e ampie vetrate nei corpi edilizi.

Il verde e la luce che entrano nella struttura creano un ambiente ricco di stimoli e allo stesso tempo non stressante, mantenendo una sorta di continuità tra dentro e fuori, voluta per facilitare l’orientamento spaziale e la percezione del tempo durante le varie fasi della giornata.

La struttura ha ottenuto la certificazione Arca Platinum (il livello più alto) relativa alla qualità e alla sostenibilità per le costruzioni in legno.

Casa Sebastiano è colorata e ariosa, pensata prima di tutto per i bambini. È una struttura viva, disegnata e realizzata con la stessa qualità e professionalità degli operatori che qui lavorano alacremente tutti i giorni.

Ma soprattutto rappresenta un importante passo avanti per promuovere strutture di accoglienza e residenzialità, adibite alla riabilitazione e al trattamento sociale e sanitario e anche alla formazione di operatori specializzati e d’inclusione sociale.

È un centro di assoluta eccellenza a livello Europeo, uno spazio inclusivo e accogliente, in cui sostegno, riabilitazione e ricerca si uniscono per dare serenità e speranza alle famiglie e alle persone affette da autismo.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento50 minuti fa

Trento, code e rallentamenti in tangenziale per un tamponamento

Trento54 minuti fa

Accampati con le tende a Trento Sud: sono già pronti per il concerto i fedelissimi di Vasco

Piana Rotaliana1 ora fa

Sì alle nozze tra la Cassa Rurale Val di Non e la Rotaliana e Giovo

Italia ed estero1 ora fa

India blocca export grano, aumenta il rischio di crisi alimentare e i prezzi schizzano

Val di Non – Sole – Paganella1 ora fa

Una fuga di ammoniaca e un incendio nel locale tecnico: manovra congiunta al Consorzio Ortofrutticolo Lovernatico per i Vigili del Fuoco di Campodenno e di Sporminore

Valsugana e Primiero2 ore fa

Si perdono in montagna con il cellulare scarico: paura per due giovani a Borgo Valsugana

Italia ed estero2 ore fa

Nato, Helsinki ufficializza la domanda di ingresso: la Turchia frena e punta al negoziato

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

AIDO: basta una firma per salvare una o più vite umane. Segnana: “Nel 2021, Trentino ai vertici in Italia per disponibilità a donare organi e tessuti”

Alto Garda e Ledro3 ore fa

Inaugurazione della rinnovata caserma dei Vigili del Fuoco Volontari a Lasino, Gottardi: “Simbolo dell’identità trentina”

Trento3 ore fa

Servizi conciliativi estivi per bambini e ragazzi: ecco le indicazioni per lo svolgimento in sicurezza

Le Vignette di Fabuffa4 ore fa

Danni economici ingenti in Italia per colpa della guerra e non solo

Alto Garda e Ledro4 ore fa

Ieri due incidenti stradali sulle strade dell’ Alto Garda, traffico in tilt

Alto Garda e Ledro4 ore fa

Arco: «Festa della Musica», si affida la gestione

Giudicarie e Rendena4 ore fa

Comano Terme, lupi, festa Val Algone e variante Area Alberti all’ultimo Consiglio Comunale: metà maggioranza assente

Sport4 ore fa

Fra l’Alpe Cimbra e Rovereto la finale nazionale dei Campionati studenteschi

Trento1 settimana fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 170 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Salgono ancora i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 107 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Balzo in avanti dei ricoveri

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Italia ed estero4 settimane fa

L’ultima gaffe di Joe Biden: stringe la mano ai fantasmi. Il mondo s’interroga sullo stato di salute del presidente Usa

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Spettacolo4 settimane fa

Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Catherine Spaak

Italia ed estero4 settimane fa

Video di Zelensky caricato e poi rimosso, i dubbi sullo stato di alterazione: era drogato?

Trento3 giorni fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza