Connect with us
Pubblicità

Sport

Vela: iniziato il mondiale GC32 a Riva del Garda

Pubblicato

-

Iniziato a Riva del Garda il 1° campionato del Mondo GC32 evento con il top della vela mondiale organizzato alla Fraglia Vela Riva e in programma fino a domenica. Il tempo variabile  non ha permesso di fare entrare il consueto vento da sud che soffia solitamente attorno ai 12-14 nodi, ma è comunque stato sufficiente per fare due regate regolari, in cui i catamarani sono anche riusciti a decollare e portarsi in volo, massima espressione di velocità e potenza tecnologica degli scafi foiling.

Da qualche giorno alla Fraglia Vela Riva c’è grande interesse nell’osservare i tecnologici scafi e tutta l’organizzazione necessaria per gestire un evento di questa portata, ma il lavoro svolto da settimane da tutto lo staff del circolo rivano in sinergia con la classe GC32, nonchè con le istituzioni locali e in particolare con il Comune di Riva e Garda Trentino hanno permesso di iniziare al meglio questa prima edizione del Mondiale riconosciuto da World Sailing. Grande lavoro è stato svolto anche da tutto o staff in acqua e dal Comitato di regata presieduto da Carmelo Paroli coadiuvato dagli ufficiali di regata FIV Piergiorgio Salvadori e Paolo Ceschini.

Per quanto riguarda la parte agonistica dell’evento in questa prima giornata i risultati sono stati per tutti i Team piuttosto alterni con una prova brillante e la seconda meno: in testa i britannici di Ineos Rebels UK – team che prepara i nuovi e giovani velisti del team UK alla sfida di Coppa America: con un sesto e un primo precedono Red Bull Sailing Team (5-3). Terzi  SAP Extreme Sailing Team. Gli svizzeri di Alinghi, con al timone Ernesto Bertarelli, dopo un primo sono incappati in un decimo e attualmente occupano la quarta posizione. Per quanto riguarda la classifica degli owner driver in testa lo statunitense Argo.

Pubblicità
Pubblicità

Purtroppo l’Anonimo Speed Challenge- prova di velocità su percorso speciale al traverso- non è stata fatta per il vento troppo leggero e l’azzurro Ruggero Tita – dopo essere salito a bordo – non ha potuto gareggiare perchè il comitato di regata ha deciso di disputare direttamente le regate su percorso con bolina-poppa, in cui non era previsto in equipaggio. Per Tita comunque un’esperienza che gli ha permesso di capire le differenze tra la classe olimpica Nacra in cui è impegnato con la Federazione Italiana Vela e i GC32, definiti da lui stesso “translatlantici” in confronto al piccolo e “nervoso” catamarano foil olimpico. Venerdì le previsioni sembrano positive con sole caldo: condizioni che dovrebbero assicurare l’arrivo dell’ora, la termica che si crea sul Garda Trentino assicurando grande spettacolo in particolar modo con i catamarani volanti che raggiungono velocità di punta anche di 30 nodi.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Dolomiti Energia spalle al muro: domani sera deve vincere gara-3 per allungare i quarti di finale con Venezia

Pubblicato

-

Dopo il doppio successo della Reyer al Taliercio ai bianconeri serve un successo interno per rientrare nella serie ed evitare l’eliminazione dai playoff Scudetto: palla a due alle ore 20.45.

Go Big or Go Home. La post-season dei bianconeri, conquistata dopo un esaltante girone di ritorno fino a raggiungere il sesto posto in classifica, arriva al suo primo momento dentro-o-fuori. Dopo lo “spareggio” di Brindisi che era valso il pass playoff, la Dolomiti Energia Trentino sotto 2-0 nella serie dei quarti di finale contro Venezia è di nuovo spalle al muro, questa volta fra le mura amiche della BLM Group Arena dove domani sera alle 20.45 comincerà gara-3

Nella serie al meglio delle cinque partite per il momento non c’è stata storia: dopo il 67-57 di gara-1, martedì sera al Taliercio la Reyer ha mostrato perché (non a caso) abbia avuto per tutto l’anno la miglior difesa del campionato e ha concesso ai bianconeri la miseria di 51 punti a referto nel 69-51 che ha permesso agli orogranata di difendere il fattore campo.

PubblicitàPubblicità

Per la Dolomiti Energia i 51 punti segnati rappresentano un nuovo record negativo in Serie A: il minimo a referto precedente era un 54 datato 10 ottobre 2015, quando 17 punti di Julian Wright non bastarono ad impedire un pesante tonfo interno dei bianconeri contro Pistoia (54-74).

«Ci serve uno sforzo maggiore, una concentrazione maggiore – commenta coach Maurizio Buscaglia poco prima dell’allenamento di squadra alla BLM Group Arena -: in gara-1 e gara-2 non abbiamo fatto una cattiva performance difensiva, per qualità di punti concessi e nella gestione di alcune situazioni che potrebbero metterci in difficoltà, ma dobbiamo trovare il modo di far fruttare quel lavoro anche nella metà campo offensiva. L’enorme sforzo anche mentale della rincorsa ai playoff è normale che si faccia sentire, ma in questo momento dobbiamo metterci tutto alle spalle e dare tutto per allungare la serie e proteggere il nostro parquet».

Le difficoltà dei bianconeri in attacco, palesate in ogni zona del campo ma in particolare nel tiro da due punti, sono peraltro state una costante di tutti i precedenti stagionali fra le due squadre, compreso il match vinto dalla Dolomiti Energia al Taliercio in regular season. In quattro incontri nel 2018-19 i trentini hanno tirato complessivamente 63-184 da dentro l’arco dei 6.75, una percentuale del 34.2% che mette in luce la capacità della squadra veneta di chiudere l’area e non permettere ai bianconeri di trovare punti facili attorno al ferro.

Per gara-3 intanto è attesa la BLM Group Arena delle grandi occasioni: già oltre 3.800 i biglietti venduti, con tutti i presenti sulle tribune del palazzetto di via Fersina che riceveranno la speciale t-shirt Playoff realizzata con il contributo del main sponsor del club aquilotto Dolomiti Energia. La #DieHardNation è chiamata a sostenere i bianconeri per creare la magica atmosfera playoff di Trento che ha permesso all’Aquila di spiegare le ali e raggiungere le ultime due Finali Scudetto.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Trentino Volley ricevuta a Palazzo Chigi dal Sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti

Pubblicato

-

“Sono particolarmente contento di offrire il giusto riconoscimento anche all’interno di Palazzo Chigi alla pallavolo italiana ed in particolar modo ai suoi Club, che tanto bene hanno fatto in campo internazionale per tenere alto il nome del nostro Paese. Il vostro impegno è stato eccezionale e meritava un appuntamento ed un ringraziamento come questo”.

Con queste parole il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo sport Giancarlo Giorgetti ha ricevuto questa mattina a Palazzo Chigi a Roma una importante rappresentanza dei Club italiani di pallavolo che nella stagione agonistica appena conclusa si sono contraddistinti per i risultati raggiunti.

Fra i presenti, anche Trentino Volley, unica Società che nell’annata agonistica appena conclusa ha potuto fregiarsi addirittura di due vittorie internazionali, riportando in Italia il Mondiale per Club e la CEV Cup che mancavano da più di sei anni.

PubblicitàPubblicità

La delegazione gialloblù presente nella sede del Governo della Repubblica Italiana era composta dal Presidente Diego Mosna, il General Manager Bruno Da Re, l’allenatore Angelo Lorenzetti e il giocatore Lorenzo Codarin; al termine dell’incontro Giorgetti ha ricevuto una maglia personalizzata dell’Itas Trentino proprio dalle mani del Presidente e del centrale gialloblù.

Conegliano, Novara e Monza per il settore femminile e Civitanova per quello maschile gli altri Club ricevuti, assieme alle massime cariche della Lega Pallavolo Serie A, della Lega Pallavolo Serie A Femminile e della Federazione Italiana Pallavolo.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Quarti di finale Playoff Gara-2: Venezia vince per 69-51 e si porta sul 2-0 nella serie

Pubblicato

-

Questa sera la Dolomiti Energia Trentino è scesa in campo alle 20:45 contro l’Umana Reyer in occasione della Gara-2 dei Playoff 2019.

Starting Five Trento: Gomes, Craft, Hogue, Pascolo, Marble
Starting Five Venezia: Haynes, Stone, Bramos, Mazzola, Watt

A circa metà del primo quarto il livello della difesa di entrambe le squadre si è dimostrato essere davvero altissimo e la partita è poi proseguita con tanti canestri mancati da entrambe le squadre e un parziale di 4-3 in favore della squadra veneta.

Pubblicità
Pubblicità

Alla fine di un primo quarto molto combattuto dove, nella seconda metà del periodo, sono state fondamentali le azioni di Forray e Jovanovic, il parziale è stato di 15-11 in favore di Venezia.

Ripartito velocemente, il secondo quarto ha messo in difficoltà il team Trentino che si è visto in svantaggio di 7 punti.

Dopo i primi 20 minuti, l’Aquila Basket ha chiuso la prima parte della partita in negativo. Il team trentino ha faticato molto a ingranare le marce in questa seconda giornata di Playoff. Stanchezza? Fattore campo? Mente annebbiata? La Dolomiti Energia, per quanto ci abbia provato, non è mai riuscita ad essere davvero in partita. Partita, questa, in cui nemmeno la squadra avversaria ha dimostrato di essere davvero presente nei 40 minuti di gioco.

La pausa lunga si è aperta con 34-21 per la Reyer.

Terzo quarto di tentativi di (faticosa) ripresa per l’Aquila. Pur restando sotto di 13 punti, a 6 minuti da giocare ha cercato di recuperare senza mai smettere di lottare, nel tentativo di trovare la giusta intensità per riprendere in mano la partita. Purtroppo, la squadra trentina sembrava brancolare nel buio, con dei canestri che proprio non volevano lasciar entrare la palla e con falli evitabili.

Una partita strana, nervosa, piena di errori e distrazioni. Entrambe le squadre non hanno giocato al loro meglio. Non c’è stato uno spettacolo, l’adrenalina nel vedere due leoni darsi battaglia.

Alla Dolomiti Energia mancava qualcosa, forse la scintilla che la ha sempre contraddistinta in ogni altra partita.
Il punteggio di 45-32 a tre minuti dalla fine del terzo tempo parlava da solo: l’Aquila ha continuato a far fatica nel tentativo di spiccare il volo, e non è più riuscita a risalire.

Il terzo quarto è terminato con 50-36 per Venezia.

L’ultimo atto di questa partita è proseguito con una buona dose di sfortuna, in aggiunta ad una serata totalmente storta per la squadra trentina che è scivolata verso il 2-0 nella serie contro Venezia.

Non sono bastati gli sforzi del team trentino per cercare di recuperare qualche punto nemmeno negli ultimi minuti, e la partita si è chiusa 69-51 per la Reyer.

Appuntamento a giovedì 23 maggio alla BLM Group Arena di Trento con Gara-3. Palla a due alle 20:45.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza