Connect with us
Pubblicità

La parola al direttore

L’Iva sulla raccolta rifiuti, la PAT fa come lo struzzo…

Pubblicato

-

Ancora una volta torniamo sulla “vexata quaestio”, che da anni si trascina, dell’illegittima applicazione dell’Iva sulla raccolta rifiuti

Già la Corte Costituzionale, con sentenza n. 238/09 (G.U. 30 del 29 luglio 2009), aveva stabilito che la TIA ex TARSU ha natura tributaria e quindi non è assoggettabile ad IVA non essendo prestazione di servizio.

Ancor prima era intervenuta la Cassazione – Sezione Tributaria – e poi, numerose volte ancora, la stessa Cassazione SS.UU. (sentenza n. 5078 dep. il 15 marzo 2016) e per ultimo l’ordinanza n. 5627 del 7 marzo 2017 sempre della Cassazione che ha stabilito come la raccolta rifiuti, comunque sia chiamata, non è un corrispettivo, in quanto manca un nesso di natura sinallagmatica tra la prestazione resa al cittadino e la somma che quest’ultimo è tenuto a pagare, comunque anche quando il servizio pubblico non è utilizzato.

Pubblicità
Pubblicità

Ciò premesso, di fronte alla costante giurisprudenza che ha imposto e impone ai gestori pubblici e privati della raccolta dei rifiuti la restituzione dell’Iva ai cittadini che li avevano citati in giudizio, le risposte alle numerose interrogazioni che nel corso degli anni sono state presentate in Provincia hanno dimostrato che questo Ente si comporta come lo struzzo, fingendo di non vedere il problema.

In particolare, le recentissime risposte alle interrogazione n. 5149 del consigliere Degasperi e n. 5249 del consigliere Civettini, firmate rispettivamente dall’assessore Gilmozzi ( 22 febbraio 2018) e Daldoss ( 8 maggio 2018) se ribadiscono da un lato il dato giurisprudenziale ( come potrebbero negarlo?), dall’altro, sostituendosi al legislatore tributario ma, con la ” complicità” della locale Agenzia delle entrate, trasformano la c.d. tariffa puntuale, da tributo, come è sua natura, a corrispettivo.

Non ha assolutamente valore ed è priva, pertanto, di consistenza giuridica questa c.d. ” tariffa puntuale“.

Pubblicità
Pubblicità

Al di là della giurisprudenza consolidata ormai univoca che configura la raccolta rifiuti un tributo, ci basta riportare quanto scrive Dolomiti Ambiente (pag. 2 della fattura ” Pagamento e scadenza della bolletta Come è calcolato l’importo?“) ” L’importo da pagare relativamente al servizio di gestione dei rifiuti urbani è calcolato moltiplicando la quota fissa, che è determinata in relazione al numero dei componenti della famiglia, per i metri quadrati dell’abitazione e sommando la quota variabile, commisurata alla quota di rifiuto residuo prodotto e conferito, espresso in Litri.
Il Comune di Trento per l’anno 2017 ha deliberato una quota variabile di 0,090 €/Litro e ha fissato un volume minimo di rifiuto residuo come sottoriportato: (omissis)
Se la famiglia è residente nel Comune di Trento il numero dei componenti, sull’utenza di residenza, è dato dallo stato famiglia mentre se la famiglia non è residente nel Comune di Trento ma vi occupa un appartamento, il numero dei componenti della famiglia è determinato in ragione della superficie occupata.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza