Connect with us
Pubblicità

Trento

Delsa: «Nella scuola Trentina 5 anni di mal gestione, abusi, bugie e mistificazioni».

Pubblicato

-

Conferenza stampa di Delsa oggi a Trento dove il segretario Mauro Pericolo ha parlato di alcuni argomenti all’ordine del giorno attaccando pesantemente la giunta Rossi e la funzionaria del dipartimento della conoscenza Ferrario verso la quale ha confermato che sarà inoltrato un’esposto alla procura di Trento.

«È capo dipartimento e anche componente della commissione dell’Apran, un conflitto di interesse straordinario» – dichiara ironicamente Pericolo

Il 26 Maggio alle ore 10,30 in piazza Dante, sotto il palazzo della regione, è prevista anche una grande manifestazione contro la politica scolastica del Governo Rossi dove «saranno denunciati – spiega lo stesso Mauro Pericolo – 5 anni di mal gestione dell’istruzione, abusi, bugie e mistificazioni che hanno portato ad un bilancio fallimentare e disastroso».

Pubblicità
Pubblicità

«Saremo in molti – aggiunge Pericolo –  tutto il personale scolastico è ormai esasperato da questa politica di abuso di potere e sfruttamento del precariato».

Durante l’incontro il segretario di Delsa ha chiesto l’immediata stabilizzazione per il personale con i requisiti dei 3 anni.  «Sono migliaia i docenti e gli ATA nella scuola trentina sfruttati dai contratti a termine; l’amministrazione continua a nascondere i numeri. Basta menzogne e mistificazioni statistiche e di sistema». 

Sul nuovo contratto della scuola, definito «un ricatto low cost» Pericolo ha detto che si tratta di un’occasione persa per ottenere giustizia sui temi caldi della scuola.

L’accordo secondo Mauro Pericolo è addirittura peggiorativo persino rispetto all’accordo del 24 luglio 2014. «L’amministrazione in accordo con le altre sigle sindacali (i soliti noti) ha introdotto norme che nel concreto realizzeranno la chiamata diretta: i precari saranno sottoposti a una preventiva valutazione di una figura scelta ovviamente dal dirigente per valutare»

«Sul valore abilitante dei titoli il governo continua ad ignorare centinaia di docenti abilitati ed in servizio da anni nel sistema scolastico trentino accodandosi alle politiche nazionali, mentre a Bolzano tutti in ruolo» – aggiunge il segretario Delsa. 

L’attacco più duro è stato sull’Iprase definito «strumento di potere e propaganda di questa amministrazione».

Pericolo ha chiesto dove finiscono i soldi per la scuola. La «Buona scuola» di Renzi aveva stanziato 500,00 euro per ogni docente, erogazione decisa per la formazione del settore degli insegnanti.

In Trentino, caso unico in Italia, i soldi invece che finire nelle mani dei singoli docenti vanno tutti ad Iprase, senza sapere che fine fanno. «Il sistema Iprase è a chiamata diretta dei dirigenti, – sottolinea Pericolo – e questo è un passaggio emblematico di come viene gestita la scuola da questa maggioranza di governo Trentina» .

Su questo è stata annunciata un’interrogazione del consigliere Claudio Cia, (che era presente alla conferenza) che vuole fare chiarezza sulle nomine e sulla gestione dei fondi

È stato approfondito anche il punto sul rapporto fra dirigenti e docenti. «Basta con lo strapotere ai dirigenti – sottolinea Mauro Pericolo –  troppi i casi di abuso di potere e di mobbing nelle scuole. Stiamo assistendo ad una incredibile escalation di procedimenti disciplinari pretestuosi. Una aggressione verso il personale scolastico ed in particolare verso la classe docenti senta precedenti. Continuiamo a ricevere segnalazioni di situazioni di mobbing gravissime e con retroscena allarmanti. Si è alterato a dismisura l’equilibrio tra dirigenti e personale. Ciò è il frutto di una politica scolastica demagogica e irresponsabile che mira a cavalcare il conflitto tra genitori e classe docente per trarne consenso».

Qui Mauro Pericolo ha citato un caso successo in una scuola di Rovereto dove una docente è stata messa sotto procedimento disciplinare dalla dirigente Chemotti per essere andata dal medico. «La docente ha telefonato il pomeriggio dicendo di stare male e che l’indomani mattina sarebbe andata dal medico per il certificato, al suo ritorno è stata messa sotto procedimento disciplinare, quindi la docente doveva prevedere 3 giorni prima di stare male, insomma una follia» – spiega Pericolo

Altra cosa grave è il boicottaggio dell’attività Sindacale di Delsa: «denunciamo per condotta antisindacale il Dipartimento della Conoscenza e l’Apran – dichiara sempre Mauro Pericolo – il dipartimento con il tacito (e nemmeno tanto) consenso dell’APRAN sta cercando di limitare la crescita della ns organizzazione con una serie di atti e comportamenti che nel loro insieme determinano indiscutibilmente una condotta antisindacale verso l’unica organizzazione che combatte con ogni mezzo l’abuso di potere di questa amministrazione. Non ultimo la illegittima esclusione dal tavolo delle trattative dove evidentemente non potevamo essere bene accetti. Siamo l’unica organizzazione sindacale che pur essendo rappresentativa non riceve dal dipartimento e dall’APRAN alcuna comunicazione in ordine all’attività posta in essere. Comunicheremo alla stampa nelle prossime settimane 4 anni di reiterati abusi e boicottaggio nei ns confronti a vantaggio di altre organizzazioni sindacali invece allineate al sistema».

A precisa domanda Mauro Pericolo ha risposto che per iniziare a cambiare la scuola in meglio sono necessari alcuni passaggi fondamentali.

«Per primo è necessario cambiare la nomina dei dirigenti, che non possono essere nominati dalla politica, ma devono provenire al sistema scolastico per non essere condizionati, quindi l’auspicio è che si ritorni alle sovraintendenze scolastiche con dirigenti del comparto. La signora Ferrario è il caso emblematico ed esempio del perché questa situazione debba essere cambiata»ha spiegato Pericolo ricordando il triste capitolo del commissariamento della scuola.

In secondo luogo l’eliminazione del piano Trilingue, «che è solo uno spreco di risorse pubbliche mastodontico e un pessimo investimento che a fronte di un’ingente impiego di soldi pubblici alla fine ha ridotto le competenze degli studenti. L’investimento è stato fatto per un’interesse specifico, cioè per essere deviato  poi sul CLIL e sul quello che è un buco nero, cioè l’Iprase».  

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]

Categorie

di tendenza