Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Ospedaletto: la casa dei profughi abitata dai fantasmi

Pubblicato

-

Sindaco di Ospedaletto nel mirino dei consiglieri leghisti in questi giorni, per le ambigue politiche di accoglienza dei migranti messe in campo dall’amministrazione comunale nell’ultimo periodo sull’onda dell’emergenza profughi richiedenti asilo.

La vicenda riguarda in particolare un edificio posizionato in via Petretto 9, adibito dallo scorso luglio ad alloggio per rifugiati.

Le fondate preoccupazioni sono espresse dal consigliere del “ Carroccio Mauro Sutto , che in un’interrogazione al primo cittadino chiede di far luce sulla reale presenza dei profughi all’interno della costruzione, ponendo l’attenzione sul fatto, che sono stati eseguiti, a posteriori, dei lavori di ristrutturazione per rendere l’alloggio agibile e sono state attivate tutte le utenze, ma dal 27 aprile scorso a oggi la casa sembrerebbe disabitata.

Pubblicità
Pubblicità

Il consigliere della lega chiede dunque nella sua interrogazione, se provincia e comune intendano sistemare nuovi profughi all’interno dell’edificio, ed eventualmente quali e quanti altri alloggi di proprietà privata sparsi su tutto il territorio comunale abbiano dato l’ok all’accoglienza di altri richiedenti asilo.

Alla proprietà dell’immobile, infatti la provincia paga l’affitto con regolare stipula del contratto, tramite il Centro Informativo per l’ Immigrazione: “ Cinformi “, gestore sia delle procedure di accoglienza profughi che l’erogazione dell’assistenza economica, originariamente, l’abitazione avrebbe dovuto ospitare 4 cittadini afghani, che al momento risulterebbero irreperibili.

Il consigliere Sutto (foto) nel documento interrogativo ha chiesto anche se esiste qualche abitazione affittata alla provincia autonoma di Trento adibita all’accoglienza dei migranti nel paese di Ospedaletto.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Cade in Val d’Ilba, 26 enne di Telve Valsugana salvata dal soccorso alpino

Pubblicato

-

Alle 13.40 il soccorso alpino è stato allertato per soccorrere una scialpinista in Val d’Ilba tra il Monte Fravort e il Monte Cola (gruppo del Lagorai) a una quota di circa 2.000 m.s.l.m.

La ragazza, una ventiseienne di Telve Valsugana, stava scendendo con gli sci insieme al compagno e al cane quando, cadendo, si è procurata un trauma all’arto inferiore.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero, il quale ha trasportato in quota il Tecnico di Elisoccorso e l’equipe medica.

PubblicitàPubblicità

In una seconda rotazione ha trasferito sul posto anche un operatore della Stazione Bassa Valsugana del Soccorso Alpino.

Dopo le prime cure mediche, la ragazza è stata imbarcata a bordo dell’elicottero per il trasporto all’ospedale di Borgo Valsugana, mentre il compagno e il cane sono stati accompagnati a valle in sicurezza dall’operatore della Stazione Bassa Valsugana.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Trovati due asinelli a Cirè di Pergine. Dopo alcune ore rintracciato il proprietario

Pubblicato

-

Singolare e simpatico episodio quello successo oggi a Pergine nel primo pomeriggio di oggi

Sono stati infatti trovati in località Cirè mentre girovagavano da soli due graziosi asinelli, uno nero e l’altro marroncino.

I due animali sono stati subito legati per evitare una nuova fuga ma nonostante questo hanno subito fatto amicizia coloro che li hanno trovati.

PubblicitàPubblicità

Dopo circa 2 ore è stato rintracciato il proprietario che è venuto a prenderli.

Pare che gli asinelli siano fuggiti da un recinto ubicato vicino al centro commerciale di Pergine.

Un paio di settimane fa nel prato adiacente allo stesso centro erano stati notati una decina di asini liberi di scorrazzare.

L’episodio di oggi potrebbe essere premonitore per il 13 dicembre, giorno di santa Lucia, dove è tradizione lasciare il sale, il fieno e la farina per l’asinello della santa che porta in groppa i doni per i bambini. Il mattino del 13 dicembre, al loro risveglio, i bimbi trovano un piatto con le arance e i biscotti consumati, arricchito di caramelle e monete di cioccolato.  Fra ironia, dolcezza, tradizione e leggenda alla fine tutto è andato bene e gli asinelli sono tornati a casa. foto pubblicata da Francesca Paris sul gruppo di «Sei di Pergine se…»

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Valsugana e Primiero

Ottimi risultati per il secondo weekend di apertura del mercatino di Natale di Levico Terme

Pubblicato

-

Ottimi risultati per il secondo fine settimana di apertura del Mercatino di Natale di Levico Terme, che ha portato nella cittadina termale un gran numero di visitatori provenienti da tutte le regioni del nord e del centro Italia.

Nel Parco Secolare degli Asburgo si sono susseguiti eventi che hanno offerto momenti di intrattenimento ai numerosi presenti: nel soleggiato pomeriggio di sabato 30 novembre i figuranti della Corte Asburgica hanno sfilato tra i viali alberati, per poi lasciare spazio alle esibizioni musicali del coro e dell’allegra Christmas Band.

Molti si sono improvvisati pasticceri durante il laboratorio “Pan di Zenzero”, organizzato tutti i sabati dalle 13.30 alle 17.30.

Pubblicità
Pubblicità

Apertura prolungata fino alle ore 22.30 in occasione di uno degli appuntamenti più attesi al Mercatino: lo spettacolo dei fuochi artificiali sparati dal cortile del Grand Hotel Imperial, che ha emozionato gli spettatori tenendoli con il naso all’insù.

Nel pomeriggio di domenica si è svolta la tradizionale Festa del Latte dove in molti hanno assistito alla trasformazione del latte fresco in formaggio.

In centro, molti hanno ammirato il presepe in legno a grandezza naturale ed assistito all’esibizione musicale “Natale d’In-canto” a cura del Coro polifonico In-Canto.

Gli espositori che partecipano al Mercatino stanno esprimendo grande soddisfazione per la clientela che affolla i viali del maestoso Giardino Storico, che si sta già dedicando agli acquisti di Natale grazie alla vasta scelta di prodotti di qualità offerti.

Pubblicità
Pubblicità

Numerose le famiglie che hanno partecipato con entusiasmo alle proposte dedicate all’intrattenimento dei più piccoli, come l’animazione creativa del Villaggio degli Elfi, la stampa in diretta delle foto con Babbo Natale e l’incontro ravvicinato con gli animali della Fattoria didattica.

Pubblicità
Pubblicità

Affluenza costante anche per la suggestiva Mostra dei Presepi nella saletta dell’Ex Cinema di Via Dante che quest’anno ha dedicato uno spazio alla tempesta Vaia che ha colpito Levico Terme il 29 novembre 2018.

Durante il periodo del Mercatino di Natale sarà possibile visitare il Forte Colle delle Benne tramite il comodo servizio di navetta in partenza dall’ingresso del Parco in Viale Rovigo. Il mercatino riaprirà i battenti venerdì 6 dicembre 2019 e vedrà un susseguirsi di eventi in occasione del weekend dell’Immacolata.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza