Connect with us

Trento

Maternità e insegnamento, a rischio

Pubblicato

-

Dopo la maternità a rischio, oggigiorno dovremmo ragionare forse anche in termini di insegnamento a rischio.

Leggiamo sempre più spesso di insegnanti malmenati, minacciati, a rischio addirittura di essere arsi vivi in classe.

Si odono anche le chiacchiere che il tal docente non sa “tenere le classi”, che l’insegnante deve “saper tenere le classi” perché il mondo è cambiato e i ragazzi di oggi, non sono più come quelli di una volta, quindi bisogna “saperli tenere”.

PubblicitàPubblicità

Degno di nota è che il mondo intero è cambiato, non solo l’Italia ma “tenere le classi” è un ragionamento molto italiano.

Nei paesi dell’Europa dell’est questo problema non è particolarmente sentito, né tantomeno in Spagna, Cina, Giappone.

Sicuramente il mondo è cambiato, ma la domanda è: la scuola è cambiata e come?

La scuola, quanto ha preso concretamente atto del fatto che viviamo in un mondo diverso rispetto a quello di anni fa?

Ha realizzato che per offrire il giusto servizio di istruzione ai ragazzi odierni, deve pensare anche al concetto di educare?

La scuola steineriana e montessoriana lo fa e i ragazzi vanno a scuola felicemente.

Educare vuol dire insegnare ai ragazzi come stare bene insieme, come muoversi e comunicare correttamente nello spazio-tempo, come rapportarsi adeguatamente con l’ambiente che li circonda, insegnare il rapporto diritti-doveri, libertà e rispetto della libertà altrui, aiutare i ragazzi a sviluppare la concentrazione persa a causa della modernità, aiutarli a riprendere possesso della calma interiore necessaria per ascoltare il docente che ragiona e guida sul percorso da compiere durante la lezione per imparare a saper fare le cose da soli, per non aspettare che il piatto venga servito ma per imparare a cucinarlo da sè.

Questi sono obiettivi cruciali da porsi e poi realizzare concretamente, per alzare il livello di competenza degli odierni studenti.

Un ragazzo medio è perfettamente in grado di raggiungere il livello B1 nelle lingue alla fine della III media ma ciò non accade.

Il livello raggiunto in terza media, non è nemmeno sempre l’A2.

In Germania, molti laureati italiani in ingegneria lavano i piatti e i pochi che vengono ritenuti validi vengono sottoposti ad un ulteriore percorso di formazione. Nelle Filippine il livello medio di competenza in inglese è decisamente più alto che in Italia. Il quesito spontaneo è: “come mai accade tutto ciò?” La risposta è complicata, troppo complicata da sviluppare in un articolo di giornale.

Si può però asserire che a nulla serve scaricare colpe sugli uni o sugli altri, a nulla serve quando una persona manifesta buona volontà e comunica idee da condividere per risolvere il problema delle classi difficili, dire che non deve scrivere ma deve mettere in atto idonee strategie, anziché ringraziare per la buona volontà, per essere stata l’unica persona che ha dedicato del tempo per evidenziare misure idonee da porre in atto collegialmente al fine di risolvere i problemi.

Se all’interno del mondo scolastico viene a cessare l’alto tasso di precariato, se i consigli di classe intraprendono il cammino del lavoro unitario opportunamente coordinato e gestito per dare i corretti esiti educativi, se il mondo della pedagogia si sposta dalle aule universitarie ed entra nelle aule scolastiche, se la filosofia dell’insegnamento sviluppa l’ottica di pensiero del papà e della mamma che lavorano uniti nell’educare i figli, del papà che insegna ai figli a rispettare la mamma e viceversa, se le famiglie si prenderanno cura di stabilire un rapporto di collaborazione costruttiva casa-scuola, allora il livello di competenza degli studenti, si eleverà e molto probabilmente i sempre maggiori casi di eclatanti atteggiamenti negativi nei confronti degli insegnanti scompariranno, perché la società si sarà evoluta nel pensiero.

Per giungere a ciò è però necessario adottare la strategia del Presidente Roosvelt, il quale sulla sua scrivania aveva la scritta “The buck stops here” ovvero lo scarica barile termina qui.

A cura di Marco Mazzucchi

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Torino: l’evento è annullato, ma la primavera regala i 100 mila protagonisti
    Da nord a sud l‘effetto del Coronavirus in Italia e, quindi, delle misure restrittive adottate dal Governo per contenere la pandemia, mostrano intere città, strade, paesi e stazioni completamente deserte, costringendo a casa milioni di persone e lasciando la primavera l’unica ad essere libera di proseguire indisturbata il suo naturale percorso. Come molte attività commerciali, […]
  • Ricette di Pasqua semplici e veloci, da fare in compagnia!
    Pasqua si avvicina e, molto probabilmente, in questo 2020 non ci saranno grandi ritrovi tra amici e parenti. Tuttavia, questo non è un valido motivo per impigrirsi e non cucinare niente di particolare. Soprattutto in queste giornate, per chi ha dei figli piccoli la vita non è proprio semplice: come far passare, quindi, il tempo […]
  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]

Categorie

di tendenza