Connect with us

Trento

Gli anarchici contro l’adunata: «Alpini stupratori, Trento: il tricolore ingoiatelo»

Pubblicato

-

Un’Adunata Nazionale degli alpini contestata dai gruppi di estrema sinistra e dai centri sociali, è quella che si preannuncia a Trento, almeno secondo i toni di un comunicato apparso sul blog «Rompetelerighe, uno dei siti d’informazione anarchica più gettonato della città.

Nel sito si può leggere infatti quello che sembrerebbe un atteggiamento di un velato appoggio se non addirittura di rivendicazione sui danneggiamenti registrati negli ultimi giorni ai danni delle bandiere tricolore issate in vari punti della città.

Nel comunicato inoltre, nella sua parte finale recita: “che l’accoglienza sia calorosa a questo branco di assassini “, parole che potrebbero dare credibilità alla paventata e temuta ipotesi di forti contestazioni da parte di gruppi sovversivi nei confronti della manifestazione.

PubblicitàPubblicità

Il titolo del comunicato apparso sul sito è piuttosto forte, «Trento: …il tricolore ingoiatelo…» e poi continua con la descrizione di un’adunata che viene vista come «un’invasione di centinaia di migliaia di uomini ubriachi maneschi e sessisti che per tre giorni terranno in scacco la città: con canti, striscioni, bandiere, retoriche nazionaliste e tricolori ovunque, vendita di cianfrusaglie color verde, paragonando l’evento a un carrozzone pompato ai massimi livelli, che ruota attorno agli alpini e all’Italia, addobbando con striscioni di benvenuto, e altre “ schifezze “ simili, una città troppo piccola per accogliere 600.000 uomini»

Il bollettino prosegue incolpando alcuni “ ignoti “ di aver danneggiato, strappato, rubato decine di bandiere e striscioni , celandosi dietro il malcontento della cittadinanza per l’Adunata e ricordando che una città come Trento simbolo della vittoria nella prima guerra mondiale, non permetterà certo che pochi detrattori del militarismo rovinino la festa ad uno dei corpi più amati dalla gente in particolar modo trentina.

Nella sua parte finale il comunicato di “ rompetelerighe “, ricorda il tragico ruolo avuto dal corpo degli alpini durante la Seconda Guerra Mondiale nelle tentate (e fallite) campagne “ conquistatorie ”, volute dal fascismo, della Russia Grecia e Albania, accusando i militari di fedeltà al “ Regime “ e di aver commesso atti di violenza, come stupri e torture, nei confronti della popolazione civile di quei Paesi; proseguendo a tutt’oggi nel macchiare la loro penna nera di sangue innocente nelle missioni all’estero (Somalia, Iraq, Afghanistan, Libano).

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Slittano di una settimana (dal 20 al 27 agosto) i lavori su alcune ferrate oggetto di manutenzioni

Pubblicato

-

Lo scorso luglio l’Ufficio Tecnico di SAT sede centrale inviò una comunicazione relativa ai lavori di manutenzione programmati dal 20 agosto su alcune ferrate sia nell’area del delle Dolomiti di Brenta, che nelle Dolomiti del Primiero.

Lo stesso Ufficio Tecnico della sede SAT informa attraverso un comunicato dello slittamento della data di inizio dei lavori di ristrutturazione alla Via ferrata “Livio Brentari”, n° segnavia O358. La chiusura del tracciato non sarà più programmata a partire da lunedì 20 agosto 2018, bensì da lunedì 27 agosto 2018.

Contestualmente la SAT ha   inviato al Comune di San Lorenzo Dorsino la richiesta di modifica dell’ordinanza di chiusura n. 34/2018 per permettere di recepire questo cambiamento di programma.  La via ferrata sarà di conseguenza ancora accessibile nel corso di tutta la settimana da 19 al 26 agosto.

PubblicitàPubblicità

Stesso slittamento per la Via ferrata del Porton, n° segnavia E739A. La chiusura del tracciato non sarà più programmata a partire da lunedì 20 agosto 2018 ma bensì da lunedì 27 agosto 2018. Anche in questo caso è stata inoltrata al Comune di Primiero la richiesta di modifica dell’ordinanza di chiusura n. 112/2018 per la modifica dell’ordinanza. Anche questo tracciato su via ferrata sarà di conseguenza ancora accessibile nel corso di tutta la prossima settimana.

Relativamente alle sopracitate modifiche la SAT ha provveduto ad informare oltre ai comuni tutte le realtà che operano sui territori: società impiantistiche, guide alpine, Apt, parchi naturali, i rifugi e le sezioni che fanno parte di quei comprensori.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Riordino del Vason sul Monte Bondone

Pubblicato

-

Si sono svolti questa estate tutta una serie di lavori per riordinare la zona del Vason sul Monte Bondone.

Nel mese di settembre il comune inoltre procederà con l’adeguamento dell’immissione sulla pista da sci “Cordela” e l’accesso all’impianto di risalita del Palon.

I lavori eseguiti ad oggi sono.

PubblicitàPubblicità

– demolizione e rimozione del prefabbricato sede dei Vigili Urbani, che si collocava in zona centrale all’area, con conseguente utilizzo dello spazio ricavato per aumentare quello del campo scuola con lo spostamento del tapis roulant che lo delimita sul lato est e dell’area verde estiva;

– movimenti di terra (soprattutto riporti) per aumentare la superficie pianeggiante dell’area contenuta tra il bar Bondonero e la strada a sud di accesso ai parcheggi della palazzina servizi di Trento Funivie. L’aumento della superficie ha consentito il collocamento di alcune strutture ludiche e lo stazionamento di più persone nella stagione estiva (lettini, sdraio…) e consentirà senz’altro un più ordinato transito degli sciatori in arrivo e partenza nella stagione invernale;

– formazione di un nuovo accesso alla piazzola dell’elisoccorso in posizione tale da non interferire con le attività che si svolgono sull’area di cui sopra, liberandola completamente da ogni ingombro fuori contesto, rendendola più sicura per i fruitori, sia in inverno che in estate. La stradina così proposta risulta più funzionale per l’avvicinamento sia dell’ambulanza (estate), che della motoslitta (inverno) all’elisoccorso.

Il finanziamento dell’opera è di complessivi 80mila euro.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Zona «Liceo musicale Bonporti» in balia di degrado e inciviltà

Pubblicato

-

Una Trento in baia di maleducati, ubriaconi e spacciatori.

Uno spettacolo deplorevole e vergognoso, ripreso alle 10.30 della domenica mattina in una delle zone meta di molti turisti che dopo aver visitato il castel del Buonconsiglio vogliono fare una passeggiata nel centro storico di Trento.

È questa la fotografia rappresentata dalle continue segnalazioni che arrivano al numero whatsApp (3922640625) della nostra redazione da parte di cittadini furibondi e stufi della situazione ormai fuori controllo.

PubblicitàPubblicità

Le foto sono state scattate domenica mattina 19 agosto alle ore 10:30 davanti al liceo musicale Bonporti.

Per terra lattine di ogni tipo, molte bottiglie di vetro, alcune rotte, e quindi molto pericolose per bambini o per chi cammina con sandali estivi.

Il tutto accompagnato da un nauseabondo e acre odore di urina che rende l’aria irrespirabile.

E tutto nel centro storico di Trento sotto gli occhi increduli dei residenti costretti a vivere in queste condizioni.

La zona degli ultimi tempi è peggiorata. A renderla così, i soliti noti.

Sui muri ci sono scritte di tutti i tipi.

Solo ieri è stata scoperta un’altra situazione di degrado nella stessa zona che riguarda Vicolo della Contrada Tedesca (qui l’articolo)

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it