Connect with us
Pubblicità

Vetrina Immobiliare

Immobiliare: in Trentino Alto Adige prezzi stabili nel primo trimestre 2018

Pubblicato

-

Una partenza all’insegna della stabilità quella del mercato immobiliare in Trentino Alto Adige, dove il 2018 è cominciato con un primo trimestre di valori in lievissimo aumento sul fronte delle vendite e una situazione pressoché invariata per le locazioni.

Questo il principale dato emerso dall’Osservatorio sul mercato residenziale della regione di Immobiliare.it.

Secondo l’analisi del portale, i prezzi richiesti per le abitazioni in vendita sono aumentati dello 0,4% su base trimestrale, mentre i canoni sono cresciuti dello 0,1%.

Pubblicità
Pubblicità

A marzo 2018 il prezzo medio richiesto per la vendita di immobili residenziali in Trentino Alto Adige è stato pari a 2.808 euro al metro quadro, il 48% in più rispetto alla media nazionale.

Più alti rispetto alla media italiana anche i canoni di locazione richiesti: affittare casa in Trentino Alto Adige costa in media il 13% in più.

Spostando il focus dell’analisi su quanto avviene nelle due città capoluogo di provincia, la variazione trimestrale relativa ai prezzi richiesti per gli immobili in vendita è praticamente identica a Bolzano e Trento, pari al +0,6%.

Bolzano si conferma più cara, con un prezzo al metro quadro richiesto di 3.482 euro.

Pubblicità
Pubblicità

A Trento si spende meno per comprare casa: qui la media registrata, a marzo 2018, è stata pari a 2.534 euro/mq.

Anche per quanto riguarda gli affitti la spesa a Bolzano è superiore, ma in questo caso l’andamento dei prezzi è diverso fra le due città. Se nel capoluogo di regione i canoni sono più stabili, perdendo lo 0,4% su base trimestrale, a Bolzano il calo è più evidente, pari al -1,4%.

Pubblicità
Pubblicità

Vetrina Immobiliare

Mercato immobiliare: erogazione mutui – 32%, continua la criticità in Trentino

Pubblicato

-

Il mercato immobiliare è sempre più orientato verso l’accensione di mutui per l’acquisto della casa che rappresentano il 91,5 del totale delle operazioni.

Nel secondo trimestre di quest’anno le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione per un totale di 11.754 milioni di euro.

Per quanto riguarda i dati regionali secondo una rilevazione pubblicata dalla Banca d’Italia, le famiglie trentine e altoatesine hanno acceso mutui per l’acquisto dell’abitazione per un totale di 241,6 milioni di euro, che collocano il Trentino Alto Adige al dodicesimo posto per totale erogato in Italia, con un’incidenza del 2,06%; rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, in regione si registra una variazione delle erogazioni pari a -26,3%, per un controvalore di -86,2 milioni di euro.

PubblicitàPubblicità

Osservando l’andamento delle erogazioni nella prima parte dell’anno e si analizzano i volumi del primo semestre 2019, Il Trentino Alto Adige mostra una variazione negativa pari a -14,9%, per un controvalore di -81,1 mln di euro.

Sono dunque stati erogati in questi primi sei mesi dell’anno 462,3 milioni di euro, volumi che rappresentano il 2,01% del totale nazionale.

Nel secondo trimestre 2019 le province del Trentino-Alto Adige hanno invece evidenziato il seguente andamento.

In provincia di Trento sono stati erogati volumi per 118,9 milioni di euro, corrispondenti a una variazione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, pari a -32,0%.

Pubblicità
Pubblicità

Nel semestre sono stati erogati 215,5 milioni di euro (-20,8%).

Mentre in provincia di Bolzano sono stati erogati volumi per 122,8 milioni di euro, facendo registrare una variazione rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno pari a -19,7%.

Nel primo semestre 2019 sono stati erogati 246,9 milioni di euro, pari a -9,0%.

Dati non cero confortanti e che confermano la criticità del settore immobiliare anche in regione.

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Vetrina Immobiliare

Via Suffragio: negozio ITEA di 203 metri quadrati in affitto a partire da 860 euro mensili

Pubblicato

-

La rinascita di via Suffragio passa anche attraverso l’apertura di nuove attività commerciali.

Possono quindi essere interessanti i 203 metri quadrati che Itea propone al civico 47 con la base d’asta fissata a 860 euro mensili Iva esclusa.

Lunedì 28 ottobre sarà l’ultimo giorno utile per depositare le offerte, le cui buste saranno aperte martedì 29 alle 15.

Pubblicità
Pubblicità

Il locale si presenta su due livelli.

Al piano terra (59,30 metri quadrati) si trova il vano principale caratterizzato da volti in pietra ed una pavimentazione in mattonelle, anti bagno e servizi.

Il piano interrato di pertinenza esclusiva ( 91,26 metri quadri) si divide in tre vani, anti bagno e servizi.

La partecipazione all’asta è aperta a persone fisiche e imprese che possono presentare offerte solo in aumento. Per maggiori informazioni si può contattare Itea allo 0461-803292

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Vetrina Immobiliare

Il mercato immobiliare trentino frena: in calo compravendite e mutui

Pubblicato

-

Le condizioni sono le migliori ma il mercato dà segni di stagnazione: il tradizionale punto quadrimestrale di Fimaa Trentino, l’associazione degli agenti immobiliari, per la prima volta dopo quasi un anno di timida ma costante crescita, restituisce un mercato in flessione.

Un calo che, pur non destando troppe preoccupazioni essendo riferito ad un periodo dell’anno notoriamente “fiacco” tra tasse e vacanze, lascia gli agenti immobiliari in apprensione.

I dati sono emersi stamattina nel corso della presentazione tenutasi nella sala delle Associazioni della sede di Confcommercio Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Mutui a tassi molto bassi e prezzi degli immobili ancora molto contenuti, ancora molto lontani dal periodo pre-crisi.

Dovrebbero essere le condizioni ideali per un mercato immobiliare a gonfie vele, invece i numeri dicono esattamente l’opposto: dopo un anno di crescita, contenuta ma costante, gli indici segnano performance negative, soprattutto quelli sulla sottoscrizione di mutui: -11%, secondo il Consiglio notarile di Trento e Rovereto.

Le compravendite di immobili residenziali sono passate, secondo l’Agenzia delle Entrate, dai 4.387 del periodo gennaio-agosto 2018 alle 3.941 del periodo gennaio-agosto 2019.

Un calo circa del 9%, concentrato soprattutto sugli ultimi quattro mesi dell’intervallo.

Pubblicità
Pubblicità

«I numeri di Agenzia e Consiglio notarile – osserva il presidente Fimaa Severino Rigotti – sono in linea con le impressioni dei nostri associati: il mercato sta rallentando, se non addirittura invertendo il segno. È vero che le condizioni sono molto favorevoli, ma ci sono molti aspetti da tenere in considerazione. Innanzitutto stiamo vivendo un clima piuttosto confuso, sia a livello politico che economico, e le famiglie non se la sentono di affrontare una compravendita immobiliare. Del resto i numeri ci dicono che le famiglie italiane sono quelle maggiormente propense al risparmio in Europa, e in Italia abbiamo la più alta percentuale di proprietari di casa. Va inoltre considerato che il periodo estivo tradizionalmente presenta segnali di rallentamento per una serie di fattori concomitanti come il pagamento delle imposte e le vacanze estive. Se vogliamo essere positivi, possiamo considerare il fatto che il “nuovo” si sta riprendendo e torna ad essere appetibile sul mercato. Abbiamo ancora molti immobili sul mercato che risalgono al 2007 e non sono mai stati abitati. Un altro aspetto positivo è quello delle aste immobiliari, che vanno via via esaurendosi. Si è trattato di un fattore devastante per l’intero settore, che ha complicato in maniera incredibile la gestione di quotazioni e valutazioni».

Alla presentazione di stamattina, oltre al presidente FIMAA Severino Rigotti ed ai consiglieri dell’associazione, hanno partecipato anche il presidente del Consiglio Notarile di Trento e Rovereto Orazio Marco Poma, ed il direttore dell’Ufficio Provinciale – Territorio della direzione provinciale di Trento dell’Agenzia delle Entrate Paolo Borzaga.

Per il notaio Poma – che ha portato dati dell’intera provincia, riferiti sia al mercato residenziale che commerciale – le compravendite, nel trimestre aprile-maggio 2019 sono cresciute circa del 4,5%.

Un dato fortemente influenzato dagli scambi di immobili non abitativi che hanno raggiunto un aumento del 9%.

A diminuire, spiega il notaio, sono soprattutto i mutui ipotecari, in flessione del 14%, mentre i chirografari sono scesi del 2,9%. Le donazioni sono calate del 14%.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza