Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Ala ricorda Aldo Moro

Pubblicato

-

Ala ricorda Aldo Moro e gli uomini della scorta assassinati il 16 marzo 1978 in Via Fani.

Quella Via che a distanza di anni evoca nel nostro cuore molta amarezza per una strage che è e rimarrà una macchia indelebile sulla storia del nostro Paese.

Ala ricorda tutto questo attraverso una serata di alto livello culturale e storico.

Pubblicità
Pubblicità

Saranno presenti tre protagonisti di quel periodo.

Giovanni Ricci, figlio dell’appuntato dei carabinieri Domenico Ricci, uomo fidato e guardia del corpo dell’Onorevole Aldo Moro; Luigi Sardi giornalista e scrittore che da poco ha dato alle stampe, sulla base dei suoi ricordi gironalistici, il libro quei 55 giorni di Aldo Moro vissuti da Trentino” e Luciano Azzolini giornalista, ex deputato ed allievo di Moro che ha curato la prefazione del libro di Sardi.

Ala ricorda Moro grazie a questa impotantissima serata organizzata dall’associazione storico culturale Memores con il patrocinio del Comune e della Biblioteca di Ala.

Pubblicità
Pubblicità

Molti questa agghiacciante parte di storia la conoscono sulla propria pelle; molti l’hanno sentita narrare e molti, aimè, non la conoscono affatto. Ecco perchè bisogna raccontare e ricordare. Bisogna raccontare perchè l’odio del passato non ritorni come un fulmine a ciel sereno sulla nostra società sempre più sola e senza riferimenti.

Pubblicità
Pubblicità

Aldo Moro può insegnare ancora molto a tutti noi uomini impegnati in vari campi, culturali, sociali e politici, dove lo scontro e la superbia di essere i primi della classe dovrebbero lasciare il campo all’ascolto ed al mettersi al servizio degli altri.

Ecco perchè il 3 maggio ad Ala ricorderemo queste figure di uomini, dall’alto senso dello stato e della morale, barbaramente uccise solamente perchè pensavano in un futuro migliore.

Sarà presente il figlio, Giovanni, dell’appuntato Domenico ricci ucciso dal commando brigatista il 16 marzo del 1978.

LA STORIA – Roma, 16 marzo 1978. Erano le 9,02 quando le Brigate Rosse uccisero Raffaele Iozzino, Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Giulio Rivera e Francesco Zizzi, gli uomini dello Stato che scortavano il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro. Anche se incisi sulla lapide di via Fani, sono quasi Militi Ignoti come quello sepolto nell’Altare della Patria, ai piedi della Dea Roma. Nomi fissati sul marmo destinato a durare nel tempo, ma quasi scomparsi dalla memoria. Certo, ogni anno nell’anniversario di quel giorno funesto, la targa è adornata dal Tricolore, da cento fiori, soprattutto dalla commozione.

Ma ormai loro vivono solo nel ricordo dei loro familiari e degli amici sempre meno numerosi visto il trascorrere del tempo. Anche Aldo Moro venne brutalmente assassinato dopo 55 giorni trascorsi nella tetra ‘prigione del popolo‘ messa in scena dall’odio politico di quell’epoca e la storia di quei delitti, dell’angoscia che in quei giorni prese gli italiani – non tutti, in verità, perché in molti applaudirono alla notizia della strage – l’ho ricostruita soprattutto attraverso i giornali di Trento: Alto Adige, L’Adige, Vita Trentina e dai personaggi della politica e del giornalismo di 40 anni fa e dai quotidiani nazionali: Corriere della Sera, La Repubblica, Il Messaggero.

Lavoro preso appunto dai giornali. Con i loro limiti, gli inevitabili errori ma dove la cronaca diventa storia da consegnare al futuro e anche da libri davvero straordinari scritti dai testimoni di quelle giornate di autentica angoscia: Italo Pietra, Leonardo Sciascia, Adriano Sofri e Anna Laura Braghetti. Lei faceva parte della colonna romana delle Br che, uccisi i cinque uomini dello Stato, assassinarono Moro.

C’è anche il racconto, intenso, di due personaggi, due senatori della Dc – Giorgio Postai di Trento e Giorgio Di Giuseppe di Maglie, la città natale di Moro – a ricostruire quella tragedia da loro vissuta giorno dopo giorno nei palazzi della politica romana. Sono i superstiti di un’epoca che sembra talmente distante da apparire irreale.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza