Connect with us
Pubblicità

Trento

«Vi racconto come sto combattendo il cancro»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Una vita felice e serena, piena di progetti affettivi ed imprenditoriali.

Un’azienda solida, tanti amici, motivazione ed entusiasmo a mille dalla mattina alla sera.

Poi la terribile notizia, improvvisa, devastante, dolorosa.

Pubblicità
Pubblicità

Gianenrico Sordo scopre di avere il cancro il 2 febbraio 2018, dopo una colonscopia, un adenocarcinoma infiltrante della parete dell’intestino.

Viene immediatamente operato il 13 febbraio nell’ospedale di Monza dove con un intervento molto importante gli viene asportato il colon discendente il sigma e un pezzo di retto.

La degenza va molto bene, doveva rimanere in ospedale 15 giorni dopo sette giorni e già a casa, dopo otto giorni riprende a mangiare dopo 10 giorni è già al lavoro in ufficio, dopo 20 giorni riprende a correre con molta fatica, dopo un mese riprende a correre 10 km al giorno. 

Pubblicità
Pubblicità

A chi gli chiede: ma come fai? lui risponde: «Io sto bene e quindi faccio la vita di prima». Per lui nessun crollo nervoso, nessuna riflessione o momento di paura, ma solo la consapevolezza che solo se la mente rimane lucida e motivata si può vincere la madre di tutte le battaglie; quella della vita contro la morte.

Purtroppo però il male non è sconfitto, scopre di avere parecchi metastasi al fegato, da qui inizia una lotta ancora più dura, cambia il suo modo di mangiare, si rivolge ai migliori professionisti in Italia, oncologi e chirurgi cercando anche soluzioni all’estero, in particolare nella capitale di Israele, Tel Aviv.

E allora diventa una corsa su e giù per l’Italia, una corsa contro il tempo.

Purtroppo la malattia è molto particolare, è molto aggressiva, «ma non mi do per vinto, – spiega Gianenrico – continuo a correre tutti giorni e mi preparo per affrontare questa battaglia, ed intanto penso a come aiutare la ricerca, a come aiutare le tante persone malate, da qui l’idea di organizzare una mezza maratona per i malati di cancro»

Una vita sana senza mai aver fumato, senza mai aver esagerato con l’alcol. Una vita da sportivo, ma che però non l’ha messo al riparo da questo macigno, da una malattia non genetica ne ereditaria, a dimostrazione che il cancro, questo vile e codardo malanno, non guarda in faccia proprio nessuno

Gianenrico Sordo, 46 anni ben portati, imprenditore della Valsugana, titolare di un’azienda molto conosciuta in Trentino e in Italia, è già pronto a tutto.

In caso di morte ha scelto che la sua azienda sia data in mano ai suoi collaboratori, ma intanto lotta con tutte le sue forze.

«Perché fino all’ultimo giorno i miei occhi sorrideranno felici» dice Gianenrico

I suoi occhi corrono felici quando corre sulle ciclabili della Valsugana, per le strade, in mezzo alle case e alla persone. Lui il cancro lo vuole sconfiggere anche così, «Io continuo a correre, vedi un po’ se riesci a starmi dietro» – sembra dire al suo «nemico».

Spesso, le difficoltà all’apparenza insormontabili, fanno trovare in noi una forza insospettabile persino a noi stessi.

Ed è proprio in mezzo a queste difficoltà che si fa spazio un’alleanza con chi convive con il cancro, da qui l’idea di organizzare una maratona «Spero che qualche associazione si faccia avanti e mi aiuti ad organizzare questa piccola maratona tra il verde della Valsugana per aiutare la lotta contro questa brutta malattia che coinvolga in prima persona i malati di cancro,»ci confida Gianenrico.

Gianenrico Sordo passa tre giorni alla settimana all’ospedale, la sua vita e le sue abitudini sono cambiate, ma non la sua felicità di vivere con allegria e felicità.

E a chi gli chiede come finirà risponde sorridendo: «Non lo so, ma l’importante è che gli altri siano felici»

E la lotta continua, fino in fondo, fino all’ultimo respiro, all’ultimo battito di ciglia.

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Tragico incidente nella notte a Isera, perde la vita un 21 enne di Avio

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Trento2 giorni fa

Rischia di travolgere i bambini, bloccato dai genitori: «Sono soggetto alla 104, non possono farmi nulla»

Trento5 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Rovereto e Vallagarina3 giorni fa

Noriglio in mano alle baby gang e al degrado. La denuncia di Andrea Bertotti

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento6 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

eventi5 giorni fa

Miss Italia: è Eleonora Lepore di San Candido «Miss Schenna»

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Trento2 giorni fa

Vittoria De Felice contro il PD Trentino: «Partito borghese che non vede i veri problemi della gente»

Trento5 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

fashion4 giorni fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Fiemme, Fassa e Cembra2 giorni fa

Miss Italia torna a Moena: la reginetta è Giulia Barberini. Eletta anche la Soreghina 2023

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza