Connect with us
Pubblicità

Trento

Festival della Canzone europea dei Bambini, a Baselga di Piné attese mille persone

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Tutto è pronto per il XIV Festival della Canzone europea dei Bambini, momento conclusivo del concorso Un Testo per noi, promosso dall’Associazione Coro Piccole Colonne e rivolto a tutte le classi primarie d’Italia e del mondo (purché in esse si studi l’italiano).

L’evento è strutturato in due spettacoli e si svolgerà sabato 28 (alle 20,30) e domenica 29 aprile (alle 15.00) all’Ice Rink di Baselga di Piné, sull’Altopiano di Piné (Trento), in collaborazione con l’Apt Altopiano di Piné e Valle di Cembra, l’Ice Rink Piné, la Comunità Alta Valsugana e Bersntol, il Comune di Baselga di Piné, la Provincia Autonoma di Trento e la Regione Trentino Alto-Adige.

Presentatore di quest’anno sarà nuovamente Lorenzo Branchetti (che già aveva condotto il Festival nel 2016), noto ai più piccini come il simpatico folletto Milo Cotogno, protagonista dello storico programma “Melevisione” in onda su Rai Yoyo. Il bando di “Un Testo per noi” ha invitato i bambini a ideare e comporre, con la guida del proprio insegnante, le parole di una canzone: gli undici componimenti selezionati dalla giuria tecnica tra 251 partecipanti (numero che rappresenta il record di partecipazione nella storia del concorso), sono stati realizzati da classi provenienti da tutta Italia dalla Slovenia e pure dall’Argentina, musicati da grandi artisti del panorama nazionale e, infine, dopo essere stati raccolti nel CD “E’ davvero un tesoro” appena uscito, saranno cantati durante il festival dal Coro Piccole Colonne, composto da una trentina di bimbi tra i 6 e i 14 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Coreografia e animazione delle canzoni spetterà invece alle classi autrici, che saranno chiamate a sfoderare la propria fantasia e creatività.

Questa edizione del Festival – ha spiegato Adalberta Brunelli, direttrice del Coro Piccole Colonne di Trentocade esattamente trent’anni dopo il primo concerto delle Piccole Colonne. Ne abbiamo fatta di strada da allora, l’evento richiamerà un migliaio di persone”.

Il successo dell’evento – ha aggiunto Luca De Carli, presidente dell’Azienda di promozione turistica Piné Cembralo abbiamo già potuto testare: questa sarà infatti la seconda edizione che ospitiamo. Si tratta di un Festival che è cultura, è educazione ed è visibilità e promozione del territorio: grazie ad esso stiamo riscontrando un grande interesse turistico”.

Pubblicità
Pubblicità

Le canzoni. Le parole dei giovani studenti sono state tradotte in musica da artisti della scena musicale nazionale: l’amatissimo cantante Al Bano, il compositore e cantante Dario Baldan Bembo, il compositore Paolo Baldan Bembo, il direttore d’orchestra pop rock sinfonico Maestro Diego Basso, il trombonista Sandro Comini, il cantautore Franco Fasano, l’arrangiatore, compositore e direttore d’orchestra Maestro Alterisio Paoletti, il compositore Maurizio Piccoli, il paroliere e compositore Lodovico Saccol e la direttrice del Coro Piccole Colonne e del Festival Adalberta Brunelli.

Ecco nel dettaglio le classi vincitrici:

  • “Caro Darwin” della classe III C Scuola primaria Sanzio di Trento (insegnante Chiara Cincelli), un racconto dell’evoluzione della specie umana reinterpretato in modo giocoso dai bambini e musicato da Franco Fasano
  • “Neve vien giù” delle classi III e IV Scuola Primaria di Fierozzo – Trento, (insegnanti Cristiana Ploner e Daniela Pompermaier), riflessione attraverso lo sguardo dei più piccoli sulle variazioni climatiche e sui loro effetti nel nostro territorio tradotta in note da Maurizio Piccoli.
  • “Papà pasticcione” della classe IV della Scuola primaria “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” di Capodistria – Slovenia (insegnante Marinella Dobrinja), dedicato ai papà di oggi, un po’ pasticcioni ma bravi quanto le mamme e talvolta più divertenti; la musica è di Lodovico Saccol.
  • “Siamo piccoli ortolani” della classe II dell’Istituto di cultura italica di La Plata – Argentina (insegnanti Cristina Taddei e Graciela Caparra), che racconta l’importanza del contatto con la terra e i suoi prodotti per conoscerli ed apprezzarli; la musica è di Adalberta Brunelli.
  • “Un libro è un tesoro” della classe II B della Scuola primaria “Guglielmo Marconi” di Conegliano – Treviso (insegnante Fabiana Antiga), dedicata ai libri, compagni di avventure e viaggi incredibili; la musica, l’arrangiamento e la direzione dell’orchestra sono del Maestro Diego Basso.
  • “La canzone dei sette re di Roma” della classe V A della Scuola primaria “Italo Calvino” di San Francesco al Campo – Torino (insegnante Giovanna Tranchetta), un capitolo di storia romana in rima; la musica è di Paolo Baldan Bembo e Franco Fasano.
  • “Il gallo ballerino” della classe IV della Scuola primaria di La Morra – Cuneo (insegnanti Rosanna Boglietti e Marco Biaritz Bergesio), storia di un gallo ballerino che di notte volteggia in pista e al mattino, stanco, non dà più la sveglia agli abitanti della fattoria; la musica è di Sandro Comini.
  • “L’inverno cerca moglie” delle classi II A e II B della Scuola primaria “Don Carlo Gnocchi” di Cascina – Pisa (insegnante Monica Poli), un tenero racconto dedicato alle stagioni, che come noi hanno bisogno di trovare un compagno per essere davvero felici; la musica è del Maestro Alterisio Paoletti.
  • “La magia degli accenti” della classe I A dell’Istituto comprensivo “Giuseppe Giuliano” di Latina (insegnante Simona Santoro), ispirata alla musicalità delle parole e al ritmo dato dagli accenti; la musica è di Dario Baldan Bembo e Paolo Baldan Bembo.
  • “Il capriccio di Mozart” della classe IV dell’Istituto comprensivo di Frattamaggiore – Napoli (insegnanti Angela Pappacena e Lucia Credentino), una pagina aperta sulla vita di un musicista che fu eccezionale sin da bambino; la musica è stata composta da Al Bano Carrisi
  • “La tarantella dei frutti” delle classi II e III della Scuola primaria di Macchiagodena – Isernia (insegnante Maria Anna Monaco), dedicato ai frutti ballerini capaci di insegnare l’educazione alimentare ai bambini; la musica è di Adalberta Brunelli.

Le undici canzoni, interpretate dal Coro Piccole Colonne, che ha festeggiato i primi trent’anni di attività, sono state raccolte nel CD “E’ davvero un tesoro” e sono acquistabili anche su iTunes e nei migliori store musicali del mondo.

Riconoscimenti e premi speciali. Tutte le classi premiate sono vincitrici a pari merito e riceveranno, oltre all’ospitalità a spese dell’organizzazione sabato 28 e domenica 29 aprile, anche il il Trofeo Un Testo per noi. A Baselga di Piné verranno assegnati anche dei premi speciali:

  • Premio Speciale Mariele Ventre all’insegnante Fabiana Antiga, che ha coordinato la classe II B della Scuola primaria “Guglielmo Marconi” di Conegliano, Treviso, autrice di “Un libro è un tesoro”
  • Premio Speciale Il Giornalino a “Papà pasticcione” della classe IV della Scuola primaria “Pier Paolo Vergerio il Vecchio” di Capodistria – Slovenia
  • Premio Speciale Azienda per il Turismo Piné Cembra a “Neve vien giù” delle classi III e IV Scuola Primaria di Fierozzo – Trento
  • Premio Comune Baselga di Pinè a “Siamo piccoli ortolani” della classe II dell’Istituto di cultura italica di La Plata – Argentina
  • Premio Speciale Federazione Cori del Trentino al Maestro Alterisio Paoletti, autore della musica de “L’inverno cerca moglie”, testo delle classi II A e II B della Scuola primaria “Don Carlo Gnocchi” di Cascina – Pisa

Gli eventi collaterali. Accanto alle due serate del Festival, non mancheranno altre iniziative rivolte a valorizzare l’impegno dei bambini – sia delle classi che del coro – e a coinvolgere il territorio ospite. Si inizierà sabato mattina con la sfilata delle classi, delle Piccole Colonne e dei bambini dell’Altopiano di Piné e nel pomeriggio si svolgerà l’incontro formativo “Il musicista come fa?” (alle 15.00), che permetterà ai bambini “autori” di incontrare i musicisti che hanno lavorato sui loro testi (sono confermati Sandro Comini, Franco Fasano, Lodovico Saccol, Paolo Baldan Bembo). La domenica invece ci sarà la Santa Messa per tutti gli ospiti.

Da lunedì 23 aprile, infine, vi sarà il coinvolgimento dei negozianti di Baselga di Piné in “Gira la vetrina”, una simpatica iniziativa che vedrà le vetrine allestite dagli alunni delle scuole primarie del comune in base ai temi delle undici canzoni del Festival. Gli ospiti presenti sull’Altopiano di Piné saranno invitati a indicare la vetrina preferita attraverso un’apposita cartolina e domenica 29 aprile saranno premiati il titolare del negozio più votato, la classe che ha curato l’allestimento e tre votanti estratti a sorte.

Gli obiettivi del concorso e del festival. Il Festival condivide i medesimi fini del concorso, ossia coinvolgere gli alunni della scuola primaria in un progetto (il testo di una canzone) da realizzare in gruppo con la guida del proprio insegnante, avvicinare i bambini alla musica in modo creativo, creare nuove canzoni per l’infanzia che costituiscano un efficace mezzo di comunicazione permanente, promuovere la dimensione europea creando occasioni di dialogo interculturale fra coloro che diverranno i cittadini di domani e contribuire alla diffusione della lingua italiana (per regolamento i testi elaborati all’estero infatti devono contenere almeno una parte in italiano).

Durante il Festival il protagonista è solo ed unicamente il bambino, attraverso tre forme espressive diverse: la creatività (i testi delle canzoni sono “inventati dai bambini” e frutto di un lavoro scolastico di gruppo), la vocalità (le canzoni vengono cantate dai bambini del coro Piccole Colonne), l’espressione corporea (alle classi vincitrici spetta anche il compito di “animare” la propria canzone vestite a tema).

 

Il contesto. L’Altopiano di Piné è ricco di attrattive naturalistiche. L’ambiente montano è adatto a tutta la famiglia e diventa base di partenza per affascinanti escursioni in alta quota, passeggiate rilassanti lungo lago, gite in malga, itinerari sia in bici che a piedi alla scoperta dei centri dell’arte sacra locale.
Poco lontano si estende la Valle di Cembra: un giardino di vigneti sorretto da centinaia di chilometri di muretti a secco, che dal profondo della forra si inerpicano sui fianchi del monte. Civezzano e Fornace, inoltre, adagiati sulle morbide ondulazioni del Calisio, offrono un itinerario scientifico – didattico unico nel suo genere: l’Ecomuseo dell’Argentario racchiude in sé la storia millenaria di un’attività estrattiva tra le più antiche d’Europa. L’Altopiano di Piné e la Valle di Cembra offrono dunque un contesto ideale per il Festival della Canzone europea dei Bambini, dedicato a bambini e famiglie con l’obiettivo di offrire un fine settimana all’insegna della musica, della creatività, del divertimento, della condivisione.

 

Per maggiori informazioni: www.piccolecolonne.it | http://festival.piccolecolonne.it

Anche su YouTube e Facebook

Biglietti disponibili in prevendita da Promoevent a Trento e all’APT di Baselga di Piné; un’ora prima di ciascun spettacolo all’Ice Rink di Piné.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento3 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Trento3 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento3 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento1 settimana fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica1 settimana fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…5 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Val di Non – Sole – Paganella5 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Le ultime dal Web1 settimana fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza