Connect with us
Pubblicità

Trento

Arresto Luisa Zappini: Con la 104 viaggi anche alle Hawaii, Parigi, Maldive e New York

Pubblicato

-

Nel suo primo film Checco Zalone raccontava compiaciuto a una famiglia del nord che il cugino si era girato il mondo in malattia.

E’ più o meno, fuori dalla fiction, quello che potrebbe aver fatto la dirigente Luisa Zappini, da ieri agli arresti domiciliari per truffa e peculato. Anche se quello che sta emergendo dalle indagini della procura di Trento per certi versi ha davvero dell’incredibile.

La dirigente della Centrale Unica di Emergenza è stata beccata in 28 situazioni di abuso dei permessi relativi alla legge 104, quella che consente di assentarsi dal lavoro per assistere i familiari.

Pubblicità
Pubblicità

In altre 22 situazioni ha invece approfittato dell’auto di servizio per spostamenti privati.

Naturalmente le accuse sono tutte ancora da dimostrare ma il materiale raccolto dagli investigatori è corposo. La stessa Zappini, tramite il suo avvocato, si è difesa affermando che ci sono stati degli errori ma non l’intenzione di truffare.

Il suo avvocato parla si leggerezze, quindi comunque ammette che gli illeciti ci sono stati.

Riguardo alle vacanze fatte con i permessi della legge 104, la dirigente è stata beccata complessivamente per 15 giorni in 5 anni, dal 2013 al 2018. Ma certo è che probabilmente ci saranno altre decine di episodi sotto la lente d’ingrandimento della procura trentina.

Pubblicità
Pubblicità

I posti sono i più svariati del mondo: Hawaii, Parigi, New York, Maldive, Valle d’Aosta e altre mete italiane.

In altri casi la Zappini sarebbe stata ufficialmente in missione, ma si trovava in altri posti rispetto a quelli dove si sarebbe dovuta recare per lavoro.

La dirigente ha usato anche molte volte l’auto della Cue, una Fiat Bravo, per spostarsi per affari privati un po’ in tutto il nord, da Milano a Padova, a Bergamo, Verona e Brescia naturalmente tutto a spese dei contribuenti

Anche i riscontri dei telepass, il segnale del cellulare e le email, incrociate dagli investigatori, hanno fatto luce su molte incongruenze.

Gli arresti domiciliari sono stati resi indispensabili per la paura di reiterazione del reato e per paura che Luisa Zappini inquinasse le prove.

Dopo lo scoppio dello scandalo (nei primi 3 casi emersi) infatti la Zappini avrebbe subito disperatamente provato a «rimediare» a quanto contestatogli dalla procura «tentando di porre rimedio agli addebiti a suo carico, anche strumentalizzando i suoi collaboratori e interlocutori istituzionali»-  scrive il dispositivo del GIP

Ma certo lei non poteva sapere che era già intercettata dagli operatori della squadra mobile che controllavano le sue mosse  e quelle delle persone che tentava di strumentalizzare per mettere una «pezza» agli illeciti.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

53 enne trentino sepolto da una valanga in val d’Ultimo

Pubblicato

-

E’ vivo e in buone condizioni lo scialpinista che è stato travolto da una valanga in val d’Ultimo.

Il trentino di 53 anni è stato trasportato dall’elisoccorso all’ospedale di Merano ed è già stato sentito dai carabinieri.

L’incidente si è verificato nei pressi della cima Orecchia di Lepre, una vetta di 3.257 metri del gruppo Cevedale-Ortles.

PubblicitàPubblicità

L’uomo, che faceva parte di una comitiva di tre scialpinisti, è finito sotto la valanga di una lunghezza di oltre 500 metri.

Sul posto sono giunti i due elicotteri Aiut Alpin Dolomites e Pelikan 2 con gli uomini del soccorso alpino della Guardia di finanza e del Bergrettungsdienst.

Già dall’aria i soccorritori hanno visto spuntare uno sci dalla neve.

Appena atterrati hanno liberato l’uomo che fortunatamente era solo coperto da pochi centimetri di neve. Il 53 enne è rimasto sepolto quasi un’ora. In serata, fra la sorpresa generale, sarà dimesso dall’ospedale viste le buone condizioni di salute.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Assegnato il «Bollino Rosa» agli ospedali di Arco, Rovereto e Trento

Pubblicato

-

Gli ospedali di Arco, Rovereto e Trento sono in prima linea nella promozione della medicina di genere e offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili.

Per questo le tre strutture hanno ricevuto i ‘Bollini rosa’ di Fondazione Onda – l’osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere – e sono state premiate ufficialmente a Roma lo scorso 11 dicembre per la loro attenzione alla salute femminile. Due i bollini assegnati al Santa Chiara e al presidio ospedaliero di Arco, uno al Santa Maria del Carmine, per il biennio 2020-2021.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei ‘Bollini rosa’ è avvenuta tramite un questionario di quasi 500 domande suddivise in 18 aree specialistiche.

Pubblicità
Pubblicità

Una commissione multidisciplinare ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

Sono stati valutati in particolare la presenza di specialità clinicheche trattano problematiche di salute specificatamente femminili e patologie trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati, di percorsi diagnostico-terapeutici e di servizi clinico-assistenzialiin grado di assicurare un approccio efficace per le caratteristiche psico-fisiche della paziente.

Sono stati valutati poi ulteriori servizi volti a garantire un’adeguata accoglienza e degenza della donna, come il supporto delle associazioni di volontariato, la mediazione culturale e l’assistenza sociale.

I Bollini Rosa sono il riconoscimento che Fondazione Onda attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

Pubblicità
Pubblicità

A partire dal 7 gennaio 2020 sul sito sarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per Regione, con l’elenco dei servizi valutati.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Cercami su Instagram, ieri a Villazzano un incontro per riflettere sul mondo dei social

Pubblicato

-

Si è svolto ieri sera, venerdì 13 dicembre, presso l’auditorium CFP di Villazzano, l’incontro “Cercami su Instagram tra Big Data, solitudine e iperconnessione“.

Cercami su Instagram è stato un incontro presentato dagli scrittori dell’omonimo libro ed è stato un accorato invito a guardare oltre le immagini sorridenti, seducenti e apparentemente spensierate che i ragazzi (e non solo) pubblicano e guardano di continuo sui social network.

In quest’epoca di Big Data e narcisismo, controllo, selfie erotici, coppie online, profilazione e algoritmi complessi, Internet viene a cercarci e ci trova più soli, interconnessi, influenzabili, a volte aggressivi e con emozioni e pensieri mutati, ma sempre tanto desiderosi di essere visti.

Pubblicità
Pubblicità

Con un linguaggio semplice e colorato di tanti esempi, facilmente condivisibile anche con i più giovani, gli autori hanno accompagnato gli ospiti in un viaggio alla ricerca di nuove chiavi interpretative e nuove possibilità.

Serena Valorzi, è una degli autori, lei è Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo – comportamentale, con specializzazioni in ACT e Schema Therapy, è inoltre formatrice esperta in dipendenze da comportamento, di assertività e di impatto emotivo, cognitivo e relazionale delle Tecnologie di Comunicazione.

Mauro Berti è invece scrittore e Formatore nell’ambito dei risvolti sociali delle moderne Tecnologie della Comunicazione, è anche Vice Ispettore presso il Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Trento e Responsabile dell’Ufficio Indagini Pedofilia.

Con il libro i due autori hanno sentito l’esigenza di scuotere le coscienze.

Pubblicità
Pubblicità

Nel loro scritto non si parla solo di Instagram, spiega la Dottoressa, e le diverse tematiche collaterali hanno riguardato anche l’incontro di ieri. L’attenzione del pubblico è andata su concetti importanti, c’è infatti sempre più  spesso una analisi della voglia di mettersi in vetrina che passa attraverso una virtualità che non è invece la affettività reale.

«Siamo due autori diversi,– spiega Serena Valorziil mio collega tratta temi importanti  tra cui quello della profilazione e personalizzaizone dei risultati e degli ecochumber».

Ecochumber è un termine importante e molto utilizzato nell’ambito della comunicazione. Si riferisce a quella cassa di risonanza astratta dove informazioni ed idee vengono amplificate e rimbalzano continuamente , rafforzate quindi dalla loro stessa condivisione all’interno di un ambiente predefinito e che eunta al rafforzamento di idee di una certa tipologia. Argomenti come questo, o quello delle filter bubble, che riguarda la personalizzazione dei risultati, sono tematiche sensibili che i giovani dovrebbero sicuramente conoscere poichè per primi vengono esposti a tutto ciò che il web cela.

«Mi occupo da 18 anni di dipendenza da tecnologia- spiega la Dottoressa-, e mi interessano molto gli studi che concernono le coppie. In particolare studio le relazioni che le perosne hanno tra loro e con i più piccoli, il tema del narcisismo ecc…In merito a ciò potrei affermare che le nuove generazioni hanno forti punteggi di narcisismo ma anche di solitudine. La depressione impatta fortemente le loro vite.

La conferenza è legata a concetti e tematiche che riguardano il web e i social, la mia parte è più legata ad un aspetto clinico e penso che la collaborazione con Mauro Berti sia efficace appunto perchè con lui affrontiamo questi fenomeni da punti di vista differenti e altrettanto importanti».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza