Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Sarà intitolato ad Anna Proclemer il “Ridotto” del Teatro Sociale

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

A cinque anni dalla scomparsa, avvenuta a Roma il 25 aprile 2013, la città di Trento intende rendere omaggio ad Anna Proclemer.

Lo farà con due iniziative in programma mercoledì 11 aprile quando, presso il Teatro Sociale, le sarà intitolato su iniziativa del Centro Servizi Culturali S. Chiara, lo spazio del “Ridotto”, e con la prima proiezione assoluta del documentario di Franco Delli Guanti “La tigre di carta – Anna Proclemer tra successi e fragilità” che avrà luogo al Cinema Astra.

Il programma della giornata commemorativa è stato illustrato oggi nell’ambito della piattaforma di comunicazione Cultura Informa dal direttore del Centro S. Chiara, Francesco Nardelli, e da Franco Delli Guanti che è entrato nel merito dei contenuti del film che ricorda la figura di quella che può essere definita la più grande attrice italiana di teatro del Novecento.

E’ intervenuto all’incontro con i giornalisti l’assessore alla Cultura del Comune di Trento, Andrea Robol.

L’intitolazione dello “spazio Ridotto” del Teatro Sociale avrà luogo l’11 aprile alle 17.30 e prevede una breve cerimonia di commemorazione con gli interventi delle autorità provinciali e comunali. Sarà presente la figlia di Anna Proclemer, Antonia Brancati.

Per la grande attrice trentina sarà una sorta di “ritorno a casa” sul filo della memoria, in quanto Anna Proclemer fu protagonista per un trentennio (dall’inizio degli anni Sessanta alla fine degli anni Ottanta) al “Sociale” di una serie di rappresentazioni teatrali ancora vive nel ricordo di almeno due generazioni di spettatori: “Anna dei miracoli” di William Gibson, “La governante” di Vitaliano Brancati, “La lupa” di Giovanni Verga, “La miliardaria” di George Bernard Show, “Chi ha paura di Virginia Woolf” di Edward Albee.

Pubblicità
Pubblicità

Il 22 giugno del 2000 Anna Proclemer fu anche la madrina della serata che salutò la riapertura al pubblico dello storico Teatro cittadino dopo la lunga chiusura dovuta agli interventi di restauro.

Recitò il quinto Canto della Divina Commedia (l’incontro di Dante con Paolo e Francesca) e regalò al pubblico anche un gustoso fuori programma proponendo una divertita interpretazione della poesia di Aldo Palazzeschi “Rio Bo”. Nell’occasione, il sindaco di Trento Alberto Pacher la insignì del sigillo storico della città, Aquila ardente di San Venceslao. Qualche anno prima, nel 1996, ad Anna Proclemer era stato assegnato anche il riconoscimento “Una vita per la cultura” nell’ambito del Premio “Il Trentino dell’Anno” promosso dalla rivista Uomo Città Territorio.

Anna Proclemer tornò poi al Teatro Sociale nel settembre 2005 con lo spettacolo-evento “Gerusalemme – Omaggio a Mario Luzi” promosso dal Liceo delle Arti “Vittoria” e dal Conservatorio “Bonporti” di Trento e il 21 dicembre 2007 quando, affiancata dalla figlia Antonia, propose il recital “Viaggio attraverso Brancati”. La sua ultima apparizione sulle scene trentine in una pièce teatrale risale invece al 1993 quando fu interprete al Teatro Auditorium al fianco di Gabriele Ferzetti del dramma di Strindberg “Danza di Morte”.

Dopo l’intitolazione del Ridotto del Teatro Sociale ad Anna Proclemer, mercoledì 11 aprile alle 21.00 ci si sposterà invece al Cinema Astra per assistere alla proiezione di un film di Franco Delli Guanti, che da alcuni anni sta lavorando a progetti che vogliono portare alla luce personaggi del cinema e del teatro legati al territorio trentino. «A parte qualche sporadico servizio uscito all’indomani della scomparsa – spiega l’autore del documentario – penso che il mio sia il primo omaggio ufficiale dedicato ad Anna Proclemer. A gennaio dello scorso anno ho contattato la figlia, Antonia Brancati, che mi ha da subito garantito la massima collaborazione mettendomi a disposizione l’intero archivio della mamma (lettere, articoli, fotografie, locandine, filmati) conservato presso il Gabinetto Vieusseux di Firenze.»

“La tigre di carta” – questo il titolo del documentario prodotto da Mediaomnia e dall’Associazione Culturale “Officina Immagine” – propone un ritratto di Anna Proclemer attraverso le persone che l’hanno conosciuta, che hanno lavorato con lei o che hanno imparato da lei. Fra queste Ottavia Piccolo, Massimo De Francovich, Pino Strabioli, Maurizio Costanzo, Giancarlo Zanetti, Masolino D’Amico, Maurizio Scaparro, Gabriele Lavia, Ferzan Ozpetek, Pia Tolomei e Ornella Vanoni, solo per citare i nomi più famosi.

Dalle testimonianze emerge un carattere di Anna Proclemer forte sulla scena, ma fragile nella vita privata. Una «tigre di carta», come si definì lei stessa in un’intervista degli anni Settanta, mai appagata della sua esistenza nonostante il successo che l’ha accompagnata per tutta la carriera.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro1 ora fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento1 ora fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento2 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero2 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web2 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

L’eresia della giovinezza: una serata dedicata a Sylvano Bussotti nelle sale della mostra “Eretici. Arte e vita”

Tecnologia3 ore fa

Wired Next Fest Trentino: presentato stamattina il nuovo festival

Trento3 ore fa

Patt in assemblea, Marchiori: «Parleremo con i candidati presidenti»

Trento3 ore fa

Il carnevale a Trento: ecco il programma di tutte le manifestazioni

Rovereto e Vallagarina3 ore fa

La bimba ha fretta di nascere: parto in ambulanza lungo la strada statale 240

Trento4 ore fa

Autonomia differenziata: positivo il giudizio di Maurizio Fugatti

Arte e Cultura4 ore fa

Anno accademico del Bonporti: Bisesti al concerto di inaugurazione

Trento5 ore fa

Sanità trentina: nel 2022 i medici gettonisti sono stati 90

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento2 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena6 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina6 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza