Connect with us
Pubblicità

Politica

Nuova Pac, Dorfmann: «Premiare chi fa davvero agricoltura»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’agricoltura è uno dei settori produttivi in cui il contributo europeo è più facile da percepire. Questo perché, con la politica agricola comune (Pac), l’Unione aiuta i nostri contadini a mantenere la loro produzione competitiva sul mercato e, al contempo, a svolgere la loro importante funzione sociale.

I negoziati per la nuova Pac sono già entrati nel vivo. Una rivoluzione si prospetta all’orizzonte? Lo abbiamo chiesto a Herbert Dorfmann, europarlamentare sudtirolese, molto presente in Trentino, relatore del rapporto sul “futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura”, che delineerà la posizione del Parlamento europeo rispetto alla nuova Pac.

Herbert Dorfmann, a che punto sono le discussioni sulla nuova Pac?
Siamo nelle fasi iniziali. La proposta di quadro finanziario pluriennale per gli anni 2020 – 2027 sarà presentata il prossimo 29 maggio, io mi sono impegnato a chiudere il mio rapporto sulla nuova Pac nello stesso periodo, in modo che il Parlamento possa votarlo nella plenaria di giugno. Solo allora verranno presentate le proposte legislative della Commissione europea.

Pubblicità
Pubblicità

La nuova Pac sarà pronta entro il 2020?
È presto per dirlo, anche se acceleriamo al massimo, non credo sarà possibile chiudere tutto in questa legislatura, che terminerà a maggio 2019. Tuttavia, sono convinto che si debba andare avanti il più possibile, per poi magari lasciare alla nuova Commissione e al nuovo Parlamento il compito di finalizzare la riforma.

Quali sfide attendono il settore agricolo europeo?
C’è innanzitutto il problema delle risorse finanziarie a disposizione, che con l’uscita del Regno Unito dall’Unione rischiano di assottigliarsi. E poi le sfide legate al cambiamento tecnologico e allo spopolamento di vaste aree, che è strettamente legato alla sostenibilità della produzione agricola in montagna e nelle altre aree svantaggiate. In termini generali, l’agricoltura europea deve essere messa nelle condizioni di continuare a produrre cibo in quantità sufficiente e sicura.

In termini di risorse finanziarie, cosa chiede nel suo rapporto?
Chiedo che la dotazione finanziaria per la politica agricola rimanga almeno uguale.

Pubblicità
Pubblicità

Un obiettivo non facile…
Vero, ma i negoziati per il nuovo quadro finanziario pluriennale dovranno necessariamente tenere conto che molte delle sfide a cui l’Europa si trova a far fronte – come sicurezza alimentare, crescita economica, occupazione e rispetto dell’ambiente – passano dalla Pac.

In termini generali la Pac va riformata o rivoluzionata?
Il sistema vigente non ha bisogno di essere rivoluzionato. Basta svilupparlo in maniera conseguente, dandosi delle chiare priorità.

Quale tipo di riforma propone nel suo rapporto?
Il mio obiettivo principale è premere per una distribuzione delle risorse più equa. Bisogna farla finita con le rendite ingiustificate, le risorse vanno date a chi fa davvero agricoltura e soprattutto anche a chi deve lavorare in condizioni difficili come i nostri agricoltori di montagna.

Quali misure indica per raggiungere una redistribuzione delle risorse più equa?
Propongo innanzitutto di abbandonare il cosiddetto “approccio storico” nel calcolo degli aiuti diretti (basato sulla produzione in un periodo di riferimento, ndr) e di sostituirlo con un metodo uniforme europeo. Chiedo poi che il sistema di pagamenti preveda quote maggiori per le piccole aziende, abbassando al contempo quelle destinate alle aziende agricole più grandi, e che si intensifichino gli sforzi per una redistribuzione equa degli aiuti tra gli stati membri, che però deve tener conto delle differenze socio-economiche, dei diversi costi di produzione e di quanto ricevuto nel secondo pilastro.

Un’altra grande sfida per l’agricoltura è la sua sostenibilità. Cosa propone di fare in tal senso?
È necessaria un’enfasi ancora maggiore sulla produzione sostenibile. I pagamenti devono essere ulteriormente ancorati alla produzione di un servizio per la collettività.

Sul modello del greening (il pagamento ecologico” che richiede all’agricoltore la diversificazione delle colture e la realizzazione di aree di interesse ecologico, ndr)?
Il greening ha avuto risultati tutt’altro che entusiasmanti. Nel mio rapporto propongo di eliminarlo e di inserire le risorse a esso riservate negli aiuti diretti al reddito. Va rafforzata la condizionalità ambientale: prioritaria è la lotta al cambiamento climatico e quella per la protezione dell’acqua potabile. In tal senso, punto a intensificare gli impegni agroalimentari nei programmi di sviluppo rurale.

Parliamo di montagna, cosa propone di fare per sostenere l’agricoltura in queste aree?
Voglio fare una premessa: lo spopolamento delle aree di montagna è strettamente legato alla possibilità di fare agricoltura in queste zone e, soprattutto, alle opportunità che i giovani hanno per svolgere un’attività nel settore agricolo. Le due cose si tengono tra di loro.

Quindi?
Nella mia relazione chiedo agli stati membri di sviluppare un piano strategico, affinché risorse europee e nazionali vengano impiegate per aiutare i giovani agricoltori e, più in generale, per dare una mano a chi produce nelle aree più svantaggiate e scongiurare così l’abbandono del territorio. Dobbiamo poi avere un’attenzione particolare per la produzione di latte in montagna. Le presenza di animali è fondamentale per l´agricoltura di montagna.

Per fare ciò bisogna anche aiutare gli agricoltori a stare al passo con i tempi…
Come già detto, quella dell’adattamento alle innovazioni tecnologiche è una delle grandi sfide del settore agricolo nei prossimi anni. Sono abbastanza sicuro nel prossimo decennio assisteremo a una vera e propria rivoluzione tecnologica nel settore agricolo.

Ce ne parli…
Le faccio un esempio: si parla tanto delle auto senza conducente come della frontiera tecnologica da abbattere. A questo proposito, credo che prima delle auto senza conducente ci saranno i trattori senza conducente, perché la superficie su cui si trovano a operare riscontra meno problematicità rispetto alle strade. E poi c’è tutto il discorso sull’agricoltura di precisione…

Le piccole aziende, come quelle presenti nei nostri territori, rischiano di rimanere indietro in merito a questi sviluppi rispetto alle grandi aziende di pianura?
Il rischio c’è, dobbiamo vegliare per evitare che si materializzi. Ma l’innovazione può anche aiutare a rendere l’agricoltura più sostenibile. Avremo, almeno spero, tecnologie nuove per spargere concimi e prodotti antiparassitari. Il miglioramento genetico sta facendo passi da gigante, anche grazie a nuove tecnologie. Avremo sempre più piante resistenti a patogeni, che quindi hanno bisogno di meno trattamenti.

Come?
Il rapporto tra agricoltura e ricerca è fondamentale. In Trentino e in Alto Adige abbiamo per fortuna istituti di ricerca che sono all’avanguardia anche in Europa.

Un’altra preoccupazione molto attuale dei nostri contadini è il lupo. Pensa che la nuova Pac conterrà nuove misure per proteggere il bestiame dai predatori?
A livello europeo si tratta di una questione ambientale. Questa questione non può quindi essere affrontata con la Pac, ma con una modifica della direttiva flora fauna habitat. Ci stiamo lavorando intensamente.

Le malghe rappresentano un elemento centrale per l’agricoltura nei nostri territori. Cosa pensa del fatto che gli alpeggi possano essere affittati a gente che non fa agricoltura?
Io mi sono sempre espresso contro queste pratiche. Mi rendo conto che un po’ ci guadagnano anche i proprietari, ma la parte del leone va ad altri, spesso a gente che ormai non fa più agricoltura, ma che ha in mano i cosiddetti titoli. Considero questa pratica un abuso di soldi pubblici.

Crede che la nuova Pac eliminerà questa stortura?

Farò di tutto per porre fine a queste cose. Perché un contribuente dovrebbe finanziare una rendita ingiustificata? La Pac avrà successo nel lungo periodo solo se premierà chi fa davvero l’agricoltore, spesso in situazioni difficili, e non i furbi, che abusano del sistema.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella4 minuti fa

Il Giro d’Italia passa in Val di Non: le indicazioni per la viabilità

Bolzano2 ore fa

Era scomparsa nel 1990: risolto dopo 32 anni il giallo dell’altoatesina Evi Rauter

Trento3 ore fa

Il sindaco Ianeselli e il commissario del Governo Bernabei hanno firmato questa mattina il “Patto sicurezza Trento”

Trento3 ore fa

7 consiglieri della maggioranza chiedono un Consiglio straordinario per l’esame del ddl di Masè sulla terza preferenza

Trento4 ore fa

Il vicesegretario generale dell’Ocse Yoshiki Takeuchi, in visita in Trentino, è stato ricevuto stamani dal presidente Fugatti

Trento4 ore fa

Sono gravissime le condizioni della bimba investita da un’auto a Mezzolombardo

Trento4 ore fa

Coronavirus: 284 nuovi positivi, 55 il totale dei ricoverati di cui 4 in rianimazione

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Furioso incendio a Segno

Valsugana e Primiero4 ore fa

Fiamme avvolgono un macchinario nello stabilimento industriale: molte le squadre di vigili del fuoco per spegnere le fiamme

Trento5 ore fa

Tutti gli inquinanti sotto i limiti previsti: ad Aprile in Trentino è buona la qualità dell’aria

Trento6 ore fa

Ancora attivi i contributi provinciali cumulabili a quelli statali per l’acquisto di auto elettriche

Alto Garda e Ledro6 ore fa

Scoperta a Mori una rarissima orchidea

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Francesco Antonio Ciarleglio è il nuovo direttore di chirurgia a Cles

Musica7 ore fa

Rovereto rende omaggio a Jan Novák

Italia ed estero7 ore fa

Hacker russi KIlnet di nuovo in azione: bloccati diversi siti ufficiali italiani

Trento1 settimana fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 170 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Salgono ancora i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 107 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Balzo in avanti dei ricoveri

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Italia ed estero4 settimane fa

L’ultima gaffe di Joe Biden: stringe la mano ai fantasmi. Il mondo s’interroga sullo stato di salute del presidente Usa

Trento3 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento5 giorni fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento6 giorni fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Spettacolo4 settimane fa

Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Catherine Spaak

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza