Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Ville d’Anaunia «amministrazione smart»: il Comune noneso scelto da Open Data Trentino Hackabot

Pubblicato

-

VILLE D’ANAUNIA – Il Consorzio dei Comuni Trentini ha scelto Ville d’Anaunia come amministrazione smart per partecipare all’Open Data Trentino Hackabot

Negli scorsi giorni si è svolta infatti una competizione tra i migliori giovani programmatori, che sono stati divisi in team e in 48 ore hanno creato dei prototipi di ChatBot per la pubblica amministrazione.

I ChatBot sono dei programmi che simulano una conversazione e aiutano l’utente a trovare informazioni e a reperire dati in modo molto semplice e intuitivo.

Pubblicità
Pubblicità

Il sistema funziona come se ci fosse una persona dall’altra parte dello schermo, come se questa persona rispondesse alle domande personalizzate.

Ad esempio, si vuole andare a Rallo con il bus delle Ville ma non si conosce l’orario e non si sa dove trovarlo? Basta mandare un messaggio al ChatBot scrivendo “orario del bus delle Ville” o una frase simile e sullo smartphone comparirà l’orario.

L’assessore Romina Menapace è stata il “cliente” per due team, i quali hanno cercato di capire le esigenze dell’amministrazione, come gestisce i dati e si sono cimentati nella proposta di due distinti prototipi.

Le due proposte sono state molto interessanti, entrambe focalizzate sulla gestione degli eventi pubblici.

Gli speech finali dei due team sono visibili sul canale Youtube di Ville d’Anaunia.

Questa è una tecnologia davvero interessate – afferma la vicesindaco – perché può permettere di avvicinare in modo semplice e intuitivo il cittadino, soprattutto chi non ha familiarità, con la tecnologia. La sfida è rendere disponibili questi strumenti affinché semplifichino la vita dei cittadini, favoriscano la comunicazione, riducano i tempi per le “questioni burocratiche”, in modo che le persone possano dedicarsi a ciò che è veramente importante. Ho intuito le potenzialità dei ChatBot e voglio approfondire il tema per portarli nelle Ville”.

Chiedo quindi ai nostri giovani programmatori – conclude Menapace – che hanno competenze nell’ambito dei Chatbot, o che le vogliono acquisire, di contattarmi”.

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Una scuola tutta nuova per gli alunni di Denno e Sporminore

Pubblicato

-

Una scuola tutta nuova, luminosa, funzionale. Il luogo ideale dove crescere e imparare. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Ville d’Anaunia: le caserme dei Vigili del Fuoco saranno ammodernate

Pubblicato

-

Le tre caserme dei Vigili del Fuoco volontari di Nanno, Tassullo e Tuenno saranno interessate da lavori di ammodernamento. Il Consiglio comunale ha approvato anche l’assestamento di bilancio, mentre sono state bocciate le due opposizioni alla bonifica del Comitato bosco. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Sequestrati in Val di Non ben 133 kg di funghi porcini

Pubblicato

-

Nella giornata di ieri il personale forestale e di custodia della stazione di Fondo, coadiuvato dai colleghi della stazione di Rumo e dell’Ufficio distrettuale delle foreste di Cles, hanno provveduto ad un controllo della raccolta dei funghi nei comuni di Castelfondo e Brez.

L’operazione di vigilanza ha portato alla redazione di 28 verbali di contravvenzione per violazioni in materia di raccolta di funghi (quasi tutte per raccolta oltre i limiti consentiti) e di 3 verbali per transito non autorizzato su strade forestali.

Si è proceduto inoltre alla confisca di 133 kg di funghi, quasi tutti porcini. 

Pubblicità
Pubblicità

I funghi sono stati devoluti in beneficenza presso strutture locali ad eccezione di un limitato quantitativo che è stato distrutto per dubbia commestibilità, a causa del cattivo stato di conservazione.

In virtù del particolare periodo climatico, che ha favorito una copiosa produzione di funghi nel bosco, molti raccoglitori non si sono accontentati dei 2 kg per persona per giorno previsti dalla legge, superando in molti casi il limite consentito.

Eclatante il caso in cui sono stati contestati 29.5 kg a carico di un singolo raccoglitore che aveva provveduto a nascondere i porcini nel vano della ruota di scorta della propria autovettura.

Nei prossimi giorni è prevista un’intensificazione dei controlli sul territorio provinciale.

Si ricorda che la raccolta è consentita solo dalle ore 7 alle ore 19 nel limite tassativo di 2 kg a testa.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza