Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Zambia: la voce di due ex bambini di strada

Pubblicato

-

In un recente viaggio in Africa svolto dall’Associazione Grande Quercia sono stati tanti i bambini incontrati e conosciuti, tanti gli occhi incrociati e tanti i sorrisi donati e ricevuti.

Cosa significa essere bambini africani? Bambini di strada in Zambia?

Del Mthunzi Center in Zambia, che accoglie questi bambini, fanno parte anche Njila Banda e Dickson Mutale.

PubblicitàPubblicità

Njila è giunto al Centro all’età di 14 anni.

Il Centro Mthunzi, che tradotto dal Cinyanja significa rifugio, è un’organizzazione non governativa situata a Lusaka, in Zambia, che ha fatto molto per migliorare la vita della popolazione locale. È principalmente un centro che offre pieno sostegno e aiuto a bambini vulnerabili e di strada.

Oltre al valore fondamentale del centro che è l’istruzione, fornisce anche attività extrascolastiche che comprendono: cultura, teatro, sport, musica e arte. La partecipazione a queste attività organizzate rende i bambini attivi per tutta la vita anche quando completano la scuola e iniziano a vivere da soli.” afferma Njila.

Pubblicità
Pubblicità

Mthunzi è un luogo pieno di amore, un luogo dove i bambini possono giocare insieme, pregare insieme, mangiare insieme e divertirsi fianco a fianco. La collaborazione dello staff e dei visitatori coinvolti porta a migliorarsi grazie a nuove e diverse idee, per il bene dei bambini.

Per esempio l’ultima visita di Francesca e Lisa dell’Associazione Grande Quercia ha portato a dei cambiamenti che sono stati accolti volentieri dai bambini.

I bambini nel centro si prendono cura gli uni degli altri come fratelli e sorelle; hanno una cosa in comune che è la volontà di aiutare diversamente, che imparano attraverso l’imitazione dello staff e dei visitatori.

La creazione del Centro ha cambiato profondamente la vita altrimenti miserabile di molti bambini, che ora possono sperare di diventare migliori futuri leader.

Il Centro ha fatto in modo che vi siano regolari interazioni sociali con persone di tutto il mondo e tra i bambini stessi, principalmente attraverso scambi culturali. Infatti, Mthunzi ha dato l’opportunità a tutti i bambini che vivono nel Centro di viaggiare all’estero e vedere il mondo con i loro occhi.

Io sono arrivato a Mthunzi nel settembre 2009 con altri amici quando avevo solo 14 anni. Tuttavia, durante la nostra permanenza alcuni dei miei amici sono scappati perché hanno perso la vita per le strade, ma sono rimasto forte e concentrato su ciò che volevo ottenere fino ad ora.

Mthunzi ha fatto molto da quando sono arrivato per la prima volta: mi ha insegnato che non posso vivere la vita in completo isolamento dagli altri. Ad essere onesti, c’erano momenti in cui avevo voglia di scappare per non svolgere tutte le faccende che dovevamo fare, ma all’epoca non ero consapevole che queste responsabilità ci avrebbero reso più forti e alla fine in grado di prenderci cura di noi stessi una volta cresciuti.

Il mio comportamento è cambiato drasticamente. Ho passato quattro anni nelle strade di Lusaka dove ero solito fumare e rubare, la mia vita era miserabile. C’erano anche momenti in cui i miei amici volevano bruciarmi vivo, davvero molto tempo fa quando avevo solo 8 anni. Ora posso dire con orgoglio che sono una persona cambiata in meglio grazie al Centro Mthunzi.

C’è un gruppo di educatori gentili che vengono una volta al mese per insegnare ai bambini i pericoli del fumo e finora ha avuto molto successo aiutando i bambini a smettere.

Inoltre, Mthunzi non manda via i bambini quando finiscono la scuola, al contrario vengono mandati a stare in una casa trovata da padre Kizito, il fondatore del Centro, così possono iniziare a cercare un lavoro. Lo scopo è che Mthunzi diventi una famiglia felice e che anche quando un giovane inizia a lavorare non venga abbandonato e possa essere modello di riferimento per i più giovani.

Il fatto che sono in grado di ragionare, mi dà la responsabilità di essere un esempio degno per i miei giovani fratelli e sorelle che sono ancora a scuola e li aiuta con le informazioni di cui possono aver bisogno, anche per crescere bene e sentirsi parte del Comunità.

Ora sto studiando per i miei Bachelor of Arts in Mass Communication e Public Relations presso la Cavendish University di Lusaka, in Zambia.

Il Centro Mthunzi offre ai bambini svantaggiati le migliori capacità di essere un buon futuro leader.

Ritengo che attraverso l’educazione e le attività le vite dei bambini possono essere migliorate e quindi reputo che il Centro Mthunzi ha il cuore di un bambino e che insegna che noi apparteniamo gli uni agli altri.”

Dickson è un ragazzo di 17 anni, che racconta così i suoi primi anni di vita:

Ho avuto due fratelli e una sorella. Vivevamo a Lilai con i miei genitori e vivevamo felici. Mio padre lavorava per l’esercito mentre mia madre era una donna d’affari. Vendeva vestiti che lei aveva importato dal Congo e li vendeva in Zambia.

Col passare del tempo, i miei genitori mi portarono a scuola nel 2004 quando avevo quattro anni. Avevo iniziato la pre-scuola. Poi mio padre si ammalò gravemente al punto che non poteva né parlare né muoversi. Poi è stato portato all’ospedale, mia madre ha trascorso il suo tempo in ospedale lasciandoci con una cameriera.

Alcuni mesi dopo mio ​​padre è morto e mia sorella lo seguì lasciando me, i miei due fratelli e mia madre.

Nel 2007, mio ​​fratello piccolo è morto a causa della grave malaria, poi ci siamo trasferiti a Chawama e ci siamo fermati lì per quattro anni.

In questi quattro anni mia madre si è ammalata ed è morta nel 2011.

All’inizio del 2012 nostra nonna portò mio fratello e me a Ndola, si ammalò e morì nello stesso anno. Due mesi dopo tornammo a Lusaka e iniziammo a stare con mio nonno. Due anni dopo anche lui morì e la mia vita divenne miserabile.

Dickson parla poi di una svolta nella sua vita:

Poi nel 2014 sono stato portato a Mthunzi. Quando sono arrivato non mi piaceva interagire con i miei amici, ero abituato a stare tutto solo a causa delle mie esperienze passate.

Col passare del tempo mi sono abituato ad interagire con gli amici e questo mi ha fatto dimenticare il passato.

La mia nuova vita è iniziata. Ho iniziato la scuola elementare di Tubalange. Nel 2015 ho svolto il mio primo esame, in cui ho ottenuto 715 punti e sono andato alla scuola secondaria di St.Columbas e ho fatto il mio esame di maturità.

Durante il mio soggiorno al centro, ho incontrato Lisa una madre italiana e perché era la mia prima volta e quindi non credevo che quello che volevo nella vita sarebbe stato restaurato. Ma dopo un po ‘di tempo vengo a sapere che i miei fratelli si sono presi cura di me, includendo poi padre Kizito, Lisa e molti altri.”

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza