Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Zambia: la voce di due ex bambini di strada

Pubblicato

-

In un recente viaggio in Africa svolto dall’Associazione Grande Quercia sono stati tanti i bambini incontrati e conosciuti, tanti gli occhi incrociati e tanti i sorrisi donati e ricevuti.

Cosa significa essere bambini africani? Bambini di strada in Zambia?

Del Mthunzi Center in Zambia, che accoglie questi bambini, fanno parte anche Njila Banda e Dickson Mutale.

PubblicitàPubblicità

Njila è giunto al Centro all’età di 14 anni.

Il Centro Mthunzi, che tradotto dal Cinyanja significa rifugio, è un’organizzazione non governativa situata a Lusaka, in Zambia, che ha fatto molto per migliorare la vita della popolazione locale. È principalmente un centro che offre pieno sostegno e aiuto a bambini vulnerabili e di strada.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre al valore fondamentale del centro che è l’istruzione, fornisce anche attività extrascolastiche che comprendono: cultura, teatro, sport, musica e arte. La partecipazione a queste attività organizzate rende i bambini attivi per tutta la vita anche quando completano la scuola e iniziano a vivere da soli.” afferma Njila.

Mthunzi è un luogo pieno di amore, un luogo dove i bambini possono giocare insieme, pregare insieme, mangiare insieme e divertirsi fianco a fianco. La collaborazione dello staff e dei visitatori coinvolti porta a migliorarsi grazie a nuove e diverse idee, per il bene dei bambini.

Per esempio l’ultima visita di Francesca e Lisa dell’Associazione Grande Quercia ha portato a dei cambiamenti che sono stati accolti volentieri dai bambini.

I bambini nel centro si prendono cura gli uni degli altri come fratelli e sorelle; hanno una cosa in comune che è la volontà di aiutare diversamente, che imparano attraverso l’imitazione dello staff e dei visitatori.

La creazione del Centro ha cambiato profondamente la vita altrimenti miserabile di molti bambini, che ora possono sperare di diventare migliori futuri leader.

Il Centro ha fatto in modo che vi siano regolari interazioni sociali con persone di tutto il mondo e tra i bambini stessi, principalmente attraverso scambi culturali. Infatti, Mthunzi ha dato l’opportunità a tutti i bambini che vivono nel Centro di viaggiare all’estero e vedere il mondo con i loro occhi.

Io sono arrivato a Mthunzi nel settembre 2009 con altri amici quando avevo solo 14 anni. Tuttavia, durante la nostra permanenza alcuni dei miei amici sono scappati perché hanno perso la vita per le strade, ma sono rimasto forte e concentrato su ciò che volevo ottenere fino ad ora.

Mthunzi ha fatto molto da quando sono arrivato per la prima volta: mi ha insegnato che non posso vivere la vita in completo isolamento dagli altri. Ad essere onesti, c’erano momenti in cui avevo voglia di scappare per non svolgere tutte le faccende che dovevamo fare, ma all’epoca non ero consapevole che queste responsabilità ci avrebbero reso più forti e alla fine in grado di prenderci cura di noi stessi una volta cresciuti.

Il mio comportamento è cambiato drasticamente. Ho passato quattro anni nelle strade di Lusaka dove ero solito fumare e rubare, la mia vita era miserabile. C’erano anche momenti in cui i miei amici volevano bruciarmi vivo, davvero molto tempo fa quando avevo solo 8 anni. Ora posso dire con orgoglio che sono una persona cambiata in meglio grazie al Centro Mthunzi.

C’è un gruppo di educatori gentili che vengono una volta al mese per insegnare ai bambini i pericoli del fumo e finora ha avuto molto successo aiutando i bambini a smettere.

Inoltre, Mthunzi non manda via i bambini quando finiscono la scuola, al contrario vengono mandati a stare in una casa trovata da padre Kizito, il fondatore del Centro, così possono iniziare a cercare un lavoro. Lo scopo è che Mthunzi diventi una famiglia felice e che anche quando un giovane inizia a lavorare non venga abbandonato e possa essere modello di riferimento per i più giovani.

Il fatto che sono in grado di ragionare, mi dà la responsabilità di essere un esempio degno per i miei giovani fratelli e sorelle che sono ancora a scuola e li aiuta con le informazioni di cui possono aver bisogno, anche per crescere bene e sentirsi parte del Comunità.

Ora sto studiando per i miei Bachelor of Arts in Mass Communication e Public Relations presso la Cavendish University di Lusaka, in Zambia.

Il Centro Mthunzi offre ai bambini svantaggiati le migliori capacità di essere un buon futuro leader.

Ritengo che attraverso l’educazione e le attività le vite dei bambini possono essere migliorate e quindi reputo che il Centro Mthunzi ha il cuore di un bambino e che insegna che noi apparteniamo gli uni agli altri.”

Dickson è un ragazzo di 17 anni, che racconta così i suoi primi anni di vita:

Ho avuto due fratelli e una sorella. Vivevamo a Lilai con i miei genitori e vivevamo felici. Mio padre lavorava per l’esercito mentre mia madre era una donna d’affari. Vendeva vestiti che lei aveva importato dal Congo e li vendeva in Zambia.

Col passare del tempo, i miei genitori mi portarono a scuola nel 2004 quando avevo quattro anni. Avevo iniziato la pre-scuola. Poi mio padre si ammalò gravemente al punto che non poteva né parlare né muoversi. Poi è stato portato all’ospedale, mia madre ha trascorso il suo tempo in ospedale lasciandoci con una cameriera.

Alcuni mesi dopo mio ​​padre è morto e mia sorella lo seguì lasciando me, i miei due fratelli e mia madre.

Nel 2007, mio ​​fratello piccolo è morto a causa della grave malaria, poi ci siamo trasferiti a Chawama e ci siamo fermati lì per quattro anni.

In questi quattro anni mia madre si è ammalata ed è morta nel 2011.

All’inizio del 2012 nostra nonna portò mio fratello e me a Ndola, si ammalò e morì nello stesso anno. Due mesi dopo tornammo a Lusaka e iniziammo a stare con mio nonno. Due anni dopo anche lui morì e la mia vita divenne miserabile.

Dickson parla poi di una svolta nella sua vita:

Poi nel 2014 sono stato portato a Mthunzi. Quando sono arrivato non mi piaceva interagire con i miei amici, ero abituato a stare tutto solo a causa delle mie esperienze passate.

Col passare del tempo mi sono abituato ad interagire con gli amici e questo mi ha fatto dimenticare il passato.

La mia nuova vita è iniziata. Ho iniziato la scuola elementare di Tubalange. Nel 2015 ho svolto il mio primo esame, in cui ho ottenuto 715 punti e sono andato alla scuola secondaria di St.Columbas e ho fatto il mio esame di maturità.

Durante il mio soggiorno al centro, ho incontrato Lisa una madre italiana e perché era la mia prima volta e quindi non credevo che quello che volevo nella vita sarebbe stato restaurato. Ma dopo un po ‘di tempo vengo a sapere che i miei fratelli si sono presi cura di me, includendo poi padre Kizito, Lisa e molti altri.”

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza