Connect with us

Io la penso così…

La storia insegna che gli estremismi si nutrono delle crisi – di Gian Piero Robbi

Pubblicato

-

Gian Piero Robbi

Egregio Direttore,

successe, ad esempio, in Germania, quando, grazie al martedì nero di Wall Street del 29 ottobre 1929, gli USA dovettero interrompere i flussi di denaro verso Berlino, causando disoccupazione, inflazione e, quindi, povertà.

E fu facile per Adolf Hitler e la sua cerchia parlare alla pancia dei tedeschi ed ottenere democraticamente quel consenso che, dieci anni dopo, portò il mondo a una guerra sanguinosa.

Oggi stiamo correndo lo stesso rischio. La maggioranza degli italiani percepisce su di sé sia il disagio economico che il senso di insicurezza. Nonostante i proclami del Partito Democratico e i dati ISTAT, infatti, ci sono sempre più poveri e i giovani stentano a trovare un lavoro degno di questo nome che gli permetta di guardare al futuro senza ansie. In questo quadro, inoltre, s’inserisce la convinzione che l’Unione Europea sia più attenta ai nostri soldi che alla qualità delle nostre vite, per giunta infischiandosene dei flussi migratori che ci interessano direttamente solo perché abbiamo la colpa di trovarci davanti alle coste dell’Africa (così come capita a Grecia e Malta).

E sono prettamente due le conseguenze di quanto appena scritto: da un lato la rabbia verso il sistema interno che ha causato più diseguaglianza sociale, dall’altro il risentimento nei confronti di una struttura unitaria esterna a cui contrapporre un sentimento nazionalista e isolazionista.

Insomma, il brodo ideale su cui possono sguazzare gli estremismi.

E prova di ciò sono le tensioni sociali degli ultimi giorni qua e là per l’Italia: Bologna, Milano, Piacenza, Macerata, Roma, Palermo… E naturalmente non è un caso che le guerriglie siano scoppiate in prossimità del voto del 4 marzo, perché è ovvio lo scopo di agitare le acque e rompere gli equilibrici politici. A scontrarsi sono apparentemente due diverse visioni del mondo: da un lato i cosidetti neofascismi e dall’altro gli antifascismi.

Con una differenza non di poco. Al netto di episodi folli e singoli – come quello di Macerata perpetrato da Luca Traini – il ruolo dei violenti è soprattutto di matrice di sinistra, mentre chi sta nell’estrema destra sta provando ad istituzionalizzarsi, a entrare in politica usando lo strumento principe della democrazia: il voto. La strategia è chiara: Casapound e Forza Nuova hanno deciso di indossare le vesti delle ‘vittime’. Questi due movimenti non chiedono altro che svolgere regolari comizi per conquistare consensi. Una situazione che non è tollerabile da chi si trova all’estrema sinistra, le cui frange più oltranziste (centri sociali, antagonisti, NO TAV, ecc.) hanno paradossalmente optato per metodi fascisti: ne è prova l’aggressione a Massimo Ursino, coordinatore provinciale di Forza Nuova a Palermo, accerchiato, imbavagliato e picchiato.

Pubblicità
Pubblicità

Sabato scorso, a tal proposito, nel capoluogo siciliano c’è stato un corteo ‘antifascista’ a cui hanno partecipato 2mila/3mila persone e durante il quale l’obiettivo verbale è stato Forza Nuova, senza alcuno slogan contrario alla violenza in generale, come se picchiare un estremista di destra fosse legittimo. Si tratta di una pericolosa deriva che va condannata senza se e senza ma, perché viviamo in uno Stato di diritto in cui ci sono leggi che vanno rispettate e il Far West non ci riguarda.

Con ciò, per carità, non sto sostenendo che i buoni stiano all’estrema destra. Anzi, riprendendo l’esempio del secolo scorso, i nazisti svoltarono quando decisero che fosse giunta l’ora di abbandonare lo squadrismo e colpi di Stato in favore di azioni politiche mirate a generare consenso e, quindi, voti.

Quindi, l’auspicio è uno, detto da chi fa parte di un movimento di centro destra: che la classe politica moderata – di destra o di sinistra che sia – si torni ad occupare dei veri problemi che interessano gli italiani, rispolverando il vero fine della politica, ovvero il perseguimento del bene comune. I bisogni della gente vanno ascoltati e soddisfatti, eliminando ogni rischio che questi possano diventare le casse di risonanza degli estremismi, tutto questo è il modo di interpretare la politica di Agire per il Trentino. Un augurio che dobbiamo fare ognuno di noi in vista del 4 marzo.

Gian Piero Robbi – Agire per il Trentino

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus e stampanti 3D: Mercedes Benz pronta alla produzione di dispositivi medici
    Un periodo così instabile ed incerto come quello del recente allarme sanitario da Covid- 19, costringe ad una stretta coalizione internazionale che riesca a coinvolgere ed unire il maggior numero di forze e di aiuti possibili per riuscire contenere l’emergenza. Per questo, la nota casa automobilistica tedesca Mercedes Benz scende da protagonista in campo, mettendo […]
  • Fratellini soli a casa in quarantena: il Paese li aiuta “adottandoli”
    L’allarme sanitario che da settimane sta lasciando dolorose ferite, obbligando l’isolamento e la distanza dalle persone care, sta facendo riscoprire all’Italia un senso di vicinanza ed un’insaziabile bisogno di aiutarsi per riuscire ad arrivare il più velocemente possibile alla fine di un’emergenza che sta attraversando senza freni l’intero territorio nazionale. A confermare e dimostrare l’estrema […]
  • Dalle piume d’oca ai petali di fiori: La prima produzione di giacconi 100% naturali
    Esisteranno sempre alcuni capi di cui non se ne potrà mai fare a meno, e come non non si può affrontare il caldo estivo senza occhiali da sole e bermuda, così non si può superare il freddo invernale senza, il protagonista indiscusso dei mesi più gelidi: il piumino. Dalle classiche piume d’oca, alla più recente […]
  • Coronavirus: molto richiesti i saturimetri, a qualcuno servono davvero
    Dall’inizio dell’allarme coronavirus la corsa ai principali dispositivi di protezione individuale sembrava inizialmente limitarsi alle mascherine ed ai gel disinfettanti per le mani, diventati poi introvabili sia nelle farmacie che sui portali online, ma ultimamente il fenomeno parrebbe essersi allargato anche a strumenti prettamente sanitari come il saturimetro. Infatti, il particolare dispositivo a pinzetta facilmente […]
  • Coronavirus: L’Italia spegne i motori e i delfini tornano nei porti italiani
    La recente emergenza sanitaria ha reso l’Italia, Paese noto per la sua vivacità e il suo calore una penisola pressoché deserta obbligando negozi, centri commerciali e molte aziende a bloccarsi per intere settimane e costringendo milioni di italiani a guardare l’arrivo della primavera unicamente dalla finestra della propria abitazione. All’ombra di tutto questo, Madre Natura […]
  • Coronavirus: dalla Cina arrivano i caschi termoscanner per la polizia
    Da qualche mese, partendo dalla Cina e allargandosi come una macchia d’olio fino all’Italia, il mondo intero si è trovato improvvisamente a combattere una guerra contro un nemico veloce ed invisibile che non sta risparmiando niente e nessuno, colpendo non solo persone ma l’economia di interi Paesi, costringendo l’unione e l’impegno di tutte le forze […]
  • Coronavirus: 3 fasi per sanificare correttamente casa
    Candeggina, gel disinfettanti, alcol e spray si stanno rivelando i migliori alleati, nonché le armi più utilizzate in questo periodo per riuscire a combattere l’invisibile nemico che da settimane sta costringendo a casa milioni di italiani. Oltre alle ormai note raccomandazione di igiene emanate dal Governo, ai dispositivi di protezione individuale come le introvabili mascherine […]
  • Cascata “rosso sangue” in Antartide, uno spettacolo della natura
    Sono passato 109 anni dal primo avvistamento di questo macabro fenomeno situato nei pressi del lago (ovviamente ghiacciato) di Bonney, in Antartide. Nonostante questa cascata dal colore ramato fosse stata avvistata per la prima volta nel 1911 dal geologo Griffith Taylor durante una spedizione, soltanto qualche anno fa alcuni studiosi sono riusciti a risalire all’origine […]
  • Cenare sotto il mare: “Under” il primo ristorante sott’acqua d’Europa
    Attraversando i quattro angoli del mondo, sono molte sono le eccentricità dal punto di vista architettonico che si incontrano, ma pochi hanno lo stile e l’originalità del primo ristorante subacqueo di Baly, lungo le coste della Norvegia, candidato a diventare uno dei più spettacolari progetti architettonici mai concepiti in fondo al mare. “Under”si presenta come […]

Categorie

di tendenza