Connect with us
Pubblicità

Trento

In fuga dopo un incidente stradale, fenomeno in crescita a Trento

Pubblicato

-

Nel corso del 2017 e nei primi mesi del 2018 la polizia locale di Trento ha verificato la crescita di un comportamento illecito: si tratta del mancato rispetto degli obblighi previsti dal codice della strada da parte di chi è coinvolto in un incidente stradale.

L’articolo 189 della legge infatti prevede che l’utente della strada, in caso di incidente ricollegabile al suo comportamento, si fermi e presti assistenza a coloro che eventualmente abbiano subito danno alla persona.

In ogni caso i conducenti devono fornire le proprie generalità, nonché le altre informazioni utili, anche ai fini risarcitori, alle persone danneggiate o, se queste non sono presenti, comunicare loro nei modi possibili gli elementi sopraindicati.

Pubblicità
Pubblicità

Per chi non si ferma in caso di incidente senza feriti è prevista una sanzione amministrativa che consiste nel pagamento di una somma variabile da 296 a 1.183 euro oltre alla decurtazione di 4 punti patente.

In caso di incidente con feriti, chi non ottempera all’obbligo di fermarsi è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

Pubblicità
Pubblicità

Si applica inoltre la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre anni e la decurtazione di 10 punti. In tali casi è possibile procedere anche all’arresto del trasgressore.

Sempre se vi sono feriti, esiste non solo l’obbligo di fermarsi ma anche quello di prestare assistenza. L’omissione di soccorso in questo caso è punita con la reclusione da un anno a tre anni e con la sospensione della patente di guida per un periodo non inferiore ad un anno e sei mesi e non superiore a cinque anni.

Nel concreto nel 2017, su 774 sinistri rilevati dalla polizia locale nel Comune di Trento, 328 hanno registrato feriti (420 persone ferite + 4 in prognosi riservata).

C’è stato inoltre un incidente mortale con 1 persona deceduta.

Sono state accertate 30 violazioni all’articolo 189, ossia 30 casi in cui la persona coinvolta in un sinistro non si è fermata per ottemperare agli obblighi previsti dal codice della strada.

Venticinque erano incidenti senza feriti: il responsabile, allontanatosi senza lasciare i propri dati, è stato identificato dopo un lavoro di indagine da parte dell’ufficio infortunistica o degli agenti direttamente intervenuti grazie a testimonianze, verifiche dei passaggi tramite la videosorveglianza pubblica o privata, raccolta di elementi.

Negli altri 5 casi, si è trattato di incidente con feriti e si è proceduto alla denuncia alla magistratura per il reato di omissioni di soccorso, in un caso contro ignoti e in 4 casi contro persone identificate, rintracciate grazie a testimonianze di terzi, tracce lasciate sul posto o telecamere.

Interessante notare come in tutti gli incidenti con fuga (sia con feriti che senza feriti) solo in due casi il conducente fosse senza patente e solo in un caso il veicolo fosse scoperto da assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile verso terzi; pertanto nella maggioranza dei casi chi è fuggito non aveva motivo di sottrarsi all’accertamento a causa di altre e gravi violazioni della legge.

Le scuse avanzate dai soggetti identificati sono ricorrenti: “Non me ne sono accorto” oppure “Il mio veicolo non aveva danni” o ancora “Mi sembrava che non ci fosse stato un incidente”. Le cause della fuga non sono quindi da ascriversi a gravi violazioni delle norme di comportamento dettate dal codice della strada (anche se non si può escludere che magari la parte in quel momento si trovasse in stato di ebbrezza, cosa non verificabile a posteriori).

Nel 2018 la polizia locale ha rilevato, fino ad ora,  nel Comune di Trento 71 incidenti totali, dei quali 26 con lesioni (29 le persone ferite), fino ad ora senza prognosi riservate. Vi sono però già 3 sinistri, senza feriti, con un guidatore in fuga: in due casi è stata contestata la sanzione amministrativa prevista dall’articolo 189 al soggetto che si è allontanato senza fornire i propri dati; anche in questi casi non mancava l’assicurazione e la patente era regolare .

Nel primo caso si è trattato di scontro frontale-laterale in cui una delle parti si è allontanata dal luogo del sinistro, senza feriti, inseguito dalla controparte; il rintraccio è stato possibile grazie alla targa fornita dal danneggiato, che ha permesso alla polizia locale, mediante la videosorveglianza, di seguire il responsabile in fuga fino a casa e verificare i danni riportati dal veicolo che si era allontanato.

Il secondo episodio è stato registrato in tangenziale: dopo uno scontro una delle due parti si è allontanata senza fermarsi né fornire i dati. L’individuazione del responsabile è avvenuta grazie ad una autopattuglia allertata dalla centrale operativa che aveva divulgato i dati per la ricerca

Nel terzo caso, si è trattato di un tamponamento in tangenziale (ponte di Ravina) senza feriti; il tamponante dopo un primo contatto con le parti si è allontanato senza lasciare i propri dati e quelli del veicolo da lui condotto.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza