Connect with us
Pubblicità

Trento

In fuga dopo un incidente stradale, fenomeno in crescita a Trento

Pubblicato

-

Nel corso del 2017 e nei primi mesi del 2018 la polizia locale di Trento ha verificato la crescita di un comportamento illecito: si tratta del mancato rispetto degli obblighi previsti dal codice della strada da parte di chi è coinvolto in un incidente stradale.

L’articolo 189 della legge infatti prevede che l’utente della strada, in caso di incidente ricollegabile al suo comportamento, si fermi e presti assistenza a coloro che eventualmente abbiano subito danno alla persona.

In ogni caso i conducenti devono fornire le proprie generalità, nonché le altre informazioni utili, anche ai fini risarcitori, alle persone danneggiate o, se queste non sono presenti, comunicare loro nei modi possibili gli elementi sopraindicati.

Pubblicità
Pubblicità

Per chi non si ferma in caso di incidente senza feriti è prevista una sanzione amministrativa che consiste nel pagamento di una somma variabile da 296 a 1.183 euro oltre alla decurtazione di 4 punti patente.

In caso di incidente con feriti, chi non ottempera all’obbligo di fermarsi è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

Si applica inoltre la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre anni e la decurtazione di 10 punti. In tali casi è possibile procedere anche all’arresto del trasgressore.

Pubblicità
Pubblicità

Sempre se vi sono feriti, esiste non solo l’obbligo di fermarsi ma anche quello di prestare assistenza. L’omissione di soccorso in questo caso è punita con la reclusione da un anno a tre anni e con la sospensione della patente di guida per un periodo non inferiore ad un anno e sei mesi e non superiore a cinque anni.

Nel concreto nel 2017, su 774 sinistri rilevati dalla polizia locale nel Comune di Trento, 328 hanno registrato feriti (420 persone ferite + 4 in prognosi riservata).

C’è stato inoltre un incidente mortale con 1 persona deceduta.

Sono state accertate 30 violazioni all’articolo 189, ossia 30 casi in cui la persona coinvolta in un sinistro non si è fermata per ottemperare agli obblighi previsti dal codice della strada.

Venticinque erano incidenti senza feriti: il responsabile, allontanatosi senza lasciare i propri dati, è stato identificato dopo un lavoro di indagine da parte dell’ufficio infortunistica o degli agenti direttamente intervenuti grazie a testimonianze, verifiche dei passaggi tramite la videosorveglianza pubblica o privata, raccolta di elementi.

Negli altri 5 casi, si è trattato di incidente con feriti e si è proceduto alla denuncia alla magistratura per il reato di omissioni di soccorso, in un caso contro ignoti e in 4 casi contro persone identificate, rintracciate grazie a testimonianze di terzi, tracce lasciate sul posto o telecamere.

Interessante notare come in tutti gli incidenti con fuga (sia con feriti che senza feriti) solo in due casi il conducente fosse senza patente e solo in un caso il veicolo fosse scoperto da assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile verso terzi; pertanto nella maggioranza dei casi chi è fuggito non aveva motivo di sottrarsi all’accertamento a causa di altre e gravi violazioni della legge.

Le scuse avanzate dai soggetti identificati sono ricorrenti: “Non me ne sono accorto” oppure “Il mio veicolo non aveva danni” o ancora “Mi sembrava che non ci fosse stato un incidente”. Le cause della fuga non sono quindi da ascriversi a gravi violazioni delle norme di comportamento dettate dal codice della strada (anche se non si può escludere che magari la parte in quel momento si trovasse in stato di ebbrezza, cosa non verificabile a posteriori).

Nel 2018 la polizia locale ha rilevato, fino ad ora,  nel Comune di Trento 71 incidenti totali, dei quali 26 con lesioni (29 le persone ferite), fino ad ora senza prognosi riservate. Vi sono però già 3 sinistri, senza feriti, con un guidatore in fuga: in due casi è stata contestata la sanzione amministrativa prevista dall’articolo 189 al soggetto che si è allontanato senza fornire i propri dati; anche in questi casi non mancava l’assicurazione e la patente era regolare .

Nel primo caso si è trattato di scontro frontale-laterale in cui una delle parti si è allontanata dal luogo del sinistro, senza feriti, inseguito dalla controparte; il rintraccio è stato possibile grazie alla targa fornita dal danneggiato, che ha permesso alla polizia locale, mediante la videosorveglianza, di seguire il responsabile in fuga fino a casa e verificare i danni riportati dal veicolo che si era allontanato.

Il secondo episodio è stato registrato in tangenziale: dopo uno scontro una delle due parti si è allontanata senza fermarsi né fornire i dati. L’individuazione del responsabile è avvenuta grazie ad una autopattuglia allertata dalla centrale operativa che aveva divulgato i dati per la ricerca

Nel terzo caso, si è trattato di un tamponamento in tangenziale (ponte di Ravina) senza feriti; il tamponante dopo un primo contatto con le parti si è allontanato senza lasciare i propri dati e quelli del veicolo da lui condotto.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]

Categorie

di tendenza