Connect with us
Pubblicità

Speciale elezioni 2018

Non votare è come mettere la testa nella sabbia. Ma attenzione, il «culo» resta fuori

Pubblicato

-

Il più grave errore che un cittadino in questo momento potrebbe fare è quello di non andare a votare per protesta, dicendo la classica e ormai tradizionale frase «tanto no cambia nient».

Vero, infatti, se tu non andrai a votare nulla cambierà.

Di esempi se ne potrebbero fare molti, ma vogliamo sceglierne uno che li riassume un po’ tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Se un politico compra 1.000 voti da un mafioso e solo 2.000 persone andranno a votare il 50% rimarrà in mano alla mafia.

Ma se invece a votare ci vanno in 20 mila il potere mafioso rimane con il solo 5% dei voti. Votare oggi è l’unica arma contro la corruzione e la compra vendita del consenso.

L’astensionismo dilaga ad ogni elezione sempre di più e viene vissuto come giusta forma di protesta, ma serve davvero non votare?

L’astensionismo è alquanto inutile se fatto per protesta. In Italia non abbiamo infatti soglie minime di votanti richiesti se non per i referendum.

 Tutto è conteggiato sui votanti effettivi e non sugli aventi diritto al voto. Quindi il vostro non-voto diventa semplicemente un vantaggio per partiti che non votereste nemmeno a pagamento.

In più il non votare è spesso dovuto alla pigrizia d’informarsi più che da vere motivazioni.

Dappertutto regna infatti, politicamente parlando, l’ignoranza assoluta da parte di chi dice frasi come “non voto perché sono tutti uguali” dimostrando poi, nelle parole e nei fatti, un reale disinteresse a quello che è il diritto/dovere principale per essere considerati cittadini italiani.

Non votare è permettere agli altri, magari ad un ristretto gruppo, di scegliere per te. Non andare alle urne è un comportamento etico incosciente ed incivile.

Già, perché poi chi vincerà prenderà le decisioni che influiranno sulla tua vita e quella dei tuoi figli.

Votare oggi è un privilegio, chiamarsi fuori dal gioco democratico non è mai pagante. Allora è meglio esprimere un voto anche di protesta ma almeno farlo su una scheda. Far uso dei propri diritti democratici rappresenta un preciso dovere di cittadino.

Solo così si può contribuire a modificare l’attuale stato di cose. Non è con la passività e la rabbia che si muta il mondo e la società, ma con le proprie opinioni e il voto nell’urna, il più grande strumento democratico raggiunto anche attraverso guerre e dolorose scie di sangue.

Ma votare oggi è un diritto e un dovere? Si oggi ne siamo convinti più che mai. 

Pubblicità
Pubblicità

Speciale elezioni 2018

Elezioni provinciali, ultimi controlli prima dell’inizio della nuova legislatura

Pubblicato

-

Concluse le operazioni di spoglio delle schede, relative alle elezioni provinciali tenute domenica in Trentino, vi sono ora alcuni passaggi formali a cui adempiere prima che la nuova legislatura possa concretamente iniziare. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Il centrodestra festeggia in piazza a Trento: “Risultato storico”

Pubblicato

-

Il centrodestra trentino ha brindato in piazza Cesare Battisti alla vittoria del nuovo presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Elezioni Provinciali, Fugatti esulta: “Grande orgoglio e grande responsabilità dai trentini”

Pubblicato

-

“Un risultato che ci dà molto orgoglio e ci responsabilizza per il forte mandato popolare che abbiamo avuto. I trentini hanno ricordato le battaglie che abbiamo fatto sul territorio. La storia ci ha dato ragione”.

Così Maurizio Fugatti, nuovo presidente della Provincia Autonoma di Trento, commenta i risultati elettorali del voto del 21 ottobre. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza