Connect with us
Pubblicità

La Voce della FAI CISL

Sfruttamento lavoro Levico Terme: ecco perché i 3 bosniaci erano «invisibili»

Pubblicato

-

La notizia dello sfruttamento di 3 ragazzi bosniaci in un’azienda agricola ubicata a Levico Terme ha creato sconcerto e disagio alla comunità trentina in generale, e presso le istituzioni, che hanno dichiarato di non aver nemmeno sospettato lontanamente che potesse esistere a Levico Terme una situazione simile.

La situazione è emersa grazie alla denuncia della Fai Cisl Trentino, sindacato a cui si erano rivolti i 3 poveri ragazzi sfruttati per anni dal titolare dell’azienda agricola di Levico Terme.

Erano costretti a vivere in due roulotte fatiscenti, sporche e in mezzo a dei nidi di vespe e serpenti, al freddo, dormendo per terra, con la possibilità di lavarsi solo una volta alla settimana e rigorosamente con l’acqua fredda, sfruttati, sottopagati e obbligati a lavare i propri indumenti nella lavatrice usata dal titolare per pulire le cose dei propri cani.

PubblicitàPubblicità

Una situazione al limite del vivibile che ha visto come protagonisti i tre giovani ragazzi bosniaci, di 34, 25 e 22 anni che in un caso è perdurata per quasi 9 anni e che è emersa nel mese di giugno del 2017.

In molti si sono chiesti: come è stato possibile che nessuno sapesse nulla? Come è stato possibile che 3 ragazzi per tutti questi anni siano rimasti invisibili?

L’imprenditore agricolo, piuttosto conosciuto in zona, si è difeso dichiarando mestamente che «le cose non stanno esattamente così».

In merito alle dichiarazioni dello stesso imprenditore è intervenuto ieri nuovamente il segretario della Fai Cisl Fulvio Bastiani (foto) puntualizzando che «il datore di lavoro dei tre ragazzi era stato convocato presso la Coldiretti per chiarire alcune situazioni il giorno 11 gennaio 2018, ma non si è fatto vivo, stupiscono non poco quindi le sue dichiarazioni di innocenza, infatti se riteneva di non aver violato nessuna norma perché non si è presentato all’incontro?»

Ma come ha reagito la Valsugana l’indomani della scoperta del caso di sfruttamento? «I lavoratori e anche il nostro sindacato hanno ottenuto molti attestati di stima e solidarietà – continua Fulvio Bastiani – anche se in molti c’è stata la sorpresa e lo sconcerto per quanto successo in una regione come la nostra che sembrava immune da fenomeni del genere».

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Viene spontaneo chiedersi come sia stato possibile per questi ragazzi vivere in queste condizioni per tutti questi anni, uno addirittura per 9 anni. Anche a questa domanda risponde il segretario della Fai Cisl, «Teniamo conto che 9 anni fa le roulotte che serviva da riparo ai ragazzi in campagna probabilmente era in condizioni migliori di adesso, ma poi con il tempo si sono deteriorate e sono diventate obsolete e inabitabili a tal punto che gli stessi ragazzi hanno continuato negli anni a chiedere una sistemazione migliore, ma il titolare prometteva ma poi all’arrivo dei ragazzi non manteneva mai»

«L’azienda agricola risulta lontana dal paese di oltre 2 km,  – aggiunge ancora Bastiani – i primi anni i ragazzi non erano in condizione di spostarsi senza auto, non conoscevano la lingua e dopo 13 ore in campagna erano talmente stanchi da non pensare certo a fare vita sociale. Inoltre non potevano portare nessuno nelle roulotte perché erano su una proprietà privata e per dignità, visto le condizioni in cui erano costretti a vivere. I ripari di fortuna poi erano dislocati al margine del podere e il più lontano da occhi indiscreti. La situazione li ha resi quindi completamente invisibili a tutti. 

Poi rimangono comunque altri enigmi da risolvere: si possono definire raccoglitori persone che rimangono a lavorare in campagna da Febbraio a Novembre? Come mai è sfuggito alla Coldiretti, che preparava le paghe dei tre ragazzi, il fatto che in busta paga venivano segnate pochissime ore lavorate ogni settimana?  Su queste domande Fulvio Bastiani Glissa, «non spetta a me giudicare, se sarà aperta un’inchiesta questo dovrà valutarlo un giudice».

Nei primi anni di lavoro la residenza dei tre bosniaci era stata indicata presso la casa dell’imprenditore agricolo di Levico Terme, ma poi è successo qualcosa di grave  (riveleremo cosa è successo in modo approfondito nel prossimo articolo) che ha consigliato l’imprenditore agricolo di spostare i 3 nella residenza fittizia di Pergine Valsugana dove viveva il padre, che probabilmente era anche all’oscuro di tutto. Si fa quindi largo quindi l’incredibile ipotesi che in realtà qualcuno sapesse bene dove vivevano i tre ragazzi.

Va ricordato che la Coldiretti dopo la denuncia dell Cisl ha preso subito le distanze da tutta la faccenda e che gli enti preposti al controllo e i vari sindaci che si sono susseguiti alla guida del comune di Levico Terme non hanno nessuna responsabilità nel merito.

Sono state quindi una serie di coincidenze fortuite insieme al comportamento opportunista dell’imprenditore agricolo che hanno creato intorno a questi ragazzi un completo isolamento, che in un caso è durato 9 anni, 9 lunghi anni di privazioni, umiliazioni e chissà di cos’altro.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]

Categorie

di tendenza