Connect with us
Pubblicità

Trento

Arancia Meccanica trentina: 1 anno e 10 mesi ai 3 capodanda

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Erano le prime ore del mattino del 15 giugno 2017, quando  circa 50 militari delle Compagnie Carabinieri di Cavalese, Trento e Borgo Valsugana, arrestarono 6 giovani ragazzi (4 in carcere e 2 agli arresti domiciliari). (qui l’articolo dell’operazione)

L’operazione, denominata «Arancia meccanica» (per le condotte violente ed aggressive degli arrestati) permise ai carabinieri di smantellare un’associazione a delinquere, composta da una decina di giovani, in prevalenza provenienti dalla città di Trento, quasi tutti stranieri oppure immigrati di seconda generazione, ritenuta responsabile, tra il mese di settembre 2016 ed il mese di febbraio 2017, di ben 6 rapine, 16 furti in abitazione ed attività ricettive e/o commerciali e di 5 tentati furti, perpetrati nella città di Trento e provincia.

Spesso i colpi erano pianificati ma, soprattutto per quel che riguarda le spaccate ai danni di esercizi commerciali, anche in maniera casuale, una vetrina dopo l’altra.

Pubblicità
Pubblicità

Questo era il modo di agire della banda di giovani e giovanissimi, che non esitava ad usare metodi violenti, se necessario, per aggredire le loro vittime: dalle mazze da baseball all’immobilizzare alle spalle persone sedute su una panchina piuttosto che a spasso per le vie della città.

Nella giornata di ieri hanno patteggiato la pena di un anno e dieci mesi, quelli che i Carabinieri ritengono i 3 capi della congrega criminale, Berto Pablo di 22 anni,  Abdelali Rehhaline, 23 enne marocchino a Dodu Titi, romeno di 19 anni.

Infine c’è Anche per Arton Iseni,  24 enne si potrebbero aprire le porte del patteggiamento.

Pubblicità
Pubblicità

Altri due soggetti della banda, David Longo e Imad Messaoudi, hanno scelto il rito abbreviato mentre Youssef Rehhaline e gli altri 4 che erano stato denunciati affronteranno a giorni l’udienza preliminare.

Nell’indagine erano  state inoltre indagate a piede libero, nell’ambito della stessa indagine, ulteriori quattro persone: S.E. classe 1998, di nazionalità moldava, domiciliato a Trento; I.T. classe 1992, di nazionalità serba, domiciliato a Trento; D.A. classe 1996, di nazionalità afghana, domiciliato a Levico Terme; M.F. classe 1998, di nazionalità italiana, domiciliato a Milano.

Nel corso delle perquisizioni eseguite a carico di tutti gli indagati, erano  stati sequestrati svariati telefoni cellulari, la somma di euro 400 in denaro contante, alcuni capi di abbigliamento di dubbia provenienza, oggetti preziosi di dubbia provenienza nonché documenti materiale cartaceo di interesse investigativo.

Le indagini, hanno consentito inoltre di recuperare, già nel corso dell’attività investigativa, alcuni telefoni cellulari, provento di furti e rapine compiute dal sodalizio criminale in Trento.

L’indagine, aveva preso l’avvio dal raid predatorio in danno di tre abitazioni private, compiuto la notte del 8/9 settembre 2016 nell’abitato di Cembra Lisignago (TN)

Durante il blitz dei «baby» delinquenti erano stati rubati una motosega e di un Quad, poi abbandonato incidentato a Trento. L’attività illecita posta in essere quella notte è stata interrotta solamente per il risveglio di una delle possibili vittime, causato dall’impianto d’allarme.

Da quel momento la «baby gang» non si fermava più. Nei mesi successivi infatti la città di Trento veniva colpita da una sequenza di condotte delinquenziali che hanno creato notevole allarme sociale.

I carabinieri hanno potuto appurare sin dai primi episodi delittuosi, che i giovani facenti parte dell’associazione criminale, erano caratterizzati dalla comune ed estrema spregiudicatezza, noncuranza e disinteresse per il prossimo e l’altrui proprietà, tanto da non prendere in considerazione neanche le lesioni che causavano alle loro vittime, che venivano aggredite sempre con la stessa tecnica: presa alle spalle (casi di rapina) con compressione all’altezza del collo in modo da tramortirle per poi lasciarle stordite e a volte anche prive di sensi sul selciato, per rubargli facilmente telefoni e denaro.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Italia ed estero3 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza