Connect with us
Pubblicità

News dalle Valli

L’ imam di Trento Briegheche in foto con due jihadisti dell’Isis

Pubblicato

-

La notizia corredata di fotografia è riportata oggi da Giovanni Giacalone sul giornale.it

Il giornale prende spunto da un post pubblicato su Facebook da Aboulkheir Briegheche, (il primo seduto a sinistra nella foto) imam di origini siriane, co-fondatore dell’UCOII, ex presidente dell’Alleanza Islamica Italiana (inserita nella lista nera delle organizzazioni terroristiche dagli Emirati Arabi e dall’Egitto), portavoce dell’Associazione Imam e Guide Religiose e a capo della comunità islamica trentina.

L’imam aveva anche partecipato a un convegno organizzato all’Università “La Sapienza” di Roma dal titolo “Terrorismo e Violenza, origine e strategie di prevenzione”.

Pubblicità
Pubblicità

Nel post Breigheche scrive:E’ ora che tutti sappiamo con certezza che quelli che vengono uccisi in Siria sono la gente comune con le armi più micidiali che l’umanità abbia mai conosciuto, quelli di Usa, Russia e Iran che occupano la Siria e che hanno creato Isis per giustificare i massacri e che difendono i carnefici al potere da più di 40 anni massacrano il popolo rendendo il paese macerie. Questa purtroppo la pura verità. Davanti agli occhi di tutti. Quanto durerà questa situazione? Non credo molto. Perché l’oppressione non può sopravvivere a lungo. E’ la legge della natura. Peccato che la”droga” del potere accieca. E i ciechi non percorreranno tratti lunghi di strada”.

Non è la prima volta che Breigheche si espone su Facebook con post del genere, come nell’ottobre 2016 quando scriveva: “Putin e il suo regime danno una mano al regime criminale in Siria e bombardano i civili e la resistenza…insomma, tutti contro il popolo siriano, chi militarmente chi con il suo silenzio consenziente”.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo Giacolone del Giornale ciò che desta perplessità è il fatto che un profilo come quello di Breigheche, membro di più direttivi e con contatti istituzionali, possa davvero credere e sostenere il fatto che l’Isis sarebbe “tutta una creazione di Russia, Iran eStati Uniti” per “giustificare i massacri e difendere i carnefici al potere da 40 anni”, arrivando al punto da definirla “pura verità”.

Un’affermazione che va contro qualsiasi logica comprovata legata ai meccanismi di politica estera dell’area e che suona più come cieca propaganda. Come potrebbero infatti Iran e Russia aver creato l’Isis? In base a quali elementi può essere dimostrato?

Lo scontro tra area atlantista e asse sciita pro-Mosca in Siria è da tempo evidente, così come lo è l’ingente sostegno fornito dai paesi wahhabiti, dal Qatar e dalla Turchia nei confronti dei jihadisti sunniti in Siria. Nessuna critica da parte di Breigheche nei confronti del Qatar, dei sauditi e della Turchia? Chissà cosa ne pensa l’imam trentino del sostegno fornito da Erdogan ai jihadisti siriani, Jabhat al-Nusra inclusa.

Nessun riferimento al massacro dei curdi messo in atto dalla Turchia. Breigheche del resto è da tempo attivo nella retorica anti-Assad (è anche vicepresidente dell’associazione “Insieme per la Siria libera”) e può anche aver ragione quando sostiene di non apprezzare che la Siria sia presa d’assalto da truppe straniere; ciò dovrebbe però valere anche nei confronti dei turchi, dei qatarioti e dei jihadisti stranieri che lottano contro Assad.

Chissà cosa avrà pensato Breigheche di quei due ragazzi balcanici ritratti con lui in una foto di gruppo presso un centro islamico del Trentino, nel momento in cui è emerso che i due erano andati in Siria per unirsi all’Isis nella lotta anti-Assad.

Trattasi infatti di Ismar Mesinovic e Munifer Karamaleski (il primo perdeva la vita nel gennaio 2014), entrambi reclutati dalla rete di Bilal Bosnic, il predicatore bosniaco più volte presente in diversi centri islamici in suolo italiano. I due balcanici potrebbero anch’essi essere considerati “ingerenza esterna” in relazione alla questione siriana così come potrebbe essere considerato tale Saged Fayek Shebl Ahmed, giovane egiziano partito da Como per arruolarsi in una katiba qaedista anti-Assad.

Breigheche, al di là delle teorie complottistiche, dovrebbe essere pronto a condannare anche l’operato di Turchia, del Qatar, delle formazioni jihadiste straniere formate da ceceni, balcanici, marocchini, tunisini ecc. Sempre di ingerenze si tratta, a meno che non facciano parte della cosiddetta “resistenza”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza