Connect with us
Pubblicità

Lo sport in provincia

Eurocup: Trento interrompe la serie di 7 sconfitte, vittoria inutile a Zagabria

Pubblicato

-

Sfida tra squadre già eliminate nel Round 5 di Top 16 EuroCup. La Dolomiti Energia Trentino torna alla vittoria dopo 7 sconfitte consecutive espugnando il campo del Cedevita Zagabria 77-81 al termine di un match condotto con autorevolezza dai bianconeri per almeno 30’, fino al 45-66 costruito sugli assist record di Gutiérrez (11, massimo nella storia dell’Aquila) e sui canestri degli ispiratissimi Franke (21 alla sirena) e Silins (16). Negli ultimi 10’ i croati rientrano in partita, ma non riescono a ripetere, a parti invertite, quanto accaduto nel match di andata al PalaTrento.

La Dolomiti Energia dopo la trasferta di Montichiari in cui affronterà la capolista Germani Brescia (palla a due  domenica 4 febbraio alle ore 15.30, diretta Eurosport 2 ed Eurosport Player) tornerà a calcare il parquet del PalaTrento in occasione del Round 6 di EuroCup di mercoledì 7 in cui ospiterà i russi del Lokomotiv Kuban Krasnodar, unica squadra ancora imbattuta nella competizione continentale (ore 19.00).

Pubblicità
Pubblicità

 

La cronaca del match. Per aprire la sfida fra le squadre già eliminate nel girone G coach Buscaglia sceglie Gutiérrez, Franke, Silins, Gomes e Hogue nel suo starting five: i bianconeri partono bene (rubata di Guti e layup di Yannick), ma subiscono subito due triple a firma Cherry e Perkovic (6-2). Sono un ottimo Gomes (5 punti consecutivi) e una tripla di Franke a portare avanti gli ospiti e costringere coach Jure Zdovc al timeout dopo 5’ di gioco (7-12). Il numero 0 olandese in attacco non sbaglia un colpo (12 punti nel solo primo quarto), i padroni di casa restano in scia grazie ad altre due conclusioni dall’arco di Kruslin e Musa, poi è Sutton a chiude un frizzante primo quarto con la tripla del 23-28. Con le difese a salire di tono, nei secondi 10’ i padroni di casa dopo le stoccate di Sutton e Forray cominciano a mettere in difficoltà i bianconeri, ricucendo lo strappo fino al 30-34 su cui coach Buscaglia interrompe il gioco. Conti, appena entrato, sblocca l’attacco dell’Aquila con un bell’assist finalizzato da Hogue, l’ultimo canestro del primo tempo è un layup di Gutiérrez dopo un recupero dello stesso play messicano.

Otto punti di Silins in un attimo spingono Trento al massimo vantaggio di serata (36-50), un bottino reso ancora più cospicuo dai punti di Franke e dell’ala lettone, ben innescata dai passaggi vincenti di Guti (14 nel solo terzo quarto e 50-66 sul tabellone del Dom Sportova dopo 30’). I padroni di casa non mollano: Cherry e Johnson colpiscono arrivando al ferro, Perkovic e Markota lo fanno dal perimetro e la partita è completamente riaperta (65-71 a 6’ dalla fine). Kruslin segna due triple, Franke scollina quota 20 con il sottomano del 73-79: a scacciare i fantasmi della rimonta croata ci pensa Beto con una gran stoppata nei secondi finali.

 

MAURIZIO BUSCAGLIA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO)“Volevamo giocare questa gara andando profondi con le rotazioni e evitando di farci innervosire dagli errori come ci è successo nelle ultime gare. In alcuni momenti ci è capitato anche oggi, ma complessivamente contro Zagabriasiamo anche riusciti ad andare oltre all’errore, reagendo con più calma e muovendo meglio la palla in attacco creando dei buoni tiri. Questo deve darci fiducia per andare avanti nel nostro percorso di crescita”.

 

Cedevita Zagreb 77
Dolomiti Energia Trentino 81

(23-28, 34-42; 50-66)
Cedevita Zagreb: Kruslin 21 (2/4, 4/5), Perkovic 10 (0/3, 3/5), Johnson 4 (2/3, 0/2), Nichols 8 (1/3, 2/4), Slavica ne, Zganec 1 (0/1), Musa 13 (4/6, 1/5), Cherry 12 (2/9, 1/6), Markota 4 (1/5 da 3), Ramljak, Stipanovic 4 (2/4). Coach Zdovc.
Dolomiti Energia Trentino: Franke 21 (6/10, 2/4), Sutton 12 (3/4, 2/6), Silins 16 (2/3, 4/7), Forray 4 (2/3), Conti, Flaccadori (0/1, 0/4), Gutiérrez 12 (4/6), Gomes 10 (2/4, 1/3), Hogue 6 (3/4), Lechthaler, Shields (0/1). Coach Buscaglia.
Arbitri: Mantyla (Fin), Papapetrou (Gre), Peerandi (Est).
Note: Tiri da due: Zagreb 13/33, Trentino. 22/36 Tiri da tre: Zagreb 12/32, Trentino 9/24. Tiri liberi: Zagreb 15/22, Trentino 10/16. Rimbalzi: Zagreb 35 (Johnson 7), Trentino 28 (Sutton 6). Assist: Zagreb 14 (Cherry 6), Trentino 21 (Gutiérrez 11). Recuperi: Zagreb 5 (Nichols 2), Trentino 8 (4 giocatori con 2).

Pubblicità
Pubblicità

Lo sport in provincia

Beto Gomes: «Contro Brindisi partita importante, non solo in ottica Coppa Italia»

Pubblicato

-

L’ala portoghese e l’assistant coach Lele Molin presentano il match di domenica sera contro l’Happy Casa (palla a due alle 17.00 alla BLM Group Arena) che potrebbe anche mettere in palio un posto alle prossime Final Eight di Coppa Italia

Beto Gomes: «Domenica vogliamo vincere, a maggior ragione di fronte al nostro pubblico: so che la qualificazione alla Coppa Italia non dipende solo da noi, ma quello che possiamo e dobbiamo fare è chiudere bene la settimana di allenamento e poi dare il massimo in campo.

Credo che questa squadra abbia grande potenziale: dobbiamo solo trovare il modo di scoprire la migliore versione possibile di noi stessi, partendo dalla nostra difesa e condividendo la palla in attacco.

Pubblicità
Pubblicità

Io leader? Provo ad esserlo con l’esempio: non sono un giocatore che cerca lo spettacolo, che vuole riempire il tabellino delle statistiche o tornare a casa con il premio di MVP, voglio la vittoria della mia squadra e voglio fare il massimo per raggiungere quell’obiettivo giorno dopo giorno».

Lele Molin: «Credo che l’importanza della partita di domenica vada al di là della qualificazione alla Coppa Italia: è un appuntamento che per noi sarebbe fantastico poter disputare, ma non ci dobbiamo dimenticare che un mese fa eravamo ultimi da soli in classifica, quindi poter arrivare al giro di boa della regular season con 7 vittorie è la nostra priorità, sarebbe davvero importante.

Brindisi è un’avversaria ostica, e per certi versi tutta da scoprire dopo l’innesto di Walker che cambia un po’ la conformazione del team: la certezza è che il roster dell’Happy Casa è composto da giocatori di esperienza, con stranieri di lunga militanza nel nostro campionato che possono fare la differenza in ogni partita».

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Lo sport in provincia

Pallamano: Pressano riprende la Serie A1 da Bologna

Pubblicato

-

Riparte il campionato di Serie A1 della Pallamano Pressano CR Lavis che si tuffa nel 2019 agonistico a tre settimane dal trionfo in Supercoppa.

Con il secondo trofeo aggiunto alla bacheca societaria, i gialloneri di Dumnic si affacciano così alla seconda metà di stagione e lo fanno in una delicata posizione di classifica.

Attualmente al terzo posto in graduatoria, a meno uno dal Cassano Magnago secondo ed in coabitazione con i pugliesi del Conversano, Giongo e compagni sono chiamati ad avere pronti riflessi e prestazioni da subito convincenti per non scivolare fuori dalla zona PlayOff.

PubblicitàPubblicità

Il primo appuntamento in programma per il nuovo anno coincide con l’ultima giornata di andata, la 13^, che vedrà Pressano far visita al Bologna United, attualmente ultimo in classifica.

Sarà un turno di campionato molto delicato, in quanto verranno definite le qualificate e gli accoppiamenti della Final Eight di Coppa Italia.

La Pallamano Pressano è quindi chiamata al successo, nell’ottica di aggiungere due punti alla propria classifica e chiudere l’andata nella miglior posizione di classifica possibile.

Di fronte ai gialloneri ci sarà un Bologna ferito e deluso da una prima metà di campionato decisamente negativa: solo 1 la vittoria in 12 incontri per la formazione felsinea che vuole cominciare il 2019 alla carica ed attende i gialloneri con tutta l’intenzione di mostrare gli artigli.

I gialloneri trentini non dovranno quindi commettere l’errore di abbassare la guardia: servirà il Pressano tonico e tenace visto negli ultimi 2 mesi del 2018, per riprendere il filo del discorso da dove Giongo e compagni lo avevano lasciato, considerando anche che i prossimi due impegni opporranno i gialloneri alle prime due della classe, Bolzano e Cassano.

Al PalaSavena, tornato ad ospitare le gare del team bolognese, sarà quindi sfida aperta fra il giovane Bologna United ed un Pressano che deve cogliere la chance dei due punti con abilità e determinazione.

Fischio d’inizio della gara fissato alle ore 20.30, arbitrano i sig. Corioni e Falvo. La gara sarà trasmessa come da tradizione in live streaming sulla piattaforma federale PallamanoTV.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Lo sport in provincia

GS Valsugana, la talentuosa Anna Vernarelli si presenta: «L’obiettivo è migliorarmi sempre»

Pubblicato

-

Anna Vernarelli al momento della firma del contratto con il presidente del GS Valsugana Mauro Andreatta (a sinistra) e il ds Mattia Gasperini (a destra)

Anna Vernarelli, classe 2001, è il volto e il nome nuovo del Gruppo Sportivo Valsugana, che ha deciso di puntare forte sulla giovane atleta proveniente dall’Atletica Ravenna per la prossima stagione. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza