Connect with us
Pubblicità

Trento

Malagò inaugura la sede Coni: «Lo sport nasconde amarezze italiane, Trentino è l’eccellenza»

Pubblicato

-

Inaugurata oggi la Casa dello Sport, nuova sede del Coni Trentino, al Sanbapolis di Trento. Presenti le massime autorità del mondo dello sport e tutte le istituzioni. Dal sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, al presidente del Coni italiano, Giovanni Malagò. Dall’assessore allo sport Tiziano Mellarini alla presidente del Coni Trentino, padrona di casa, Paola Mora, oltre al presidente dell’Opera Universitaria di Trento, Alberto Molinari. Dirigenti, atleti, politica, religione, centinaia di esponenti di ogni settore sociale hanno assistito alla cerimonia che, dopo i discorsi di rito, è culminata nel taglio del nastro tricolore e poi ha aperto le porte per la visita ai nuovi uffici delle federazioni sportive trentine.

Il taglio del nastro

Il primo saluto è naturalmente riservato a Paola Mora che ha fatto un discorso appassionato: “Questa casa dello sport ha origine da un progetto nato in tempi di disponibilità finanziarie più ampie. Negli anni c’è stata la capacità di rimodulare il progetto risparmiando anche delle risorse economiche che andranno a finanziare nuovi impianti sportivi ed eventi per gli appassionati e i praticanti. E’ stato un lavoro di squadra e questo incarna perfettamente i valori dello sport. La provincia di Trento rappresenta un esempio positivo per tutta Italia, dispone di ottimi impianti e di una rete logistica. Abbiamo inoltre un grande patrimonio nei numerosissimi volontari. Diffondiamo quindi i valori positivi dello sport ma anche della nostra terra, il Trentino. Ringrazio gli atleti, siete il nostro orgoglio. Che questo posto diventi un luogo dove programmare lo sport del domani. E’ una casa inserita anche in un contesto sportivo, circondata da impianti e vicina a uno studentato universitario abitato da 1000 ragazzi che vengono da tutta Italia. Ringrazio anche Trentino Network che ha portato la soluzione a un grossissimo problema”.

Pubblicità
Pubblicità

Paola Mora

Attesissimo l’intervento del presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò: “Questo è un bellissimo posto, magari mettere anche una scritta “Coni” su quel muro non sarebbe male – scherza il capo dello sport italiano -, senza offesa per l’architetto. Veniamo da un formidabile weekend di risultati degli sport del ghiaccio con il podio tutto italiano delle sciatrici Goggia, Fanchini e Brignone, ma anche tantissimi altri atleti che hanno portato successi importanti che sarebbe difficile elencare. Lo sport nasconde le tante amarezze del mondo del calcio italiano. La casa dello sport di Trento è in linea con la politica del Coni che prevede di accentrare, ottimizzare e risparmiare sui costi. Negli ultimi 5 anni sarò stato 30 volte a Trento. Siete un’eccellenza. Le promesse vengono sempre mantenute. Permettetemi di dire che lo sport, con i problemi che affliggono l’Italia, è quello che tiene il tricolore più in alto“.

Malagò e Mora nell’ufficio di presidenza

Pubblicità
Pubblicità

Anche il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, ha elogiato la nuova sede: “Questa casa dello sport rappresenta il naturale e felice completamento dell’area di Sanbapolis: credo che le sedi del Coni e delle federazioni sportive non potessero trovare una collocazione migliore di questa, che le vede accanto all’opera universitaria, alla palestra di roccia, al teatro, alla cittadella studentesca: la vicinanza potrà far nascere positive contaminazioni e collaborazioni, che arricchiranno tutti. Sappiamo che all’inizio la casa dello sport doveva essere altrove: eppure, mai come questa volta, mi sento di dire che questo è tutt’altro che un ripiego. Perché questa sede è bella, perché ha – come ho già detto – una collocazione ottimale e, non ultimo, perché ci ha permesso di risparmiare una somma consistente di denaro che viene reinvestito per gli impianti sportivi di questa città. Mai operazione è stata dunque più virtuosa di questa. Ringrazio la presidente del comitato provinciale Paola Mora che, con lungimiranza e senso di responsabilità, ha fatto di questa casa dello sport un vero luogo di condivisione: perché in questa bella sede trasparente, fatta di vetro e cemento, per le diverse federazioni è impossibile non dialogare, collaborare, interscambiarsi idee e progetti. E’ lo spirito di quadra, è la logica del noi che prevale sull’individualismo. Come voi ben sapete, quella di Trento è la provincia con il più alto tasso di sportività in Italia. Ecco: credo che questa bella struttura sia l’immagine, dia l’esatta percezione della valenza, della forza e dell’importanza dello sport per la città e per tutto il Trentino”.

Il sindaco Andreatta

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]

Categorie

di tendenza