Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Le ciminiere dell’ex stabilimento Italcementi, una memoria storica per la città di Trento – di Paolo Peruzzini

Pubblicato

-

Egregio Direttore,

Il voler demolire le due ciminiere dell’ex stabilimento Italcementi a Piedicastello a Trento lo considero come un duro colpo dato alla memoria storica cittadina. Questo risulterebbe essere un assurdo ripulisti delle ultime tracce dell’edificio rimasto nell’area di quella grande impresa dei tempi passati che operò fin oltre al dopoguerra contemporaneamente alle varie SLOI, Grundig, Lenzi, Whirpool e Michelin.

Tutte queste simboleggiavano le grandi imprese nazionali e internazionali che giunsero nel capoluogo trentino tanto da mutarne l’aspetto sia sociale e sia economico. La presenza di tali stabilimenti segnò sicuramente la storia cittadina, sia nel bene e sia nel male.

Difatti se da un lato fu positivo l’aspetto di un rientro economico per le famiglie dei lavoratori e quindi dei suoi abitanti, dall’altra parte occorre doverosamente riesumare quello negativo dovuto al gravoso dazio pagato sia sul piano ecologico e sia su quello ambientale, in modo particolare poi quello ricaduto pesantemente sulla salute pubblica cittadina tanto da causare parecchie vittime. Tant’è queste conseguenze inquinatrici incombono tutt’oggi minacciosamente in certi terreni contaminati che ancora devono essere bonificati.

Personalmente poi questi due manufatti rimasti richiamano anche a ricordi familiari, ossia quando mio nonno da impiegato arrivò nell’inverno del 1963 con tutta la sua famiglia in una gelida Trento direttamente da Salerno dopo gli inizi fatti a Senigallia, quando già lavorava per conto dell’Italcementi.

Tutti i dipendenti del tempo possono testimoniare quanta polvere girasse sia nello stabilimento sia che negli uffici, e difatti i polmoni non risultarono essere altro che dei meri contenitori di cemento con la prevedibile ricaduta sulla salute di ognuno di loro che condannò i più a convivere fin da giovani con problemi di pleurite, silicosi nonché problemi cardiovascolari.

Occorre inoltre ricordare che si deve anche alla presenza dell’Italcementi la salvezza della città da una probabilissima catastrofe ecologica, quando dopo il temporale del luglio 1978 avvenne un terrificante incendio nella già famigerata SLOI a causa della combustione del sodio depositato malamente in quell’area, e che solo grazie alla grande intuizione dei vigili del fuoco fu estinto grazie all’utilizzo di ben 300 tonnellate di cemento trasportate in fretta e furia dai camion aziendali.

Quindi trovo giustificata la spesa prevista di un milione di euro (stimata recentemente dall’ingegner Decaminada) per la loro ristrutturazione e rivalutazione a fronte di quei centinaia destinati allo sviluppo edilizio urbano, che comprendono a volte costosi progetti di studi di fattibilità che finiscono nel nulla.

Pubblicità
Pubblicità

D’altronde di tante ex aree storiche industriali presenti in città niente o poco è rimasto, si veda il triste epilogo dell’ex Michelin. Una buona idea sarebbe quella d’inserire questi manufatti rimasti in percorsi storici di epoca moderna corredati di appositi cartelloni didattici, giacché in Italia esistono già numerosi esempi di architettura industriale addirittura fregiati di riconoscimento UNESCO come l’intero villaggio di Crespi d’Adda in Lombardia.

Anche un’adeguata illuminazione o eventuali abbellimenti con installazioni estetiche occasionali potrebbero rilanciare nel nostro scenario urbanistico architettonico quelle che si potrebbero definire, a scanso comunque di drammatici rimandi storici, le nostre due “ciminiere gemelle”.

Paolo Peruzzini – Agire per il Trentino

Pubblicità
Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]

Categorie

di tendenza