Connect with us
Pubblicità

Trento

Lavoro, sicurezza sociale, immigrazione, sanità: «Il centro sinistra trentino ha fallito su tutto»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Per il consigliere provinciale e segretario di «Agire per il Trentino» il 2017 è stato un anno impegnativo, ma senza dubbio positivo sotto tutti gli aspetti. «Ma il 2018 per il mio lavoro lo sarà ancora di più» – ci confida.

12 mesi di lavoro sui banchi delle opposizioni del consiglio provinciale fra interrogazioni, mozioni, proposte di legge, ordini del giorno ed emendamenti. Ma un anno – quello di Claudio Cia – che si chiude anche con grandi soddisfazioni sul piano lavorativo e privato. Non è infatti possibile dimenticare le denunce del consigliere che hanno smascherato prima il concorso «truccato» CUE, poi il rinvio a giudizio del presidente del Parco Adamello Brenta Masè ed infine le manovre poco trasparenti del sindaco di Cavedago Daldoss.

A Claudio Cia vanno anche riconosciuti dei meriti morali; è infatti l’unico consigliere provinciale che ha rinunciato ai rimborsi spese e che dona circa 1.000 euro al mese alle famiglie disagiate, che almeno garantiscono il pagamento delle bollette di luce e gas. Insomma, in politica c’è anche chi promette e poi mantiene.

Pubblicità
Pubblicità

Al pari suo solo Filippo Degasperi che nel corso di tutta questa legislatura,  attraverso 14 «Restitution Day» ha devoluto 82 mila euro che saranno messi a disposizione per il finanziamento di vari progetti sociali. E se in questo periodo «sparare» sui politici va di moda, è giusto anche esaltarne – qualora ce ne fossero – gli aspetti positivi.

Nell’anno che sta passando Claudio Cia ha coronato anche il suo sogno d’amore sposando Manuela Paoli, sua compagna da 9 anni. Un 2017 anche nel segno del suo nuovo partito presentato alla comunità il 18 giugno 2016 che durante gli ultimi 12 mesi si è consolidato su tutto il territorio acquistando consensi sempre più crescenti.  «Il mio partito nasce come  punto di riferimento per l’elettorato di centro destra, compreso quello autonomista, che non si identifica nell’attuale alleanza di governo in Trentino» – ama ripetere durante le interviste.

Siamo andati a trovarlo per fare un piccolo bilancio del 2017, ma anche per scoprire i programmi e gli obiettivi che Cia si pone per il 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Consigliere, qual è il suo bilancio di fine anno?

«È stato un anno impegnativo sia sul versante politico che nella vita privata essendomi, anche, da poco sposato. Per quanto riguarda la politica, oltre ai lavori d’aula in Consiglio provinciale e regionale, mi sono concentrato nel strutturare e far crescere il movimento “Agire per il Trentino”. Ovviamente in quest’opera non sono l’unico, con me sono in molti ad aver dato il loro prezioso contributo e questo è, ed è stato entusiasmante».

Cia, che Movimento è Agire?

«Agire intende essere diverso dai soliti parolai adoperandosi per il benessere dei cittadini. “Fatti e non parole” per noi è un modo di esserci. Condividiamo una responsabilità e un destino comuni rispetto ai valori che ci ispirano, sorreggono e motivano, sempre impegnati nel rigenerare la politica, restituendole la dignità di cui è stata spogliata. Corruzione, malaffare, interessi privati, e convenienze personali, allontanano il cittadino dalla politica. Noi cerchiamo di camminare sulla strada dell’onestà per mostrare un nuovo modo di essere e di agire in politica, attenti a ciò che è veramente importante per il cittadino, partendo dagli ultimi, guardandoli negli occhi senza doverci vergognare».

A proposito di “Fatti e non parole” quali sono le battaglie che hanno contraddistinto la sua azione politica nel 2017?

«Sono davvero tante le questioni di cui mi sono occupato e sono tutte documentate nelle oltre 1700 pagine del mio sito www.claudiocia.it. Ciò che comunque qualifica e contraddistingue il mio agire è la libertà e il coraggio con cui ho affronto temi scottanti e personaggi inquietanti. Tant’è vero che per questo mio attivismo ho già collezionato diverse querele, usate come strumento intimidatorio, ed altre mi sono state promesse. Pensi, ad esempio, che per due interrogazioni sul PRG del comune di Cavedago, il sindaco mi ha querelato per ben due volte nonostante la Provincia mi abbia dato ragione su tutte le questioni sollevato dal mio intervento ispettivo. D’altronde se un politico non ha coraggio vuol dire che ha solo interessi personali e le garantisco che di questi ce ne sono fin troppi».

Però così facendo dicono che lei favorisce l’antipolitica?

«Ma siamo sicuri che a generare l’antipolitica siano le mie azioni, o non piuttosto un agire politico impregnato di ambiguità e interessi che non aiutano il cittadino a guardarci con fiducia e rispetto. Anche quest’anno sono emersi scandali, concorsi taroccati, conflitti d’interesse, incompatibilità, bugie, appalti ​dubbi, ​finanziamenti sospetti, ​clientelismo, piazéri e piazeròti. Nient’altro che la punta di un iceberg fatto di illegalità e rappresentazione di una certa politica che ama annaspare nel torbido. Più i cittadini guardano alla politica, più si convincono che il Trentino non è poi tanto diverso da altri territori. Io sono convinto che il Trentino si può salvare solo con persone coraggiose e il coraggio viene dall’essere onesti, dal non aver scheletri dentro l’armadio. A vari livelli, ci sono politici che hanno più scheletri dentro l’armadio, che il cimitero monumentale a Trento».

Parlando di futuro, il 2018 è l’anno di due importanti appuntamenti elettorali. Agire per il Trentino come si sta preparando?

«A differenza di altre forze politiche noi non siamo in balia di scelte altrui perché abbiamo da tempo scelto da che parte stare e con chi intendiamo lavorare».

Si spieghi…

«In tempi non sospetti abbiamo dichiarato senza ambiguità di essere un movimento territoriale di centrodestra e che siamo alleati con Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia. È con loro che ci stiamo confrontando e preparando ad affrontare i prossimi appuntamenti elettorali. “Agire” con trasparenza si è presentato nella consapevolezza di non poter piacere a tutti, ma almeno tutti converranno che non siamo degli attendisti, degli opportunisti e tanto meno dei camaleonti».

C’è la corsa al miglior candidato per le elezioni politiche del 4 marzo. Lei ci sarà?

«Mi è stata chiesta la disponibilità a candidare e questo mi onora, non vorrei però essere sopravalutato, che mi si riconosca una forza di consenso elettorale che è tutta da dimostrare. Inoltre, in questa fase, targarmi con un partito nazionale, genererebbe solo confusione in quanti stanno guardando con interesse e curiosità al movimento “Agire per il Trentino”. Detto ciò, non ambisco ad andare a Roma perché guardo prioritariamente al Trentino. Comunque, sarò certamente presente ed attivo in campagna elettorale a sostegno dei candidati del centrodestra; per il resto invece staremo a vedere gli sviluppi».

Dopo le politiche di marzo, ad ottobre sarà la volta delle elezioni provinciali. Per questo appuntamento, lascereste Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia per un progetto politico forte di sole civiche?

«No, assolutamente no. Progetti in cui si escludano Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia non ci interessano, in quanto li riteniamo irricevibili e impraticabili. Senza le tre principali forze di centrodestra a valenza nazionale, un progetto localistico, per quanto ben venduto, non sarebbe credibile. Nelle elezioni 2013 era stata portata avanti un’operazione simile (senza soggetti nazionali) che si è conclusa con un insuccesso. Sei civiche insieme non raggiunsero neanche il 20%, nonostante le condizioni del momento vedessero Lega e Forza Italia ai minimi storici e Fratelli d’Italia nata da pochi mesi».

Chi sarà il candidato presidente del Centro destra?

«È inevitabile che il suo nome verrà fatto solo dopo le elezioni politiche del 4 marzo, ma già stiamo lavorando per definirne l’identikit e in questo siamo avvantaggiati perché a differenza di altri, noi siamo già una coalizione determinata a stare insieme per proporsi come alternativa credibile al centro sinistra. Il candidato presidente sarà dunque scelto collegialmente dalle forze politiche che oggi si riconoscono nel centrodestra».

Come sono i rapporti con gli altri leader politici del centro destra?

«Ciò che rende la nostra coalizione forte e credibile è il rapporto di amicizia e lealtà che in questi anni si è instaurato tra noi e che è alla base del nostro progettare insieme. È in questo clima che noi stiamo costruendo l’alternativo al centro sinistra. Questo è ciò che ci differenzia dalle altre coalizioni».

Le priorità per il 2018?

«Ormai da tempo sono sempre le stesse: lavoro, sicurezza sociale, immigrazione, sanità… Temi su cui il centro sinistra ha miseramente fallito e fa sorridere sentire dai banchi della maggioranza che governa la città di Trento invocare in questi giorni, l’intervento dell’esercito per ripristinare la sicurezza che loro stessi hanno minato in anni di scellerato governo del capoluogo. Noi non promettiamo miracoli come fa il centro sinistra, ma di certo non saremo dei codardi. Su questi temi la nostra priorità sarà solo l’interesse del cittadino e per questo non ci piegheremo a logiche ideologiche di chicchessia».

Temete l’astensione dal voto?

«Più che preoccuparmi dei sintomi, a me, da infermiere, preoccupa la malattia che li determina. “C’è un’azione peggiore che quella di togliere il diritto di voto al cittadino, e consiste nel togliergli la voglia di votare.” Sono parole di Robert Sabatier su cui i politici dovrebbero riflettere e chiedersi se non siano loro con le loro azioni la malattia».

Claudio Cia è l’amico ostinato e coraggioso della porta accanto, che difende – se giustificate – le istanze di tutti e che chiede giustizia, equilibrio, lealtà e trasparenza. È l’antipotere per eccellenza «Non capisco i trasformismi e i cambi di casacca e li condanno fortemente, d’altronde lo scenario per le candidature del centro sinistra trentino che leggiamo sui giornali in questi giorni sono tristi ed avvilenti».

Ma non tralascia il tessuto imprenditoriale Trentino «La aziende trentine sono fra le più competenti e motivate di tutta Italia, quello che non capisce il centro sinistra è che non è possibile continuare con l’assistenzialismo e la sussidiarietà, ma bisogna dare più soldi alle imprese per garantire più investimento, sviluppo e produzione, che portano a nuovi posti di lavoro e ad una grande ricaduta sul territorio e sull’economia».

Poi la lancia l’ultima provocazione «Invitare chi ha appartamenti vuoti o sfitti ad affidarli ad organizzazioni trentine di volontariato che lavorano con i disabili o che sono impegnate in progetti sociali, magari solo per sei mesi con progetti a termine. È infatti necessario un programma di reinserimento nella società di molti soggetti deboli che oggi sono lasciati al proprio destino» Accoglienza si insomma, ma come Dio comanda, e non a vantaggio di pochi e a carico di tutta la comunità, ma per il bene di tutti. 

 Foto di Matteo Rensi

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero4 ore fa

Auto si schianta contro il muro, si ribalta e prende fuoco: due morti e due feriti gravi

economia e finanza5 ore fa

Pensplan: oltre 280 mila posizioni presso i fondi pensione istituiti in Regione

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Studenti qualificati e diplomati all’UPT di Cles: ecco l’elenco

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Pellizzano vince il Bando borghi del Pnrr puntando sulla frazione di Termenago

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Carenza idrica, Andalo fa la sua parte

Giudicarie e Rendena6 ore fa

Ponte dei Servi: finisce a terra con la moto, 56 enne finisce in ospedale

Vita & Famiglia7 ore fa

Usa. Storica decisione contro sentenza sull’aborto. Pro Vita: «ora tocca all’Italia»

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Sorpasso suicida nella galleria di Taio – IL VIDEO

Telescopio Universitario7 ore fa

UniTrento – Pnrr, 50 milioni all’Università di Trento

Bolzano8 ore fa

Alto Adige, ritrovato il corpo senza vita dell’escursionista disperso a Racines: precipitato a Malga Calice a 1.500 m slm

Trento8 ore fa

Coronavirus: nessun decesso oggi in Trentino, 33 i pazienti ricoverati

Spettacolo9 ore fa

Con Jurassic World – Il dominio si chiude una saga durata quasi 30 anni

Trento10 ore fa

Plateatici dei locali, la procedura semplificata estesa per tutto il 2022

Trento10 ore fa

Arresti per terrorismo a Rovereto: il ringraziamento di Fugatti e Bisesti ai Carabinieri del ROS

Valsugana e Primiero10 ore fa

Tragedia a Caldonazzo: perde la vita mentre fa il bagno nel lago

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 83 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Frana il terreno vicino a Malga Andalo – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

I 12 giorni di Vasco Rossi all’Hotel Solea di Fai della Paganella: «Persona di livello umano altissimo»

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 121 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Telescopio Universitario4 settimane fa

In 440 oggi alla cerimonia di laurea, il rettore: «Scommetto su di voi»

Telescopio Universitario4 settimane fa

All’Università di Trento il fondo Feierabend sull’arte italiana del ‘900

Arte e Cultura4 settimane fa

Mario Giordano in Trentino con i «Tromboni. Tutte le bugie di chi ha sempre la verità in tasca»

eventi2 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro2 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Trento2 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Società3 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza