Connect with us
Pubblicità

Lo sport in provincia

La Diatec vince in rimonta (da 0-2 a 3-2) in casa della Revivre Milano.

Pubblicato

-

La Diatec Trentino chiude con il sorriso il 2017, sbancando anche il PalaYamamay di Busto Arsizio al quinto set. In casa della Revivre Milano, diretta concorrente nella corsa ad una delle posizioni subito dietro il terzetto di testa, la formazione allenata da Angelo Lorenzetti questo pomeriggio ha confermato il suo ottimo momento di forma, imponendo ai lombardi il 3-2 finale al termine di una splendida rimonta: da 0-2 a 3-2, grazie anche alle modifiche apportate in corso d’opera dall’allenatore alla sua formazione titolare.

Si tratta di un risultato preziosissimo, che permette di allungare a sette la striscia di successi consecutivi in campionato. In attesa della sfida con Padova del 4 gennaio, altro scontro diretto che aprirà il 2018, i gialloblù si sono regalati un capodanno sereno grazie alla grande reazione messa in atto a partire già dalla fine del secondo set.

Dopo aver sofferto il gioco dei padroni di casa, scatenati a rete con Abdel-Aziz ma efficaci anche a muro, i gialloblù hanno saputo risalire la china, trovando in Teppan (in campo al posto di Vettori), Kozamernik (per Zingel) e Lanza (per Hoag) tre aiuti importanti provenienti dalla panchina, che si sono perfettamente affiancati a giocatori come Giannelli (molto lucido sino in fondo), Eder (incisivo in tutti i fondamentali) e Kovacevic che per tutto il match hanno fatto pienamente la loro parte.

Pubblicità
Pubblicità

Il mancino serbo alla fine ha anche conquistato, con pieno merito, il premo di mvp non solo per i 22 punti realizzati (col 56% a rete, un muro e un ace) ma anche per i momenti (sempre cruciali) in cui è riuscito a mettere a terra il pallone contro il muro schierato, come nel finale del combattuto terzo set o del tie break (arrivo allo sprint).

La cronaca del match. La Diatec Trentino si presenta al PalaYamamay di Busto Arsizio con Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Kovacevic e Hoag in banda, Eder e Zingel al centro e De Pandis libero, mentre la Revivre Milano nel proprio starting six schiera invece con Perez in regia, Abdel-Aziz opposto, Klinkenberg e Schott schiacciatori, Galassi e Piano come centrali e Fanuli libero. L’inizio di match è tutto nel segno di Trento e della coppia Kovacevic-Hoag che fra attacchi e servizi positivi producono il primo strappo gialloblù (6-2); Milano prova a rispondere con Abdel-Aziz (9-6) e Piano, che con un grande muro a uno sullo stesso canadese firma il 14-13 (time out di Lorenzetti). Alla ripresa del gioco gli errori in attacco di Vettori (due quasi consecutivi) permettono ai padroni di casa di passare a condurre (16-18). Trento reagisce con un ace di Hoag (20-20), ma poi a sua volta subisce il turno in battuta di Abdel-Aziz (20-23) che mette di fatto una pietra tombale sul risultato finale del primo set (22-25).

Nel secondo periodo la Diatec Trentino prova a scuotersi, ma è sempre la Revivre a tenere in mano il pallino del gioco e ad accelerare (5-7, 11-14) appena le si presentano occasioni di break point, spesso sfruttate dal braccio pesante di Abdel-Aziz. Nella parte centrale della frazione i padroni di casa dilagano (12-17), sfruttando le incertezze in ricezione e a rete degli ospiti. Lorenzetti avvicenda allora Kozamernik a Zingel, Lanza a Hoag e Vettori a Teppan; la reazione dei gialloblù arriva ma è tardiva: Lanza firma il 15-17, poi Milano accelera di nuovo (17-23) stavolta con Schott. I servizi di Eder riportano i trentini al meno due (21-23), prima che due cambiopalla senza problemi dei meneghini consegnino loro un nuovo 22-25 e il primo punto in palio per la classifica.

Pubblicità
Pubblicità

Con le spalle al muro la Diatec Trentino si gioca il tutto per tutto nella terza frazione, scattando bene dai blocchi di partenza con Lanza, Teppan e Kozamernik (rimasti in campo dopo l’ingresso nel finale del parziale precedente) in bella evidenza. Milano fatica a tenere il ritmo avversario (6-2, 11-8, 16-12) anche perché Giannelli distribuisce bene il gioco. Nel momento più duro, però, la Revivre getta nella mischia Sbertoli (al rientro) e la squadra di Giani si rianima sino ad arrivare al 20-20. Trento non smarrisce la calma, gestisce bene la fase di cambiopalla con Teppan e poi si affida al braccio mancino di Kovacevic per vincere 25-22, portando la contesa al quarto set.

Sull’onda dell’entusiasmo i gialloblù partono a razzo anche nel quarto periodo (7-3), approfittando nuovamente di una buona rotazione al servizio di Eder. Milano accusa il colpo, si disunisce e continua a sbagliare molto. Sul 12-6, Giani ha già speso un time out e rigettato nella mischia sia Perez Rivera sia Galassi, senza però trovare particolari risposte, perché in campo Kovacevic continua a dettare legge (18-12, 22-13), ben spalleggiato anche dalle battute di Kozamernik, che scrivono in fretta la parola fine al set (25-14).

Il tie break si gioca punto a punto sino al 10-10, poi la Revivre Milano accelera con Abdel-Aziz (10-12); il time out di Lorenzetti è provvidenziale perché al rientro in campo la Diatec Trentino piazza un parziale di 5-1 propiziato da Kovacevic al servizio (anche un ace diretto) e chiude il conto sul 15-13.

Avevamo iniziato il match con troppa tensione addosso, subendo oltremodo il gioco di Milano, poi dalla fine del secondo set modificando anche il nostro assetto la squadra ha fatto segnare una reazione importante, invertendo così la tendenza – è stata l’analisi dell’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match – . Eravamo venuti a Busto Arsizio pronti a giocare un altro tie break pur di vincere, il percorso è stato tortuoso ma siamo contenti di esserci riusciti: si tratta di un successo importante. La nostra difficile partenza in campionato ci costringerà sempre a non rilassarci e a faticare come oggi senza poter mai tirare il fiato. Vogliamo però risalire in classifica e per farlo ci serve grande continuità”.

Con la partita odierna la Diatec Trentino ha concluso l’attività in palestra per quanto riguarda l’anno solare 2017. La ripresa degli allenamenti è però fissata già per la serata del primo gennaio 2018 al PalaTrento con una sessione in sala pesi che inaugurerà il periodo di preparazione alla sfida casalinga del 4 gennaio contro la Kioene Padova (ore 20.30).

Di seguito il tabellino della gara della quattordicesima giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2017/18 giocata questa sera al PalaYamamay di Busto Arsizio.

Revivre Milano-Diatec Trentino 2-3
(25-22, 25-22, 22-25, 14-25, 13-15)
REVIVRE MILANO: Perez Rivera, Schott 12, Galassi 6, Abdel-Aziz 25, Klinkenberg 4, Piano 9, Fanuli (L); Sbertoli 1, Averill 2, Piccinelli (L), Tondo. N.e. Daldello, Preti e Cebulj. All. Andrea Giani.
DIATEC TRENTINO:
 Zingel 4, Vettori 3, Hoag 6, Eder 10, Giannelli 5, Kovacevic 22, De Pandis (L); Chiappa (L), Kozamernik 7, Lanza 12, Teppan 12. N.e. Cavuto, Partenio. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Boris di Pavia e Goitre di Torino.
DURATA SET: 27’, 29’, 31’, 24’, 19’; tot. 2h e 10’.
NOTE: 3.448 spettatori, incasso non comunicato. Revivre: 6 muri, 4 ace, 22 errori in battuta, 4 errori azione, 48% in attacco, 41% (20%) in ricezione. Diatec Trentino: 13 muri, 8 ace, 27 errori in battuta, 12 errori azione, 57% in attacco, 50% (19%) in ricezione. Mvp Kovacevic.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza