Connect with us
Pubblicità

Voce - Valsugana

Trekking tra le meraviglie della natura e le opere dell’uomo

Pubblicato

-

Non solo mercatini nel periodo natalizio, c’è chi rifugge da code e stress degli ultimi acquisti partecipando con entusiasmo ad una escursione alle Piramidi di Terra di Segonzano, in una veste speciale: illuminate, nel buio di una fredda serata invernale.

All’evento di sabato 16 dicembre organizzato dal Comune di Segonzano e Rete di Riserve Alta Valle di Cembra – Avisio partecipano oltre sessanta persone di ogni età  attrezzate con bastoncini e frontalino e accompagnate dall’esperto naturalista Zanghellini.

In fila indiana lungo un sentiero ad anello che conduce nei punti di osservazione più spettacolari ai piedi delle Piramidi per circa due ore, un paesaggio lunare si presenta ai nostri occhi.

Pubblicità
Pubblicità

Per l’occasione alcuni volontari dei Vigili del Fuoco hanno puntato un faro verso i bianchi pinnacoli, creste e coni sormontati da un masso; protagoniste sono le immagini di un fenomeno geologico unico in Trentino e raro al mondo.

Al rientro un momento conviviale organizzato dagli Alpini e infine dolce e brulé da gustare nella piazza del paese, è il “Nadal En Tra I Porteghi”, musica, mostra fotografica e luminarie dei presepi allestiti lungo le vie del centro storico.

Pubblicità
Pubblicità

Abbiamo lasciato la valle con un senso di nostalgia per questi luoghi caratterizzati da un forte senso di comunità, semplicità, tradizione e ritmi naturali.

“Questi valori a prima vista ancestrali – come sostiene Enrico Camanni nel saggio che introduce il libro “Altrove” di Giordano e Delfino – diventano attualissimi se letti come altro di una società frenetica, utilitarista, rumorosa, individualista e artificiale. Allora il passato assomiglia al futuro e la tradizione ha sentore di avanguardia”.

E come non pensare quindi alla giornata precedente trascorsa in val di Sella, un trekking con l’autore del diario di montagna “Il ragazzo selvatico” e del romanzo “Le otto montagne” tradotto in oltre 40 paesi: un caso letterario quello di Paolo Cognetti vincitore della 71^ edizione del Premio Strega.

Invitato da Lisa Orlandi della Piccola libreria di Levico Terme, lo scrittore ha visitato l’esposizione permanente di Arte Sella dedicata all’Art in Natur, incontrando nel pomeriggio i lettori presso hotel Al Legno, con l’intento di raccogliere ispirazione per la prossima edizione del festival partecipativo di arte, libri e musica di montagna “Il richiamo della foresta” (che si svolgerà dal 20 al 22 luglio 2018 in val d’Ayas – Valle d’Aosta).

Lo scrittore prova una grande meraviglia per Arte Sella, definito un museo nel bosco, e cerca di  immaginarsi come portare nel bosco di larici vicino a casa sua un progetto simile.

E’ un viaggio di istruzione, per imparare cosa si fa in giro per le Alpi, creando reti e relazioni, l’obiettivo è quello di raccontare un possibile modo di vivere in montagna per scelta da parte della nuova generazione, li definiscono i nuovi montanari.

L’intervista inizia con la lettura di un brano di Mario Rigoni Stern, il maestro che ha ispirato lo scrittore valdostano nel fondare l’associazione culturale “Gli urogalli”.

Paolo Cognetti si confida con i lettori, la passione per la montagna arriva dopo una crisi, trova sollievo nella montagna e nella letteratura ”la natura come cura” e fa riferimento alle esperienze di Hemingway e Rigoni Stern feriti nel corpo e nello spirito al ritorno dal fronte.

 “Il ragazzo selvatico” è un diario spontaneo scritto all’età di 30 anni dopo la lettura di Stern ed essere rimasto colpito dal film “Into the Wild”; per trovare la vena poetica affitta per sei mesi una baita in alta montagna tramite Google e descrive la sua esperienza di isolamento dopo dieci anni che non frequentava la montagna, lui cresciuto a Milano da genitori veneti.

Trascorre le prime due settimane in baita senza incontrare un’anima viva, soprattutto di notte è molto difficile, prova paura, freddo, buio e solitudine, pensa che il bosco sia spopolato, ma all’indomani osserva nella neve impronte di lepre, capriolo e volpe, in seguito incontrerà due di questi animali.

Il titolo del romanzo “Le otto montagne” gli piove dal cielo e Cognetti che ha studiato Matematica attribuisce un significato speciale al fatto di sentirsi perseguitato dal numero 8, che poi si svelerà nel Buddismo.

E’ una storia ambientata nelle valli e ghiacciai al confine tra Piemonte e Val d’Aosta (con dei riferimenti autobiografici), un’amicizia tra due ragazzi: Bruno il montanaro e Pietro un po’ scontroso e solitario che proviene dalla città.

Secondo lo scrittore esistono due tipi di persone: quelli che frequentano l’alta montagna  e coloro che vagabondano intorno, il suo amico Bruno è sempre fermo in montagna, mentre Pietro parte per poi ritornare, la meta di uno dei suoi viaggi è l’Himalaya.

In realtà Paolo Cognetti compie diversi viaggi, in Nepal, America e recentemente in Tibet, un’esperienza  di cui parla nel  suo blog “Capitano mio Capitano”.

Rifiuta la società, lo stress post-moderno e l’onnipresenza della comunicazione, non si sente responsabile delle scelte della maggioranza che invece predilige questo stile di vita, la montagna forse non è per tutti.

Ben appropriata è la conclusione del libro “La nuova vita delle Alpi” di Enrico Camanni:

“C’è chi scende in pianura per emanciparsi dal passato e chi sale in montagna a inventarsi un futuro. Chi sale è il nuovo montanaro che ha scelto di abitare le terre alte, e il salire è già un’azione ribelle di per sé perché sovverte le leggi della fisica…Inoltre il nuovo montanaro porta linfa vitale perché ha deciso di vivere in un ambiente difficile, spinto da una motivazione etica ed ecologica. E’ montanaro per vocazione, non per nascita o punizione. Probabilmente sarà l’unico abitante delle Alpi di domani”.

Recarsi ad Arte Sella in una giornata uggiosa è forse il modo migliore per apprezzare il silenzio e la quiete di una valle un tempo marginale e poco frequentata. Ma oggi grazie alla lungimiranza dell’omonima associazione culturale, è  un punto di riferimento unico nel suo genere.

Oltre trecento artisti provenienti da discipline diverse hanno qui diffuso la loro energia creativa, realizzando le opere con sassi, rami, foglie e tronchi, circa 60 installazioni che si fondono con l’ambiente circostante diventando parte del paesaggio, ma con durabilità limitata. Gli animali usano le opere e si scoprono le loro impronte.

Tre le opere più recenti 2017: Terzo paradiso – La trincea della pace, Trabucco di Montagna e Forest Byoubu.

“Sono passati vent’anni e ancora gli sembra ieri. Anche perché il tempo, nella vita di un uomo, non si misura con il calendario ma con i fatti che accadono; come la strada che si percorre non è segnata dal contachilometri ma dalla difficoltà del percorso. La Nord del Cervino è molto più lunga dell’autostrada del Sole”.  (Il bosco degli urogalli – Mario Rigoni Stern)

Maria Cristina Betzu – m.betzu@tin.it

  • Pubblicità
    Pubblicità
Rovereto e Vallagarina38 minuti fa

Cibo cinese e giapponese: è Rovereto la ‘regina’ italiana delle ordinazioni a domicilio

Trento57 minuti fa

Con i rincari la benzina diventa ‘oro’: anche in Trentino i prezzi più alti dal 2013

Trento2 ore fa

Allarme produzione di mele italiane, nel 2030 potrebbe calare del 30%

Trento2 ore fa

Fondazione Pezcoller, rinnovato il Consiglio di amministrazione

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Arco: A Nick Casciaro trionfatore a X-Factor in Romania le congratulazioni della città

Telescopio Universitario2 ore fa

700 mila morti ogni anno per colpa delle zanzare: l’università di Trento inventa un modello per mappare il rischio

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Alto Garda e Ledro, riorganizzazione sanitaria a misura di cittadino

Trento3 ore fa

PNRR, incontro sui bandi di ricerca e innovazione con il ministro Messa

Trento3 ore fa

Finti tamponi: nessuna autorizzazione Asl. L’ambulatorio di Trento era abusivo

Trento4 ore fa

Caro-energia, ieri l’incontro fra Provincia e Cgil, Cisl e Uil

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Giornata della Memoria: ieri la medaglia d’onore a Giovanni Laghi di Ala

Trento5 ore fa

Scontro fratricida fra i leghisti al Centro culturale santa Chiara: e la sinistra trentina ringrazia

Trento5 ore fa

Scuola. Brandi (Pro Vita & Famiglia): «Continua la petizione per chiedere una legge contro il gender. Il consiglio provinciale di Trento ascolti i genitori»

Giudicarie e Rendena6 ore fa

Impatto tra due veicoli, ferite le due conducenti

Trento17 ore fa

Oggi il debutto del Nucleo investigativo contro i furti nei negozi del centro

Trento4 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento3 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento2 settimane fa

Fugatti: «Per ora la scuola tiene. Ma siamo pronti a valutare nuovi provvedimenti»

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 4 vittime e 885 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Altri 336 contagi da Coronavirus nelle Valli del Noce

Rovereto e Vallagarina2 settimane fa

Infermiera no vax di Rovereto muore di Covid a soli 57 anni: aveva deciso di non curarsi

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi in calo e ricoveri stabili nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Hotel di lusso nello spazio, dal 2022 la possibilità di soggiornare a 320 km di altezza

Il turismo spaziale è sempre più vicino a diventare realtà, completando la sua offerta con la realizzazione di un hotel di lusso nello spazio. Dopo aver visto Elon…

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

Categorie

di tendenza