Connect with us
Pubblicità

Trento

Ecco il Manifesto e la Medaglia dell’Adunata alpini Trento 2018.

Pubblicato

-

Sono Renzo Merler ed Eugenia Merlani i vincitori del concorso “Medaglia e Manifesto” della 91a Adunata nazionale degli Alpini che nel 2018 sarà ospitata dalla Città di Trento. La commissione presieduta da Renato Genovese ha selezionato tra le oltre cento opere pervenute alla Sede dell’Associazione Nazionale Alpini di Milano i due bozzetti, che poi il Consiglio Direttivo Nazionale ha votato.

Renzo Merler è vicepresidente della Sezione Associazione Nazionale Alpini di Trento, già eletto Alpino dell’Anno e premiato ad Alassio. Il suo disegno, realizzato in forma grafica con il programma IIlustrator e in versione vettoriale, presenta la riproposizione della via più importante di Trento: Via Belenzani – dove si trova la sede del Comune di Trento – dalla caratteristica conformazione che si apre verso piazza Duomo, dove campeggia la splendida Fontana del Nettuno e, sulla sinistra, la torre Civica di Trento.

In basso a destra è stata riproposta in grigio la sagoma di un Alpino, forse il più celebre Alpino di Trento: Cesare Battisti, nel quale trovano spazio i tre loghi di Comune, Provincia e Regione. Il disegno è stato corredato della scritta Trento, mentre un leggero tricolore separa la data 11-13 maggio 2018. In alto i richiami all’Associazione Nazionale Alpini con il logo, e alla 91a Adunata Nazionale. In cima alla Torre Civica sventola il tricolore.

Pubblicità
Pubblicità

Eugenia Merlani si è aggiudicata invece il premio per il bozzetto della medaglia, nel cui recto sono rappresentati il logo dell’ANA, lo stemma della città di Trento e la data dell’Adunata (11-12-13 maggio 2018), messi in risalto su un piano che riprende una parte del lago dell’Adunata di Trento 2018. Nel verso invece sono rappresentati il Mausoleo di Cesare Battisti e una colomba (che richiama lo stile di Depero), simbolo di pace dalla quale emerge l’elemento della penna, significativo per gli Alpini.

In risalto il simbolo numerico dell’adunata e la scritta “91a Adunata Nazionale Alpini”. “Il tutto per ricordare che gliAlpini non sono per la guerra, ma in ricordo di quanto avvenuto portano un messaggio di pace” commenta l’autrice. Il manifesto ufficiale dell’Adunata e la medaglia sono coperti da copyright. Il loro utilizzo deve essere espressamente autorizzato dalla Sede Nazionale ANA.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Sono 1.385 i dipendenti del comune di Trento. In forte crescita il part Time

Pubblicato

-

Il comune di Trento ha diffuso oggi i dati relativi all’annuario statistico 2018.

Per quanto riguarda il  focus sull’amministrazione il numero di deliberazioni consiliari adottate nel 2018 è pari a 207, le deliberazioni approvate della Giunta sono 294, i conclusi 700.

Per quanto riguarda l’Ufficio Relazioni con il Pubblico viene riportato l’andamento dei contatti registrati dal 2005 in poi. In generale, in serie storica, si rileva un calo, mentre nel 2018 i contatti sono aumentati rispetto all’anno precedente.

PubblicitàPubblicità

Il valore è, infatti, pari a 16.605 (+8,1% rispetto al 2017), di cui 2.142 sono costituiti da suggerimenti, segnalazioni e reclami.

La modalità di contatto preferita dal cittadino è al banco (43,1%).

Da notare come siano in costante aumento i contatti scritti, in modo particolare quelli attraverso e-mail e tramite la piattaforma Sensorcivico (aumentati rispettivamente del 16 e del 21% rispetto al 2017).

I dipendenti del Comune di Trento sono 1.385 (-1,9% rispetto al 2017), 570 uomini (41,2%) e 815 donne (58,8%).

Pubblicità
Pubblicità

I dirigenti, prevalentemente uomini, sono 24.

La qualifica con il numero maggiore di dipendenti è la C (625). Le persone in part-time sono 410, dato che corrisponde al 29,6% del totale dei dipendenti.

Questa proporzione è in aumento nel corso del tempo: nel 2005, infatti, i part-time erano 295 su un totale di 1.627 dipendenti, corrispondenti al 18,1%.

L’età media del personale a tempo indeterminato è di 50,5 (dato in costante aumento, nel 2005 era pari a 43,5).

Con riferimento ai dati catastali invece, si evidenzia che su un totale di 136.043 unità immobiliari accatastate, il 47,1% (64.131 unità) è ad uso abitativo, mentre il non residenziale  negozi, uffici, studi e uso produttivo) costituisce il 7,4%, la restante percentuale è costituita da pertinenze 2 .

Tra le unità ad uso abitativo, l’80,0% è costituito da abitazioni definite “di tipo civile” (A2, ovvero, secondo le note esplicative del catasto, unità immobiliari “appartenenti a fabbricati con caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture di livello rispondente alle locali richieste di mercato per fabbricati di tipo residenziale

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

38.633 ricoveri negli ospedali di Trento nel 2018. Gli aborti sono 166

Pubblicato

-

Con riferimento all’anno 2018, i dati forniti dall’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari evidenziano 38.633 ricoveri, per 241.221 giornate di degenza negli ospedali cittadini (S. Chiara, S. Camillo e Villa Bianca).

I posti letto totali sono 853. I ricoveri sono diminuiti leggermente (-3,7%), così come le giornate di degenza (-1,3%).

La degenza media, calcolata come rapporto tra numero di giornate di degenza e ricoveri, è pari a 6,2, dato maggiore dell’anno precedente di 0,1.

Pubblicità
Pubblicità

In Provincia i ricoveri sono 81.258 e le giornate di degenza 645.606, con una degenza media di 7,9 giorni.

Le persone residenti ricoverate sono 12.907 (dato inferiore a quello dell’anno precedente -3,6%): la maggior parte degli accessi alle strutture ospedaliere si verifica per malattie del sistema circolatorio (14,3%) e dell’apparato digerente (10,5%).

La percentuale di persone residenti a Trento ricoverate sul totale dei residenti diminuisce costantemente nel corso del tempo: si passa dal 14,0% del 2009 al 10,9% del 2018.

I ricoveri per parto delle residenti a Trento sono stati 801, dato in diminuzione rispetto al 2017 (-7,9%).

Pubblicità
Pubblicità

Rimane costante il numero di interruzioni volontarie di gravidanza (166 nel 2017 e nel 2018).

Nel corso dal 2018 si evidenzia un decremento rispetto all’anno precedente delle persone non residenti in Trentino che vengono ricoverate in regime ordinario (-12,5%) ed un aumento di quelle ricoverate in day hospital (+17,3%) presso le strutture territoriali (mobilità attiva) e che provengono principalmente dal Veneto, dalla provincia di Bolzano e dalla Lombardia.

Si tratta in tutto di 3.758 persone, con una diminuzione percentuale del -6,9%. Nel decennio questo dato ha evidenziato un andamento piuttosto altalenante, con anni in crescita e anni in calo.

Sono in diminuzione, rispetto al 2017, le persone che, pur essendo residenti a Trento, vanno a farsi curare in strutture esterne alla Ragione (mobilità passiva). Il valore è pari a 2.023 con una diminuzione percentuale del 6,4%. Nel decennio il dato è calato del 26,3%.

Le mete preferenziali sono, come nel caso della mobilità attiva, il Veneto, la Lombardia e la Provincia di Bolzano. Le farmacie sul territorio comunale sono 30, di cui 10 comunali.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

A Trento si commettono 16 reati ogni giorno, il 41,6% sono perpetrati da extracomunitari

Pubblicato

-

Il comune di Trento ha diffuso i dati relativi all’annuario del 2018 

Nel corso del 2018 diminuisce il numero dei delitti commessi (e denunciati) nel Comune di Trento (-5,6%): se ne registrano, infatti, 5.555, rispetto ai 5.884 del 2017.

Il dato provinciale evidenzia una diminuzione più lieve (-1,2%).

PubblicitàPubblicità

Con riferimento al Comune di Trento si rileva un decremento di persone denunciate e in seguito arrestate e fermate (-13,4%), mentre, a livello provinciale, diminuiscono in maniera minore (-5,9%).

Le persone extracomunitarie denunciate calano lievemente nel Comune di Trento (895, -9,1%) mentre restano costanti in provincia (1.733, +0,1%).

Gli extracomunitari costituiscono il 41,6% di tutte le persone denunciate in Comune; in Provincia invece il valore è pari a 28,8%.

Il furto resta sempre il tipo di reato maggiormente perpetrato (l’incidenza sul totale dei delitti è del 54,1%).

Pubblicità
Pubblicità

Il dato è in leggero aumento rispetto all’anno precedente (+1,7%).

Nel corso del 2018 sono stati rilevati 445 danneggiamenti (-0,9% rispetto al 2017), 358 truffe e frodi informatiche (nel corso del 2017 erano state 406, -11,8%) e 240 reati connessi con la produzione, lo spaccio e il traffico di stupefacenti (234 nel 2017, +2,6%).

Le rapine sono 61 (nel 2017 erano 53). Diminuiscono, rispetto all’anno precedente, le denunce per reati contro l’incolumità e la libertà individuale (percosse, lesioni dolose, violenza privata, minacce, violenze sessuali) -32,9%.

Il tasso di delittuosità in comune (numero di delitti rispetto alla media annuale della popolazione residente rapportato a 100.000 abitanti), si mantiene costantemente più alto che nel resto della provincia: nel 2018 il valore per il Comune di Trento è pari a 4.701,9 per la Provincia è di 2.956,6.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza