Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

In Trentino docenti usa e getta

Pubblicato

-

Dopo anni e anni di precariato, gli insegnanti della Formazione Professionale provinciale stavano aspettando l’indizione di un concorso che avrebbe dato loro la possibilità di uscire dal limbo dei contratti a tempo determinato.

Stabilizzazioni promesse dal Consiglio provinciale che nell’aprile 2015 aveva approvato una mozione con cui si impegnava a renderle effettive di lì a poco. Stabilizzazioni dovute perché usate come merce di scambio da politica e sindacati, nel 2016, per far accettare agli insegnanti della F.P. pubblica le recenti modifiche peggiorative del contratto, con tanto di firma di Rossi in calce al documento che sanciva lo scambio.

Queste le parole del Presidente ed Assessore all’Istruzione sulla stampa di quei giorni: “Io sono pronto a stabilizzare 30 o 35 cattedre della Formazione Professionale anche domani se i sindacati firmano il contratto e accettano di lavorare un po’ di più a luglio”. E l’ufficio stampa PAT, a firma avvenuta, scriveva: “La Giunta provinciale ha dato avvio all’iter che porterà entro l’anno formativo 2016-2017 alla stabilizzazione di 35 docenti degli istituti professionali provinciali”.

Ebbene, oggi apprendiamo quella che sarebbe la proposta di modifica della Legge Salvaterra sulla scuola per introdurre queste tanto sbandierate stabilizzazioni. Peccato che tale proposta non preveda la “stabilizzazione” dei precari storici, coloro che nei due istituti lavorano da anni e rappresentano circa il 50% del corpo docente, ma assunzioni aperte a tutti: insegnanti delle scuole statali e degli enti privati.

Facciamo anche presente che molti colleghi degli enti sono già di ruolo (ma si sa, un ruolo nel pubblico….) e, senza aver mai messo piede in uno dei due istituti provinciali, avrebbero la possibilità di prendere il posto di chi invece da anni vi lavora come precario.

Pubblicità
Pubblicità

In quale azienda potrebbe accadere che dipendenti assunti e riconfermati per 6, 7, 8 anni vengano poi messi alla porta per assumere lavoratori provenienti da altre ditte?

È discriminatorio, ci è stato detto, non aprire il concorso a tutti. Ma se sono reali “stabilizzazioni” si dia il giusto peso agli anni di servizio svolti a copertura delle cattedre che si vogliono stabilizzare, e si dia la precedenza a chi precario è, non a chi è già “stabile”.

Altrimenti discriminatorio diventa usufruire del servizio di un lavoratore, promettergli un posto fisso quando conviene per fargli fare ciò che si vuole, e poi lasciarlo a piedi quando non serve più.

I docenti precari della Formazione Professionale provinciale

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza