Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Le persone che vivono nelle valli vanno rispettate sempre, non solo in campagna elettorale. – di Alberto Cappelletti

Pubblicato

-

Negli ultimi giorni sono apparsi alcuni articoli giornalistici sull’allargamento della strada che, dal lago di Cei porta a Passo Bordala. Una strada importante sia per i residenti nel Comune di Ronzo-Chienis che spesso la utilizzano per recarsi a Trento, evitando di congestionare ulteriormente la trafficatissima strada Rovereto-Loppio-Riva, sia dai turisti che si recano al lago di Cei e che, se ci fosse una strada decente, potrebbero salire verso passo Bordala e così scoprire una delle valli più belle e incontaminate del Trentino, la Valle di Gresta, con i terrazzamenti delle coltivazioni orticole, i resti della grande guerra, i sentieri e tutte le numerose attrazioni comprese le splendide aziende agricole, artigiane e turistiche che il territorio grestano può offrire.

Uno di questi articoli giornalistici riporta che forse nel 2019, se l’Ass. Gilmozzi manterrà la promessa fatta al Sindaco di Ronzo, si penserà alla realizzazione di qualche slargo nei tratti più pericolosi della strada lago di Cei-Passo Bordala. Una strada stretta, anzi un budello di circa 2.700 mt. (dei quali per circa 2.300 è possibile, senza difficoltà alcuna, provvedere all’allargamento dell’esistente) dove gli automezzi sono costretti, quando si incontrano, ad effettuare delle rischiose retromarce. E’ evidente che l’inadeguatezza della strada reca pregiudizio alle potenzialità turistiche della valle (basti ricordare che i pullman non possono transitare) ed è ancora più evidente che allo stato attuale rappresenta un rischio enorme (e quotidiano) per i residenti che la percorrono, soprattutto nel periodo invernale.

Di fronte all’ennesima promessa, che per coincidenza viene fatta ad apertura della campagna per le elezioni provinciali, sento il dovere di portare la mia testimonianza di Sindaco, che per anni ha subito la passerella delle promesse pre-elettorali della politica provinciale. Ricordo che già nel 1995 la Provincia stanziò circa 800 milioni (allora c’erano le lire) per l’allargamento della strada Cei-Bordala, ma lo stanziamento venne poi spostato poco prima delle elezioni provinciali, su richiesta dell’allora Sindaco di Isera (Passerini) sulla strada di Lenzima. Lo ricordo poiché all’epoca arrivarono in Comune le notifiche di esproprio dei terreni che servivano per allargare la strada, così mi recai personalmente dall’allora dirigente alla viabilità (ing. Plotegheri), il quale prese in consegna l’intero fascicolo comunicandomi che le richieste di esproprio erano giunte al Comune “per errore” visto che la strada non si sarebbe fatta, poiché le risorse erano state destinate ad altro intervento.

Pubblicità
Pubblicità

Qualche anno più tardi nell’a.d. 2000, i sindaci che avevano promosso la realizzazione del Patto Territoriale della Val di Gresta (a Mori era Turella, ad Isera Rossi e a Ronzo-Chienis il sottoscritto), inserirono nelle opere pubbliche l’importo di €.400.000,00 a carico di ciascun comune (totale €.1.200.000,00) per l’allargamento di detta strada (non la realizzazione di qualche slargo ma l’allargamento!). L’allora Presidente Dellai ci invitò a togliere tale opera dal Patto territoriale visto che era già inserita tra gli interventi programmati dal Servizio viabilità della Provincia. A fronte dei dubbi del sindaco Rossi, il Presidente Dellai ha reiterato la promessa ai tre Sindaci, e vista la garanzia che la realizzazione della strada non sarebbe tardata, decidemmo di accogliere la richiesta del Presidente. (con il senno di poi, siamo stati partecipi di una puntata di “Scherzi a parte”).

Nonostante le rassicurazioni siamo punto a capo, la strada non è stata ancora allargata.

Ora leggo che l’Assessore Gilmozzi, dopo aver lamentato la mancanza di risorse finanziarie, ha “promesso” che forse verranno fatti degli slarghi sulla strada, forse nel 2019. Anche qui, per coincidenza, dopo le elezioni provinciali del 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Mi è stato riportato che il consigliere provinciale Alessio Manica ha avanzato delle “perplessità” in merito alla valenza turistica di questa arteria; non voglio commentare le affermazioni del cons. Manica, che per inciso non condivido minimamente,

sotteso che l’importanza preponderante dell’intervento interessa, in primis, i cittadini di Ronzo-Chienis.

Mi permetto infine una considerazione rispetto alla ormai scontata lamentazione della politica, ovvero che “sarebbe bello realizzare l’opera ma mancano i soldi”. Una veloce consultazione delle delibere della Giunta provinciale dimostra che tale “mancanza di risorse” è decisamente meno sentita da alcuni territori che, ennesima coincidenza, sono quelli di provenienza di alcuni assessori provinciali (debbo fare un elenco?). A questo proposito lancio una proposta: sarebbe utile e “trasparente” che la Giunta provinciale pubblicasse un elenco degli interventi/contributi concessi ai singoli Comuni trentini; in questo modo ogni cittadino e non solo i singoli Assessori, potrebbe sapere dove finiscono le risorse pubbliche e come vengono impiegate.

Si legge spesso nei documenti della Giunta e dello stesso Consiglio provinciale, a partire dagli atti di programmazione e dalle varie manovre di bilancio (prossimamente verrà discusso il bilancio provinciale 2018-2020), che è necessario attuare politiche che consentano a chi vive in montagna di poterci rimanere, evitando così quello spopolamento che provocherebbe l’abbandono delle “terre alte”, con evidente impoverimento delle aree montane e contestuale pregiudizio per la sicurezza del territorio, compreso quello che sta a valle!

Concludo dicendo che il bilancio provinciale in discussione la prossima settimana pareggia a quasi 5,5 miliardi di euro, una cifra enorme, nella quale sono certo si possono tranquillamente recuperare quel paio di milioni di euro necessari all’allargamento di quei miseri 2.700 metri della strada Cei-Bordala, ponendo fine, una volta per tutte, a questo annoso problema. E’ una questione di equità verso i cittadini dei territori di montagna del Trentino ed anche una questione di coerenza e serietà della politica. Caro Assessore, la Comunità di Ronzo-Chienis non può più tollerare di essere classificata di “serie C” (e non solo per detta viabilità); il tempo delle promesse è finito, adesso pretendiamo i fatti!

Alberto Cappelletti, – già sindaco del Comune di Ronzo-Chienis

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]

Categorie

di tendenza